Google+

Regime cinese fa sparire il marito della donna «costretta ad abortire al settimo mese». Pestato il cugino

giugno 26, 2012 Leone Grotti

«Pestiamo i traditori e cacciamoli dalla città di Zengjia». Con questo cartello domenica un gruppo composto da 40 uomini e donne si è recato davanti all’ospedale dove è ancora ricoverata Feng Jianmei, la donna di 22 anni che il 2 giugno scorso il Partito comunista cinese ha obbligato ad abortire al settimo mese in ossequio alla legge sul figlio unico, per accusare lei e la sua famiglia di «tradimento». «Urlavano che eravamo traditori e ingrati» ha dichiarato Deng Jicai, sorella di Deng Jiyuan, marito di Feng, «perché il governo aveva promesso di risolvere la questione ma noi continuavamo a parlare ai media stranieri. Mio cugino, che li ha filmati e fotografati, è stato picchiato e ora è pieno di lividi su tutto il corpo».

Dopo che una foto postata su internet di Feng, dove la donna dopo l’operazione forzata è stravolta sul letto con a fianco il corpicino del figlio morto, ha fatto il giro del mondo, il governo cinese è stato costretto ad aprire un’indagine, scusarsi e rimuovere dal loro incarico quattro funzionari locali. Mentre il governo faceva pubblica ammenda, però, dietro le quinte Pechino preparava già la sua vendetta.

Deng Jiyuan, marito di Feng, è scomparso da domenica notte. Per più di una settimana è stato seguito da ufficiali del Partito e da agenti in borghese notte e giorno. Secondo quanto dichiarato dalla sorella Deng Jicai, tutto è cominciato quando il fratello ha deciso di andare a Pechino per farsi intervistare e denunciare l’aborto forzato a cui la moglie è stata sottoposta. L’intervista non è mai avvenuta, perché gli è stato impedito di andare nella capitale con inseguimenti, minacce e anche pestaggi. «Siamo come prigionieri» continua, «cinque o sei uomini seguono mio fratello dovunque, anche al bagno, e gli hanno detto che dovunque voglia andare saranno loro ad accompagnarlo».

Ora Jiyuan è scomparso e anche se il governo locale assicura di non c’entrare nulla, è difficile credergli, come la vicenda dell’avvocato cieco Chen Guangcheng dimostra. Il rispetto della Pianificazione familiare, e la punizione di chi la viola, è uno dei modi migliori per i funzionari locali di fare carriera all’interno del Partito comunista cinese. Da quando la legge sul figlio unico è stata approvata, a fine anni 70, il governo ha impedito la nascita di almeno 400 milioni di bambini. Oggi cominciano a vedersi gli effetti di questa politica nefasta: la popolazione sta rapidamente invecchiando, la forza lavoro del paese diminuisce, a causa della preferenza della società per i maschi, esiste uno squilibrio tra maschi e femmine tale in Cina che si calcola che almeno 37 milioni di cinesi non potranno trovare una moglie.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Tempi Motori – a cura di Red Live

La prima edizione della 12h di Monza è stata un successo e noi di Red eravamo in pista. Non a fare interviste e foto ma a pedalare. Forte...

Si rinnovano le medie coreane: al leggero restyling s’accompagnano dotazioni più moderne e raffinate. Debutta il 3 cilindri 1.0 turbo benzina da 100 o 120 cv.

L’utilitaria più famosa al mondo si rinnova il 4 luglio. Eccone la storia, dai tempi del Duce alla rinascita del 2007, passando per lo “sfregio” del 1991.

L’impressione molto positiva del primo test si è confermata nelle concessionarie. E così la tre cilindri Yamaha MT-09 Tracer è balzata ai primissimi posti delle classifiche di vendita, forte di un compromesso molto ben riuscito tra comfort, prestazioni e prezzo. GIVI, invece che elencare tutti gli accessori già disponibili per questo modello, ha pensato di […]

Interpretazione estrema della nota granturismo DB9, adotta il consueto V12 5.9 portato a 547 cv. Body kit in carbonio e finiture esclusive.

Speciale Nuovo San Gerardo