Google+

Le opere in bianco di Thomas Gleb

luglio 5, 2012 Mariapia Bruno

Si va in bianco al Musée d’Angers che festeggia i cento anni dalla nascita di Yehouda Chaïm Kalman (Lodz 1912 – Angers 1991), pittore e scultore francese di origini polacche – meglio conosciuto con il nome d’arte di Thomas Gleb – che scelse, nel corso della sua vita creativa, il colore della purezza come simbolo di una atemporalità che unisce tradizione e modernità. Il bianco infatti, non allude solo al sacro, ma anche all’autonomia e alla libertà di chiunque lo scelga e lo usi per la creazione di diverse forme d’arte –  dalla scultura, alla ceramica, al disegno, all’installazione, all’abbigliamento – trasformandolo in un rivestimento di tutto rispetto, tutt’altro che monocromo.

Dal titolo Sacré blanc ! Hommage à Thomas Gleb (1912-1991), l’esposizione francese, aperta fino al 16 settembre nella graziosa cittadina della Loira, invita una cinquantina di artisti contemporanei a confrontarsi, con le loro produzioni, con l’opera del protagonista. A spiccare Olga Boldyreff con unlungo abito bianco intitolato La conquête de la couleur, Cécile Dachary con la Grande peau – una grande pelle di écru appesa al muro – e Mylène Salvador-Ros con Cordon ombilical – Fleur de vie, un cordone ombelicale bianco che prende le forme di un fiore da cui nasce la vita.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Tempi Motori – a cura di Red Live

Quattro posti, quattro ruote motrici e ora anche quattro ruote sterzanti: l’erede della granturismo FF vede il V12 6.3 passare da 660 a 690 cv di potenza massima, così da scattare da 0 a 100 km/h in 3,4 secondi. Costerà 270.000 euro.

Vi presentiamo le 5 bike su base Scrambler in finale per il concorso che, a luglio, premierà la più originale. A farle belle la creatività dei dealer Ducati

Pietra angolare di Piaggio, il nuovo Liberty condivide con il vecchio il nome e poco più. Rivisti motore, ciclistica e linea ma è sempre lui ed è pronto al passaggio dello scettro.

Kia presenterà entro il 2017 una berlina sportiveggiante a trazione posteriore destinata a rafforzare la percezione premium del brand coreano. Sarà una degna rivale di BMW Serie 3?

Cambio e frizione, da anni a meno che non si tratti di scooter siamo abituati a usarli continuamente; l’evoluzione, però, mostra come in futuro soprattutto la frizione potrebbe essere destinata a restare un lontano ricordo. Ne parliamo mentre proviamo due sistemi di cambiate evoluta su BMW R 1200 RT e Honda VFR1200F DCT

Speciale Nuovo San Gerardo