Google+

De Maria: «Vorrei fare quadri così belli da cancellare la povertà»

novembre 28, 2011 Mariapia Bruno

«Con i miei lavori vorrei cancellare la povertà, la malattia, l’ignoranza e la violenza. Dovrebbero essere così belli e splendenti da raggiungere questo fine. Se no, un pittore cosa ci sta a fare?». Ecco a cosa pensa Nicola De Maria (Foglianise, 1954), l’artista del colore, della luce e della gioia, quando crea le sue opere. Sono visioni cosmiche, paesaggi fantastici, trionfi di colori vivaci che sembrano voler saltar fuori dalla tela per avvolgere chiunque le osservi in un abbraccio di vita. «Davanti alle sue tele si prova l’esaltazione di una gioia permanente», si è detto, e noi non possiamo fare altro che attendere l’11 dicembre per confermare. Da quella data, infatti, e fino al 26 febbraio 2012, sarà possibile ammirare da vicino una serie di sue opere presso il Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato.

Dal titolo “I miei dipinti s’inchinano a Dio”, la mostra, curata da Marco Bazzini e Achille Bonito Oliva, è la prima grande retrospettiva dedicata all’artista e si inserisce nel progetto Transavanguardia Italiana in occasione dei 150 anni dell’Unità nazionale. Scandiscono le sale espositive le opere prodotte negli anni Novanta e Duemila. Splendide metafore letterarie, parole intense, poesia e musica dipinta su tela, carta, valigie e libri. Un percorso  originale che va ben al di là dei muri.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

La seconda generazione della crossover coreana beneficia di lievi ritocchi estetici e di un moderno sistema d’infotainment. Debutta il 1.6 turbo benzina da 204 cv di derivazione Pro_cee’d 1.6 T-GDi GT.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana