Google+

L’opera d’arte al tempo di Internet in scena a Firenze

settembre 26, 2012 Mariapia Bruno

La natura al tempo di Internet? Ce la raccontano artisti come Michele Chiossi, Rolando Deval, Piero Gilardi, Luciana Majoni, Giovanni Ozzola, Cristiana Palandri, Daniela Perego, Caterina Sbrana, Virgilio Sieni e Deva Wolfram, che l’hanno studiata e interpretata con l’uso di diversi media – dalla fotografia analogica a quella digitale, dal video alla performance, dalla pittura al disegno, dalla scultura all’installazione – e che adesso ne confrontano i risultati all’interno della mostra intitolata Osservazione della natura in stato di quiete. L’opera tra aura e condivisione, dove affrontano collettivamente la sfida della contemporanea rappresentazione del reale, in un mondo sempre più saturo di immagini create dai diversi media. Esiste ancora l’idea di unicità e di originalità a cui si riferiva Walter Benjamin già nel 1936 nel suo saggio Das Kunstwerk im Zeitalter seiner technischen Reproduzierbarkeit (L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica) sostenendo come il cinema e la fotografia avessero invalidato il concetto tradizionale di autenticità dell’opera d’arte?

Da allora ne è passata acqua sotto i ponti e maestri come Andy Warhol hanno fatto della molteplicità la caratteristica fondante delle loro creazioni, originali in quanto in serie, non uniche, alla portata de nuovo mondo massa in procinto di esplodere. La risposta alla domanda, come suggerisce il critico Nicolas Bourriaud, è che «sta a noi (…) giudicare le opere d’arte in funzione dei rapporti che producono all’interno del contesto specifico nel quale si manifestano. Perché l’arte è un’attività che consiste nel produrre rapporti con il mondo, e nel materializzare – in una forma o nell’altra – le sue relazioni con lo spazio e col tempo». E in questo caso lo spazio è il Museo Marino Marini di Firenze, il tempo quello che va dal prossimo 28 settembre al 3 novembre 2012.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana