Google+

Regime cinese fa sparire il marito della donna «costretta ad abortire al settimo mese». Pestato il cugino

giugno 26, 2012 Leone Grotti

«Pestiamo i traditori e cacciamoli dalla città di Zengjia». Con questo cartello domenica un gruppo composto da 40 uomini e donne si è recato davanti all’ospedale dove è ancora ricoverata Feng Jianmei, la donna di 22 anni che il 2 giugno scorso il Partito comunista cinese ha obbligato ad abortire al settimo mese in ossequio alla legge sul figlio unico, per accusare lei e la sua famiglia di «tradimento». «Urlavano che eravamo traditori e ingrati» ha dichiarato Deng Jicai, sorella di Deng Jiyuan, marito di Feng, «perché il governo aveva promesso di risolvere la questione ma noi continuavamo a parlare ai media stranieri. Mio cugino, che li ha filmati e fotografati, è stato picchiato e ora è pieno di lividi su tutto il corpo».

Dopo che una foto postata su internet di Feng, dove la donna dopo l’operazione forzata è stravolta sul letto con a fianco il corpicino del figlio morto, ha fatto il giro del mondo, il governo cinese è stato costretto ad aprire un’indagine, scusarsi e rimuovere dal loro incarico quattro funzionari locali. Mentre il governo faceva pubblica ammenda, però, dietro le quinte Pechino preparava già la sua vendetta.

Deng Jiyuan, marito di Feng, è scomparso da domenica notte. Per più di una settimana è stato seguito da ufficiali del Partito e da agenti in borghese notte e giorno. Secondo quanto dichiarato dalla sorella Deng Jicai, tutto è cominciato quando il fratello ha deciso di andare a Pechino per farsi intervistare e denunciare l’aborto forzato a cui la moglie è stata sottoposta. L’intervista non è mai avvenuta, perché gli è stato impedito di andare nella capitale con inseguimenti, minacce e anche pestaggi. «Siamo come prigionieri» continua, «cinque o sei uomini seguono mio fratello dovunque, anche al bagno, e gli hanno detto che dovunque voglia andare saranno loro ad accompagnarlo».

Ora Jiyuan è scomparso e anche se il governo locale assicura di non c’entrare nulla, è difficile credergli, come la vicenda dell’avvocato cieco Chen Guangcheng dimostra. Il rispetto della Pianificazione familiare, e la punizione di chi la viola, è uno dei modi migliori per i funzionari locali di fare carriera all’interno del Partito comunista cinese. Da quando la legge sul figlio unico è stata approvata, a fine anni 70, il governo ha impedito la nascita di almeno 400 milioni di bambini. Oggi cominciano a vedersi gli effetti di questa politica nefasta: la popolazione sta rapidamente invecchiando, la forza lavoro del paese diminuisce, a causa della preferenza della società per i maschi, esiste uno squilibrio tra maschi e femmine tale in Cina che si calcola che almeno 37 milioni di cinesi non potranno trovare una moglie.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Commenti Facebook

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

Svelata l’arma Peugeot per la conquista della Dakar 2015. Diversamente dalla rivale Mini ALL4 Racing, rinuncia alla trazione integrale in favore delle 2WD. Verrà portata in gara da Carlos Sainz e Cyril Despres

Debutta al Salone di Pechino con marchio DS la nuova crossover premium Citroën. Caratterizzata dalle 2WD all’avantreno e dal sistema di trazione evoluto Grip Control, è mossa da un 1.6 turbo a iniezione diretta di benzina da 160 o 200 cv. Arriverà in Italia?

Domenica scorsa, 13 aprile, il Campionato Mondiale Superbike è risultato l’evento motociclistico più seguito del weekend

Speciale Nuovo San Gerardo