Google+

Noi non istighiamo all’odio. Le Sentinelle in piedi di nuovo in piazza

marzo 28, 2014 Sentinelle in piedi

Cinquanta veglie in soli 8 mesi, 5mila persone nelle piazze e 7 veglie previste per questo fine settimana. È inarrestabile l’espansione della rete delle Sentinelle in Piedi che nelle maggiori piazze italiane vegliano per chiedere la tutela della libertà di espressione messa discussione dal Ddl Scalfarotto, già approvato dalla Camera e ora in discussione al Senato.

Non ci stancheremo mai di ribadire come il testo, presentato come necessario per fermare atti di violenza nei confronti di persone con tendenze omosessuali, sia invece incostituzionale in quanto non specifica cosa si intenda per omofobia e dunque potrebbe essere denunciato, e rischiare fino a un anno e mezzo di carcere, chiunque si dica contrario alle adozioni da parte di coppie formate da persone dello stesso sesso o sostenga che la famiglia sia fondata sull’unione tra un uomo e una donna.

Con fermezza diciamo inoltre no all’introduzione nelle scuole, all’insaputa dei genitori, dei manuali dal titolo “Educare alla diversità a scuola”, redatti nell’ambito della “Strategia nazionale per la prevenzione ed il contrasto delle discriminazioni basate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere” e introdotti nelle scuole senza che le famiglie ne fossero al corrente. Questi testi  mirano a insegnare ai bambini che chiunque faccia riferimento ad un modello di famiglia basato sull’unione stabile tra un uomo e una donna, sia di fatto omofobo in quanto manifesta un atteggiamento discriminatorio che va delegittimato prima e demolito poi.

Proprio qualche giorno fa, in riferimento a questi testi, il cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Conferenza Episcopale Italiana, ha parlato di “lettura ideologica del ‘genere’ – una vera dittatura – che vuole appiattire le diversità, omologare tutto fino a trattare l’identità di uomo e donna come pure astrazioni”  e ha chiesto: “Ma i genitori hanno ancora il diritto di educare i propri figli oppure sono stati esautorati? Si è chiesto a loro non solo il parere ma anche l’esplicita autorizzazione?”

Una posizione che è stata attaccata da più fronti. Significative sono state le parole di Alessandro Zan, deputato di Sel, che ha affermato che chiunque parli di dittatura gender stia “istigando all’odio e alla violenza contro ogni diversità”. Questo non è che la conferma di quanto andiamo affermando: se questa legge dovesse passare, le opinioni rischiano di diventare reato.

Non solo. Di nuovo in occasione delle nostre veglie, anche questo fine settimana sono state organizzate delle contromanifestazioni in cui il silenzio delle Sentinelle in Piedi è stato tacciato di omofobia . E’ l’ennesima conferma di quanto sia urgente mobilitarsi. Se infatti oggi si viene accusati di omofobia soltanto stando in silenzio, cosa accadrà domani, se la legge entrerà in vigore? Sarà possibile esprimersi liberamente?

Le veglie di questo finesettimana:

–         Torino sabato 29 marzo, ore 16:00 in piazza Carignagno

–         Como sabato 29 marzo, ore 16:00 in piazza Verdi

–         Perugia sabato 29 marzo, ore 17:30 in piazza Repubblica

–         Varese sabato 29 marzo, ore 17:40 in piazza monte Grappa

–         Genova sabato 29 marzo, ore 18:00 in piazza De Ferrari

–         Biella domenica 30 marzo, ore 16:00 piazza Battistero

–         Casalmaggiore domenica 30 marzo, ore 17:30 piazza Garibaldi

Infine una nota per chi, nel tentativo maldestro di farci apparire omofobi, insistentemente richiama ad una contrapposizione tra omosessuali ed eterosessuali: semplicemente non esiste. Noi non cataloghiamo le persone in base all’orientamento sessuale, ma guardiamo alla persona nella sua integrità. Al contrario chi si fa paladino dei diritti, ovvero la lobby lgbt, in realtà si arroga il diritto di parlare a nome di tutte le persone omosessuali o transessuali, senza considerare che tra queste c’è chi è contrario alla pretesa di diritti declinati in base all’orientamento sessuale. Molte di queste persone vegliano con noi nelle piazze. Si mobilitano perché hanno capito che non scendiamo certo in piazza per odio, ma per amore. Per amore verso tutti e contro la violenza di chi vuole metterci contro qualcun altro. Non cederemo, e continueremo a invitare ogni persona veramente libera a scendere in piazza con noi.

Vegliamo in silenzio oggi affinché non ci venga tolta la libertà di esprimerci domani.

Su facebook: Sentinelle in piedi

info@sentinelleinpiedi.it

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

4 Commenti

  1. domenico b. scrive:

    PARTECIPIAMO!

  2. Quercia scrive:

    W le sentinelle.

    Partecipiamo numerosi, dai!!!! Non lasciamoli soli. Tutti in piazza!!!!

  3. Paolo scrive:

    Una cosa è vera: non si tratta di contrapposizione tra eterosessuali ed omosessuali. Gli eterosessuali in quanto tali non hanno alcun problema verso i diritti delle persone omosessuali e fossi in loro avrei qualcosa da ridire che un piccolo muovimenti confessionale quale le sentinelle du rien parli a nome degli eterosessuali. Come al solito si cerca solo di buttare fumo negli occhi come la manfrina del “guardare la persona nella sua integrità” un pò ricorda l’altra manfrina del “non giudico il peccatore ma il peccato” concetto aberrante!!!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Debutta in Brasile la nuova generazione della SUV americana di medie dimensioni. Attinge allo stile dell’ammiraglia Jeep, non rinuncia a una discreta propensione all’off road e può contare su di una ricca dotazione multimediale e di sicurezza. In Europa nel 2017.

La concept car Trezor mostra al Salone di Parigi come potrebbero essere le Renault sportive di domani: elettriche, connesse e a guida anche autonoma

Lo step da 120 cv del 1.6 td Fiat è ora abbinabile alla trasmissione a doppia frizione DCT a 6 rapporti. La nuova dotazione, proposta al probabile prezzo di 1.900 euro, è dedicata alla famiglia Tipo e alla crossover 500X.

Per la nuova stagione i tecnici si concentrati soprattutto sulle prestazioni del motore. Grazie al lavoro di sviluppo, il grosso monocilindrici guadagna 6 cv e 3 Nm.

La compatta elettrica francese adotta un nuovo pacco batterie da 41 kWh che porta a 400 km l’autonomia. Debuttano il ricercato allestimento Bose e i servizi Z.E. Trip e Z.E. Pass per semplificare la ricarica presso le colonnine pubbliche. Prezzi da 25.000 euro.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana