Google+

Le città metafisico razionaliste di Nadir Afonso

luglio 6, 2012 Mariapia Bruno

Nella seconda metà del Novecento, una volta superata le varie ondate impressioniste, surrealiste e metafisiche, gli artisti si guardano intorno alla ricerca di una rinnovata vitalità da proiettare nelle proprie opere. Tra questi c’è anche Nadir Afonso (Chaves 1920), amico dei piu noti Pablo Picasso, Max Ernst, Candido Portinari, Giorgio de Chirico, Max Jacob, Fernand Legér, con i quali lavorò e dai quali prese spunto per le sue originali “vedute” urbane ammirabili, dal prossimo 18 luglio, all’interno della mostra intitolata Nadir Afonso. Architetto, pittore, collezionista, visibile fino al 30 settembre al Museo Carlo Bilotti di Roma.

Si tratta di colorati scorci di città di tendenza espressionista, dove ben si sposano la lezione dechirichiana e il razionalismo di Le Corbusier (con cui lavoro dal 1946 al 1951) per dar vita a un inedito segno creativo che esplora un nuovo linguaggio di forme e dimensioni. A spiccare tra le opere esposte A Cidade dos Príncipes del 1999, Florença del 2006, dove la città toscana appare immersa nei cromatismi del rosso e sembra costruita su un’iperbole, e Citade Incerta del 2010, dove la poetica del segno sembra costruita nella prospettiva di una geometria evanescente.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Commenti Facebook

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

Versione cabriolet della gigantesca e raffinata berlina Mulsanne Speed, adotta un V8 6.75 biturbo benzina da 537 cv. Radica e pelle a profusione in abitacolo.

Già disponibile nelle concessionarie la crossover di casa Honda, anche nella sua versione completa

Per festeggiare i 30 anni, la compatta spagnola beneficia di un nuovo allestimento top di gamma. Alla discreta caratterizzazione estetica si accompagnano cerchi in lega da 16” e una dotazione multimediale completa.

Il carro funebre più lussuoso al mondo è realizzato dall’italiana Biemme Special Cars. L’ammiraglia inglese accompagna nell’ultimo viaggio grazie al V12 6.75 a benzina da 460 cv. Per essere le star del camposanto.

La versione high performance della berlina nipponica, attesa a breve al debutto, potrebbe rinnegare l’alimentazione ibrida tipica del modello base optando per un ciclopico V8 5.0 a benzina da 500 cv.

Speciale Nuovo San Gerardo