Google+

Elio e il complesso del 1° maggio. Finalmente qualcuno che si fa beffe dei rivoluzionari con la carta di credito

aprile 15, 2013 Peppino Monteduro

In due giorni è diventata la notizia nazionale. No, non Renzi, il Colle, Bersani con i giaguari ancora pieni di macchie, il Caymano, le finta democrazia grillina. No. Questo a confronto è nulla. La vera notizia che da due giorni ricolloca le menti al di fuori della politica (evviva!) è la nuova canzone di Elio e le storie tese. Apro parentesi: chissà quante volte ci siamo chiesti perché si chiamano così? Non ho risposta. Ma avrei dovuto capirlo sin da subito (e me ne scuso per il ritardo) che questi non erano come gli altri. Non erano né migliori, né peggiori. Erano differenti. E come ci diceva quella famosa pubblicità, Think Different. Non è think better (se mai si potesse scrivere così). È think different. Pensano diversamente. Non c’è logica morale, di qualcuno migliore di qualcun altro; c’è solo voglia di dire quello che tutti pensano e che nessuno dice. Chiusa parentesi.

La notizia è la nuova canzone di Elio: Complesso del primo Maggio.

Da quando l’ho ascoltata (venerdì ore 17.12) non riesco a farne a meno. È come una droga. Ne sono assuefatto. Erano anni che cercavo qualcosa di simile. Una lettera, una rima, un messaggino, un post, chessò, qualcosa che finalmente dicesse BASTA al conformismo intellettuale del primo maggio. Finalmente possiamo tossire di fronte alla puzza della superiorità antropologica di cui è imbevuto il Concertone, senza esser considerati dei malati. Finalmente. Basta con la storia dei padroni e delle masse operaie, basta con i soliti cantanti che vanno lì a strimpellarti la prostata con la storia dei poveri, dei diritti dei lavoratori, delle masse sfruttate, del cancella il debito (che poi se devolvessero i soldi dei loro concerti una parte del debito l’avremmo anche eliminata, ma vabbè…). Anni e anni di concerti, sull’articolo 18, sulla povertà, sul Terzo Mondo. Per carità, questioni sacrosante. Ma erano i soliti rivoluzionari con la carta di credito, quelli del Fare i poveri perché fa figo. Finalmente ora si può dire quello che si vuole su tutto questo, senza essere tacciati di fascismo.

La grandezza, la genialità di questa canzone, non è tanto in quel che dice. Nella satira che fa. È il fatto stesso di sdoganare la libertà di parola su un argomento che era “sacro”. Non so voi, ma io ho sempre voluto poterle dire quelle cose. E magari sottovoce le dicevi. Ma poi… poi no, “come ti permetti di criticare i sindacati? Sei un fascista”, “Guarda, l’Italia libera è al primo maggio. Chi non è lì è Berlusconiano”, o peggio “Che bravo Jovanotti che si preoccupa dell’Africa”. Sentivi l’orticaria sulla pelle, non ne potevi più, ma come fare?

Ecco. Fatto. La grandezza della canzone (ovviamente il testo meriterebbe di essere recitato a memoria nelle scuole, altro che l’ora di educazione civica; fantastico “il bancone balcano” e il percussionista ghanese ricollocato nel gruppo pugliese), sta nell’essere Different. Nell’essere anticonformisti. È un grande invito all’anticonformismo. Elio non è il primo a farlo. Ma fatto da lui vale l’immensità.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

5 Commenti

  1. Paolo scrive:

    Vera chicca è la citazione alla fine dell’assolo di chitarra di We will rock you. Brian MAY/MAGGIO. Geniali.

  2. Alessandro scrive:

    Sono commosso. Dio ci conservi gli Elii ancora per vent’anni almeno.

    • beppe scrive:

      si , tutto bene, elio può. e perchè invece chieffo non poteva, pastori nonpuò, un leghista non può, ecc andate avanti voi. la strada per liberarci dalla lebbra della sinistra è ancora lunga. guardate zelig , le iene, le dandini , la littizzetto… non se ne può più ma non si può dire e fare niente.

  3. Giulio Dante Guerra scrive:

    La cosa assurda è che la più antica “manifestazione sindacale” – in realtà “corporativa”, data l’epoca, ancora pre-capitalistica, in cui si svolse – del 1° maggio, ossia la “rivolta degli straccioni” lucchese del 1531, aveva caratteristiche completamente diverse: i manifestanti rivendicavano il diritto, all’interno dell’Arte della Seta, dei possessori d’un solo telaio a tessere la seta in proprio, come avevano sempre fatto, forse addirittura da quando un paio di monaci al servizio di Giustiniano avevano contrabbandato fuori della Cina le uova del baco da seta…
    Come da questo si sia arrivati ai concerti in piazza S. Giovanni, me lo dovrebbe spiegare qualcuno più esperto di me in fatto di storia.

  4. giuliano scrive:

    aspettate a cantare vittoria, il 1° maggio non è ancora arrivato e……… le vie della sinistra sono infinite

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana