Google+

Le signore in rosso di Giovanni Gastel

luglio 13, 2012 Mariapia Bruno

A Giovanni Gastel piace il rosso, su questo non c’è dubbio. Protagonista di una mostra aperta da oggi nel romantico Chiostro della Magnolia della Fondazione Stelline di Milano, il fotografo milanese classe 1955, ormai conosciuto in tutto il mondo come collaboratore delle principali riviste di moda, presenta 12 scatti di volti e figure femminili, bellissime in abiti sensuali e annegate in un’atmosfera misteriosa e purpurea. Ed è proprio questo colore primario che nell’immaginario collettivo allude al fuoco e alla passione a fare da filo conduttore all’evento che, organizzato in occasione e in contemporanea alla personale di Mario Arlati Rosso | Red | Rojo e visibile fino al prossimo 21 luglio, cattura facilmente l’attenzione pur non essendo basato su chissà quali mentali riflessioni ed elucubrazioni.

Ecco come l’artista racconta l’idea di Rosso Gastel: «Fin dalla mia giovinezza, mi ha profondamente colpito il racconto di Orfeo e del suo sublime canto per la perduta Euridice, che scatenò la follia amorosa delle donne che lo ascoltavano fino al parossismo di ucciderlo e dilaniare con le unghie il suo corpo. Da allora la leggenda vuole che le donne si tingano, in memoria di lui, le unghie di rosso. Il rosso è sempre stato per me il colore del femminile, del mondo dei sentimenti forti e, in un certo senso, delle dee madri, delle divinità ancestrali. (…) Questo colore ricorre nelle mie opere quasi come il nero e il bianco, che ritengo tonalità dell’assoluto. Il rosso è il colore dell’anima e della vita».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

La seconda generazione della crossover coreana beneficia di lievi ritocchi estetici e di un moderno sistema d’infotainment. Debutta il 1.6 turbo benzina da 204 cv di derivazione Pro_cee’d 1.6 T-GDi GT.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana