Google+

Le opere in bianco di Thomas Gleb

luglio 5, 2012 Mariapia Bruno

Si va in bianco al Musée d’Angers che festeggia i cento anni dalla nascita di Yehouda Chaïm Kalman (Lodz 1912 – Angers 1991), pittore e scultore francese di origini polacche – meglio conosciuto con il nome d’arte di Thomas Gleb – che scelse, nel corso della sua vita creativa, il colore della purezza come simbolo di una atemporalità che unisce tradizione e modernità. Il bianco infatti, non allude solo al sacro, ma anche all’autonomia e alla libertà di chiunque lo scelga e lo usi per la creazione di diverse forme d’arte –  dalla scultura, alla ceramica, al disegno, all’installazione, all’abbigliamento – trasformandolo in un rivestimento di tutto rispetto, tutt’altro che monocromo.

Dal titolo Sacré blanc ! Hommage à Thomas Gleb (1912-1991), l’esposizione francese, aperta fino al 16 settembre nella graziosa cittadina della Loira, invita una cinquantina di artisti contemporanei a confrontarsi, con le loro produzioni, con l’opera del protagonista. A spiccare Olga Boldyreff con unlungo abito bianco intitolato La conquête de la couleur, Cécile Dachary con la Grande peau – una grande pelle di écru appesa al muro – e Mylène Salvador-Ros con Cordon ombilical – Fleur de vie, un cordone ombelicale bianco che prende le forme di un fiore da cui nasce la vita.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

La seconda generazione della crossover coreana beneficia di lievi ritocchi estetici e di un moderno sistema d’infotainment. Debutta il 1.6 turbo benzina da 204 cv di derivazione Pro_cee’d 1.6 T-GDi GT.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana