Google+

Amava così tanto la sua fede che, poiché non sapeva parlare, iniziò a scrivere: Francesco di Sales

gennaio 24, 2014 Pino Suriano

San-Francesco-di-SalesFrancesco di Sales era il primogenito di una nobile e ricca famiglia savoiarda. Avrebbe potuto trascorrere la vita a godere dei suoi beni, invece la trascorse a diffondere ciò a cui più teneva, la sua fede. Divenuto sacerdote (nei disegni di suo padre sarebbe dovuto essere un brillante giurista) provava a esprimerla con ogni sforzo, la predicava ogni giorno dall’altare, ma forse gli mancava qualcosa, quel talento oratorio che altri suoi colleghi sembravano avere: le sue parole, insomma, non facevano effetto. Eppure, nonostante questo, non lasciò perdere: aveva troppo a cuore il contenuto che voleva esprimere, e così cambiò metodo.

Anziché parlare, scrisse: fogli volanti, i cosiddetti “manifesti”, che egli stesso diffuse in giro per le strade. Erano tante argomentazioni legate da un unico intento: correggere gli errori dell’eresia calvinista. Ovunque, senza confini e senza schemi. “È un errore – scrisse – voler escludere l’esercizio della devozione dell’ambiente militare, dalla bottega degli artigiani, dalla corte dei principi, dalle case dei coniugati”.

E in tempi di perdita della ragione, di politica gridata, di continui effetti speciali, è bello riscoprire, nel ricordo di questo Santo celebrato oggi, il valore della parola scritta, la sua bellezza nel porre in modo ordinato il pensiero, facendolo passare dal vaglio dell’organizzazione mediata e dallo studio, costringendolo a interrogarsi, a porsi il problema  della comprensione altrui, a specchiarsi nelle sue stesse pause quasi mai prive di significato (a proposito, che bellissimo strumento è la tanto bistrattata punteggiatura, colei che rende visibili le pause del pensiero).

Davvero abbiamo bisogno di pensare e ripensare più volte a quello che facciamo. Ce lo insegna questo Papa, genio della comunicazione e apparente campione di spontaneità, ma, al contrario, campione del discernimento, che il suo maestro Ignazio di Loyola ha insegnato al mondo.

È vero, ci insegna a non essere schiavi degli schemi preordinati, a essere disponibili a cambiarli (una volta ha tolto di mezzo un discorso preparato per “parlare con il cuore“) ma con la pedagogia del discernimento ci ricorda anche di pensare, prima di agire, il che può significare anche scrivere, prima di parlare, preparare il discorso o la lezione, prima di affastellare parole, il che non è per forza indice di impreparazione o artificiosità, ma può essere rispetto e cura per chi ascolta e apprende.

San Francesco di Sales, dal 1923, per volere di Pio XII è il patrono dei giornalisti, che da lui dovrebbero imparare l’amore per la propria opinione, per ciò che appare loro vero, ad onta di un malinteso neutralismo scetticista tanto in voga. Ma, ancor di più, è il patrono dei sordomuti, coloro che hanno il dono di comprendere più di tutti gli altri, desiderandola, quale gran miracolo sia la parola, scritta o pronunciata, ponte tra le distanze, tra i drammi individuali, tra le “camere separate” che talvolta ci riduciamo a essere. L’ha creata Dio, la parola, come del resto tutte le cose. Spesso, però, la usa il Diavolo per la menzogna, che è “affermare con le parole ciò che non è”.

I santi, in fondo, servono anche a questo, a ricordarci l’uso di ciò che abbiamo in dono. Non lo faremo mai perfettamente, e forse neppure loro lo hanno fatto. Francesco lo sapeva bene, ma lo rendeva tranquillo una certezza: “Non è per la grandezza delle nostre azioni che noi piaceremo a Dio, ma per l’amore con cui le compiamo”.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

2 Commenti

  1. AndreaB scrive:

    Buongiorno, propongo a tutti di leggere il libro “FILOTEA” al quale, per molte cose Don Bosco si e’ ispirato.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

She’s back. Dopo quasi vent’anni d’assenza, la BMW Serie 8 è di nuovo tra noi. La coupé di Monaco, destinata a collocarsi al vertice della gamma del costruttore tedesco, arriverà nelle concessionarie nel 2018, ma le linee sono già state svelate in occasione del Concorso d’eleganza di Villa d’Este. Chiamata a sfidare rivali blasonate quali […]

L'articolo BMW Serie 8: classe cattiva proviene da RED Live.

Un accessorio può fare la differenza? Snob Milano, giovane realtà della provincia di Varese, ne è convinta. E difatti rimpolpa il suo catalogo, già ricco di occhiali da sole e da vista, con le due nuove maschere da moto Café Bubble e Café Flat, ricercate nel design e nei contenuti tecnici.  I punti in comune  Amate […]

L'articolo Snob Milano Café Bubble e Café Flat proviene da RED Live.

Il Wörthersee Meeting, vale a dire il più grande raduno tuning dedicato alle vetture del Gruppo VW, è da sempre una ghiotta occasione per i dipendenti della Casa tedesca per mostrare al mondo delle concept che, spesso, anticipano i modelli destinati a entrare in produzione. Così è avvenuto per la Golf GTI Clubsport. E così […]

L'articolo VW Golf GTI First Decade: la prima volta dell’ibrido proviene da RED Live.

La SUV nipponica si rinnova puntando su di una linea aggressiva e un telaio dalla superiore rigidità torsionale. Confermata la gamma motori che ai benzina 2.0 e 2.5 vede affiancarsi un 2.2 td. Debutta il sistema G-Vectoring Control.

L'articolo Mazda CX-5: a me gli occhi proviene da RED Live.

Compatta, anzi compattissima, e a zero emissioni. La e.Go Life rappresenta ad oggi il progetto più concreto di city car elettrica “indipendente”, vale a dire nata fuori dalla sfera di controllo dei grandi costruttori. Una vettura che fa dell’economia il proprio fiore all’occhiello, dato che in Germania è già ordinabile con prezzi a partire da […]

L'articolo e.Go Life: indipendenza elettrica proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana