Google+

All’Europa serve un piano Marshall. Ma stavolta il compito è della Germania

settembre 27, 2016 Pippo Corigliano

bundestag-aquila-shutterstock_161787215

Pubblichiamo la rubrica di Pippo Corigliano contenuta nel numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti).

Occorre che la Germania effettui un nuovo piano Marshall: questo è il pensiero di Antonio Fazio, economista già governatore della Banca d’Italia, intervenuto a un corso per giovani professionisti in memoria di Ettore Bernabei. Il surplus della Germania può essere impiegato attraverso la Banca europea d’investimenti a favore dei paesi europei che ne hanno bisogno, nello spirito autentico dei fondatori della Comunità europea: Adenauer, De Gasperi, Schuman e gli altri.

Fazio ha ribadito che il valore primario di una sana economia è il lavoro per tutti e ha chiarito che l’attuale crisi economica per l’Italia è più grave di quella che patì nel ’29.

Il corso, organizzato dalla Fondazione Perseus e ospitato nei locali della Fondazione Ericsson a piazza Navona, ha lo scopo di preparare giovani professionisti ad assumersi serie responsabilità, stimolandoli per una profonda preparazione professionale.

Nella lezione, tenuta sabato 17 settembre, Fazio ha invitato ad approfondire il pensiero dell’economista inglese John M. Keynes segnalando come le sue intuizioni siano state fondamentali per il presidente Roosevelt per superare la crisi del ’29 negli Stati Uniti. L’aumento delle tasse non risolve il problema del deficit, anzi lo aumenta.

Si comprende d’altra parte il timore dei tedeschi per l’inflazione: l’avvento di Hitler avvenne dopo un periodo d’inflazione galoppante, ha affermato lo studioso. Ad esempio il prezzo di un caffè aumentava mentre gli avventori lo consumavano a tavolino.

Foto aquila del Bundestag da Shutterstock

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. francesca scrive:

    affidarsi alla Germania è un suicidio…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Audi accelera sulla strada dell’elettrificazione della gamma. Dopo la presentazione della nuova A8, proposta al lancio nelle configurazioni V6 3.0 TFSI e TDI “mild hybrid”, vale a dire con impianto elettrico a 48 volt, ora anche le famiglie A4 e A5 beneficiano d’inedite motorizzazioni mHEV che portano in dote tutti i vantaggi fiscali e di […]

L'articolo Audi A4 e A5, è tempo di micro ibrido proviene da RED Live.

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download