Google+

La legge è il principale strumento di persecuzione dei cristiani

giugno 28, 2013

Berlusconi dice di essere perseguito; i suoi detrattori sostengono invece che la legge è uguale per tutti. Non voglio però parlare di questo.

La vicenda processuale del Cavaliere ha portato sulle prime pagine dei giornali due parole: persecuzione e legge. Questi termini hanno cominciato a ronzarmi in testa associati l’uno all’altro e mi sono sorpreso a riconoscerli nascosti in molte delle notizie di questi tempi.

Si ritrovano in tutte le vicende legate ai matrimoni gay, in Francia come negli USA; nelle questioni legate alla bioetica come in quelle connesse alla scuola paritaria; in tutte le proteste che serpeggiano dalla Tunisia alla Turchia.

Chiamatela sharia o mariage pour tous o referendum, sempre di legge si tratta. Chiamatela taglio di spesa o fermo di polizia o autobomba, sempre persecuzione è.

A pensarci bene accade fin dagli inizi che la legge sia il principale strumento di persecuzione dei cristiani. Gesù è stato crocifisso per presunta violazione della legge ebraica sulla blasfemia, i primi discepoli furono perseguiti per inottemperanza alle leggi sulle abluzioni, quelli del secolo successivo per non essersi sottomessi alla legge che imponeva loro il sacrificio all’imperatore.

I cristiani dei nostri giorni sono costantemente perseguitati in base ad articoli di leggi cinesi, nord coreane, saudite, azerbaigiane, obamiane. Leggi che stabiliscono diritti inesistenti, leggi che cancellano diritti evidenti.

Viste come sono andate le cose fino adesso ho timore che a questo mondo esisterà sempre una legge alla quale appigliarsi per perseguitare i cristiani.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La show car a batteria al debutto al Salone di Parigi può contare su di un motore da 170 cv e un’autonomia di 600 km. È una hatchback compatta disponibile a guida autonoma e anticipa 30 futuri modelli elettrici Volkswagen. Una rivoluzione.

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana