Google+

In Cina la stabilità del regime conta più delle oltre 200 vittime del terremoto Foto Video

aprile 22, 2013 Leone Grotti

In Cina la stabilità del regime comunista conta più di ogni altra cosa. Anche delle vittime di un terremoto. Lo dimostra quanto avvenuto ieri in Sichuan, provincia colpita sabato mattina da un violento terremoto di magnitudo 6,6 che è già causato la morte di oltre 200 persone e il ferimento di altre 11 mila. Ma il bilancio è ancora provvisorio.

ATTIVISTI BLOCCATI. Ieri alcuni attivisti del Sichuan hanno cercato di raggiungere la città di Ya’an, vicina all’epicentro, per aiutare la popolazione colpita di un milione e mezzo di abitanti. Come racconta a Radio Free Asia l’attivista Huang Qi, la polizia li ha bloccati e costretti a tornare indietro: «Le autorità ci hanno fermato per diverse ore, avvisandoci di non aggiungere “ulteriori problemi” al disastro». Un poliziotto ha anche minacciato Huang ricordandogli il suo arresto nel 2008. «Ho provato a spiegare ai poliziotti che non avremmo creato nessun problema nelle zone colpite dal terremoto, che volevamo solo aiutare. Ma ci hanno impedito di muoverci».

LA COLPA DI HUANG. Huang è stato arrestato e condannato a tre anni di prigione nel 2009 per “possesso illegale di segreti di Stato”. La colpa di Huang è di essere entrato nelle zone colpite dal terribile terremoto del 2008 in Sichuan, che ha causato la morte di oltre 80 mila persone, 14 volte per aiutare i parenti delle vittime e per avere indagato sulle scuole, costruite non secondo le regole anti-sismiche per la corruzione dei funzionari comunisti.

MONACI BLOCCATI. Non solo gli attivisti però sono stati fermati. Sabato scorso, il giorno del terremoto, alcuni monaci tibetani hanno cercato di andare da Chengdu [capitale del Sichuan, ndr] nelle zone terremotate per aiutare i cinesi colpiti dal sisma. «Ma le autorità li hanno fermati» racconta Woeser, scrittore tibetano di Pechino. «Hanno cercato allora di raggiungere Ya’an per vie secondarie, ma sono stati bloccati di nuovo».

LA TATTICA DEL PARTITO. Come già avvenuto nel 2008, il Partito comunista cinese cerca di impedire che dalle zone colpite dal sisma si diffondano informazioni, per coprire eventuali mancanze o errori. Davanti alle vittime, ancora una volta il primo pensiero è alla «stabilità», cioè alla tenuta del regime. Xia Yeliang, accademico di Pechino, ha accusato ieri il Partito: «Ogni volta che avviene un disastro, fanno affidamento sull’esercito e la polizia, chiedendo ai cittadini di donare dei soldi. Dopo che sono avvenuti così tanti disastri, ancora non è stata istituita una squadra professionista di soccorso nelle zone terremotate. E questo è inaccettabile».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

SCS, ovvero come ti rivoluziono il concetto di frizione. Anche MV Agusta debutta nel segmento delle trasmissioni “evolute” e lo fa con un sistema leggero e versatile. Sarà questo il futuro del cambio?

L'articolo Prova Mv Agusta Turismo Veloce Lusso SCS <br> addio frizione proviene da RED Live.

Il Biscione di Arese trova da sempre il suo habitat naturale tra i boschi del Nürburgring. È dal 1932 che le Alfa Romeo hanno un feeling particolare con i 20,832 chilometri di saliscendi dell’Inferno Verde tedesco, da quando cioè le Gran Premio Tipo B di Caracciola, Nuvolari e Borzacchini monopolizzarono un podio divenuto nel tempo […]

L'articolo Alfa Romeo Giulia e Stelvio Quadrifoglio NRING proviene da RED Live.

I circa 21 km della Nordschleife percorsi dalla super SUV ceca in poco più di 9 minuti. Con una veterana dell'Inferno Verde al volante: Sabine Schmitz

L'articolo Skoda Kodiaq RS, la SUV a 7 posti più veloce del Nürburgring proviene da RED Live.

ECCO I MIGLIORI CASCHI DA BAMBINO La legge parla chiaro: fino al raggiungimento dei 5 anni di età, i bambini non possono essere trasportati su un mezzo a due ruote. C’è di più: oltre all’età, la piccola creatura deve avere le caratteristiche fisiche necessarie (deve arrivare con i piedi alle pedane) e soprattutto indossare attrezzatura […]

L'articolo I migliori caschi da bambino proviene da RED Live.

C’è un dato curioso che riguarda la popolazione italiana a due e quattro zampe. Sembra che negli ultimi cinque anni, il numero di bipedi che si accompagna a un quadrupede sia cresciuta del 15%… Se da un punto di vista socio-psicologico, questo dato fotografa una voglia di affetto (spesso anche la scelta di darne e […]

L'articolo Prova Nissan X-Trail Trainer: “Hulk approved” proviene da RED Live.