Google+

Per risparmiare, la Cina chiude 230 mila scuole elementari. Dopo 10 anni si accorge dell’errore

novembre 26, 2012 Leone Grotti

Negli ultimi 10 anni sono state chiuse 230 mila scuole per l’infanzia nelle zone rurali della Cina. Nel 2001 il governo comunista ha dato il via al piano “abolire e consolidare”, con l’obiettivo di tagliare i costi, migliorando la qualità dell’educazione e l’allocazione delle risorse. Come? Chiudendo decine di migliaia di scuole rurali, che ospitano bambini di pochi villaggi, per creare istituti più grandi per aree più estese, migliorando così la qualità dell’insegnamento e risparmiando sui costi.

230 MILA SCUOLE ELEMENTARI IN MENO. Così, ogni giorno per 10 anni di fila (2001-2010) sono scomparse 63 scuole elementari, 3 scuole medie e 30 centri di insegnamento. Risultato: 230 mila scuole elementari sono scomparse, lasciando enormi problemi a tante famiglie che abitano nelle campagne. Due mesi fa il governo ha bloccato la politica, riconoscendo che la “spending review” scolastica è riuscita a fare solo danni. Il numero delle scuole rurali in Cina è elevatissimo, dal momento che rappresentano oltre il 95 per cento del totale. Ma invece che studiare i bisogni particolari di ciascuna regione, l’ordine del governo è stato applicato dai funzionari in modo uguale dappertutto, lasciando molte aree remote e scarsamente popolate senza scuole e senza la possibilità per le famiglie di mandare i figli in quelle più prossime.

RISPARMIARE SULLA PELLE DEI CINESI. Molti funzionari comunisti locali si sono fatti prendere la mano e per risparmiare, in un periodo in cui il debito locale è altissimo in Cina pari a due mila miliardi di euro, hanno chiuso troppe scuole minando il diritto all’educazione di tantissimi bambini. In realtà, come rivela lo studio “All for rural students”, presentato pochi giorni fa a Pechino, le autorità locali sarebbero state premiate in base al numero delle scuole che riuscivano a chiudere. Per questo, i funzionari sono stati incoraggiati a risparmiare il più possibile.

LE SCUOLE RIAPRIRANNO? Lo Stato centrale, così come quelli locali, ci hanno sicuramente guadagnato ma a farne le spese sono migliaia di famiglie rurali cinesi, che ora si ritrovano senza una scuola dove mandare i propri figli oppure sono costretti a spendere più di quanto possono permettersi per farli andare lontano dal villaggio. Come spesso succede nella seconda potenza economica del mondo, grazie alla “spending review” scolastica la Cina è economicamente più forte ma i cinesi godono di sempre meno diritti. Oggi che il piano “abolisci e consolida” è stato interrotto per inefficienza, non è ancora chiaro se le vecchie scuole verranno riaperte.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

3 Commenti

  1. Domenico Salerno scrive:

    Visto che l’ho visto ripetere tante volte ve lo segnalo, attenzione con i numeri il debito locale cinese sara’ di due mila miliardi di euro (due milioni di milioni di euro) non due milioni di miliardi. Credo impossibile che abbiano un debito pari a mille volte quello italiano o trenta volte l’intero pil mondiale e soprattutto un debito procapite di piu’ di un milione di euro.
    scusate la pedanteria
    con immutata stima

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana