Google+

Katie, arriva il colpo di grazia per il “povero” Tom

luglio 16, 2012 Elisabetta Longo

Divorzio tra Katie Holmes e Tom Cruise, parte quinta: l’attore più pagato di Hollywood non sfoggia più il suo famigerato sorriso. Ad avergli fatto perdere le staffe sono stati i giornalisti del National Enquire, che hanno messo in copertina una foto della casa del divo (che è anche base di Scientology) con la scritta “Dentro la casa degli orrori”. All’interno un pezzo che raccontava a quante e quali privazioni il marito e padre premuroso sottoponeva la moglie Katie e la figlia Suri, roba che in confronto la villetta di Cogne sembra un posto di villeggiatura. Il giornalista racconta che la piccola Suri è stata costretta a dormire per tanti mesi in una piccola stanza senza finestre, a scopi depurativi, e parla anche di abusi perpetrati ai danni di Katie. Che sia vero o no, Tom ha sguinzagliato il migliore dei suoi avvocati, Bert Fields, per fare causa alla rivista per centinaia di migliaia di dollari.

Chissà se Tom farà causa anche alla bibbia del gossip People, che racconta nell’ultimo numero di come Katie abbia studiato tutto alla perfezione, come un serial killer, per dare il colpo di grazia al marito, chiedere il divorzio e avere l’affidamento della loro unica figlia di sei anni. Il mantenimento della piccola Suri costerà a papà Tom qualcosa come 10 milioni di dollari, almeno fino al compimento della maggiore età. Il merito sarebbe tutto di papà Holmes, di professione avvocato, che l’ha aiutata a muoversi molto prima d’inoltrare richiesta formale di divorzio dall’attore. 50 milioni di dollari è inoltre la cifra che Tom dovrà dare a Katie, una cifra pressoché “standard” se si guarda alla storia dei divorzi recenti tra divi, come quello tra Paul McCartney e Heather Mills (30 milioni di sterline), o quello tra Harrison Ford e la sua prima moglie, 56 milioni di euro. Ci sono poi casi limite, come la separazione tra Mel Gibson e Robyn Moore, costata 400 milioni di dollari e quella tra Roman Abramovic e la moglie Irina, per la modica cifra di 8 mila milioni. Insomma Tom sorridi, poteva andare molto peggio.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Commenti Facebook

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

La coupé americana del 1969 ha fornito la base per una delle vetture più celebri e amate della televisione. Mossa da V8 con cubature monstre - da 5,2 a 7,2 litri - fu maltrattata in ogni modo durante il telefilm Hazzard: ne vennero distrutte oltre 300!

Riparte l’iniziativa di Specialized in collaborazione con i propri dealers italiani “Test The Best”, in cui tutti potranno ammirare e pedalare le mountain bike e le bici da corsa del 2015

Schiacciate tra le 800 e le 1200, le crossover 1000 possono essere una valida alternativa alle maxi enduro. Sono più leggere, costano meno e hanno prestazioni più che interessanti. Sicuri che 200 cc in più siano proprio necessari?

Sette anni fa se ne andava uno dei rallysti più spettacolari di sempre. Campione del mondo nel 1995, era dotato di uno stile unico, irruente, istintivo. Soprannominato McCrash per la miriade d’incidenti, nel dubbio... accelerava!

Speciale Nuovo San Gerardo