Google+

L’aborto e le balle sul numero degli obiettori. Il caso Puglia

repubbl16.3.j2pgPubblichiamo il comunicato stampa del Forum delle Associazioni Famigliari delle Puglia 

È costante il tentativo, condotto da vari attori della scena socio-politica, di far apparire eccessivo il numero dei medici obiettori di coscienza in Italia ed in Puglia in particolare, e comunque tale da inficiare la possibilità di accedere alla esecuzione delle interruzioni volontarie della gravidanza da parte delle donne interessate.

Stupisce tanta insistenza, a fronte dei numeri che la Relazione del Ministro della Salute sullo stato di attuazione della legge 194/78 ha presentato al Parlamento nel settembre scorso in merito all’esercizio dell’obiezione di coscienza in Italia.

«Una stima della variazione negli anni degli interventi di IVG a carico dei ginecologi non obiettori mostra che dal 1983 al 2011 le IVG eseguite mediamente ogni anno da ciascun non obiettore si sono dimezzate, passando da un valore di 145.6 IVG nel 1983 (pari a 3.3 IVG a settimana, ipotizzando 44 settimane lavorative annuali,  a 73.9  IVG nel 2011 (pari a 1.7 IVG a settimana, sempre in 44 settimane lavorative in un anno). Il numero globale dei ginecologi che non esercita il diritto all’obiezione di coscienza sembra quindi congruo al numero complessivo degli interventi di IVG, e risulta tale anche nel 2011, relativamente ad ogni singola regione».

repubbl16.3In Puglia, in particolare, la percentuale dei ginecologi obiettori di coscienza è scesa  dal 2001 al 2011 di 10 punti percentuali, passando dal 79.5 % del 2001 al 69.7% del 2011 (ultimo anno i cui dati relativi sono già stati ufficializzati), con un carico di lavoro per ginecologo non obiettore di 1.8 IVG da eseguire a settimana. Altro che “moltiplicazione del numero degli obiettori”, come riportato da “Repubblica”, edizione di Bari del 16.3.2014. Non ci sembra che ci sia rischio di eccessivo affaticamento!

D’altro canto, non si spiega come possano andare insieme la costante diminuzione  dei tassi di abortività che stiamo riscontrando in Italia ed uno scarso numero di medici addetti. Del resto, la legge prevede che “gli enti ospedalieri e le case di cura autorizzate sono tenuti in ogni caso ad assicurare l’espletamento delle procedure previste dall’art.7 e l’effettuazione degli interventi di interruzione della gravidanza richiesti secondo le modalità previste dagli articoli 5,7 e 8. La regione ne controlla e garantisce l’attuazione anche attraverso la mobilità del personale” (Art. 9 legge 194/78); ed è in corso un monitoraggio della situazione da parte del Ministero della Salute per evidenziare e risolvere le eventuali criticità; senza però ledere il diritto all’obiezione di coscienza del medico, diritto costituzionalmente riconosciuto e tutelato, e nell’ottica di una applicazione integrale della legge 194.

Particolare attenzione dovrebbe invece destare il tasso di abortività fra le minorenni, in Puglia in costante crescita, come ripetutamente segnalato sia dal Forum delle Famiglie, che dalla ricerca “Eros”, condotta dall’Università di Bari, e la sezione pugliese dell’Associazione “La Bottega dell’Orefice”, in collaborazione con l’USR.

Tutto questo malgrado la distribuzione gratuita di contraccettivi assicurata dalle Regione alle minorenni fin dal 2008 tramite i consultori ASL ed il contemporaneo boom del ricorso alla pillola del giorno dopo, fatto registrare dalle adolescenti pugliesi.

È evidente che c’è qualcosa che non torna: come dimostrato da tante ricerche condotte in Europa, nei paesi europei ove  nelle scuole si registra un più alto tasso di interventi di educazione sessuale basata sull’informazione contraccettiva ed anatomo-funzionale, si registra un maggior tasso di gravidanze e di abortività fra le minorenni. Prova ne sia  la Gran Bretagna che, con programmi  intensivi di educazione sessuale portati nelle scuole fin dalle elementari, “vanta” un tasso di abortività fra le ragazzine pari al 22 per mille.

Forse c’è da ripensare a cosa significa fare davvero educazione sessuale: in famiglia, a scuola, sui media, c’è bisogno di ascoltare quelli che sono i veri bisogni dei ragazzi: che non sono la prescrizione veloce e facile della pillola del giorno dopo, ma il bisogno di ricapire il significato di affettività e sessualità.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

2 Commenti

  1. claudio says:

    La “Repubblica” delle balle!!!

  2. Roberto says:

    Va bene ragionare sui dati (veri), ma attenzione a non farci trascinare sul terreno filo-nazista del “purchè la legge sia rispettata e il servizio garantito”. Infatti una società civile e una classe medica degna di questo nome devono puntare al 100% degli obiettori di coscienza.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

I nuovi Kymco People S 125 e 150 2018 si rifanno nel look e sfruttano motori di ultima generazione. Piccole novità anche nella ciclistica, aggiornata e ora più rigida.

L'articolo Kymco People S 125 e 150 2018 proviene da RED Live.

PROLOGO Cento anni fa, era il 4 novembre 1917, nella fase più cruenta del grande conflitto mondiale, prese il via la 13ª edizione del Giro di Lombardia. Incredibile come solo undici giorni dopo la tragica battaglia di Caporetto (24 ottobre), che ci costò 12.000 morti, 30.000 feriti e oltre 260.000 prigionieri, la Gazzetta dello Sport […]

L'articolo Giro di Lombardia, 100 anni dopo proviene da RED Live.

Dal 2019 la Dorna organizzerà la Moto-e World Cup, primo Campionato mondiale con mezzi ad alimentazione elettrica. Le moto saranno le italianissime Energica

L'articolo Moto-e World Cup il mondiale è elettrico proviene da RED Live.

3.500 km dalla Finlandia all’Italia accompagnati da una costante tormenta di neve insegnano qualche trucco su come affrontare il bianco manto invernale. La tecnologia moderna applicata alle auto aumenta la sicurezza ma la differenza la fa sempre chi guida.

L'articolo Guida sulla neve – Consigli per guidare in sicurezza proviene da RED Live.

Forse non sarà la supercar più aggraziata sulla faccia del Pianeta, ma è senza dubbio la McLaren più estrema mai realizzata. Il suo nome è Senna, in omaggio all’indimenticabile pilota brasiliano, e il peso a secco è da urlo: 1.198 kg. L’erede della hypercar P1, contrariamente ai rumors che la volevano ibrida come l’antenata, rinuncia […]

L'articolo McLaren Senna: la più estrema di sempre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download