Google+

Cosa serve ai cristiani per essere davvero la luce del mondo

maggio 20, 2015 Pippo Corigliano

chartres-cattedrale-shutterstock_87741925

Pubblichiamo la rubrica di Pippo Corigliano contenuta nel numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

«Senza di me non potete fare nulla», ha detto Gesù (Gv 15,5). Nulla non vuol dire qualcosa, significa “niente”. L’illusione di poter fare a meno del cristianesimo sta arrivando al capolinea. Dal cristianesimo è sbocciata l’Europa e il modello occidentale è il plasmatore della globalizzazione. Le potenze economiche emergenti come il Giappone (da tempo), la Cina, l’India… crescono perché hanno adottato il modello occidentale che ha le radici che conosciamo. Il mondo intero andrà verso lo sviluppo o la rovina a seconda se ritornerà alle radici cristiane o meno, come bene spiegò Ratzinger agli intellettuali francesi.

La crisi dell’Occidente ha questa sola causa: l’abbandono del cristianesimo. Le ideologie hanno preteso di fare da surrogati ma hanno prodotto mostri. I cristiani non devono chiedere il permesso di esistere: sono la luce del mondo. A condizione che lo siano veramente. Se la fede rimane quella impartita dal catechismo dei fanciulli non si concluderà nulla. Occorre frequentare Cristo, conoscerLo, amarLo. Senza la quotidiana lettura del Vangelo, la Messa e le pratiche proprie del cristiano non si va da nessuna parte. Occorre tenere aperte le finestre al soffio dello Spirito Santo.

Non ci illudiamo che facendo leggi adeguate ci riprenderemo. Lo faremo se avremo professionisti di fede e scienza. Le cattedrali del Medioevo sono state fatte con fede e geometria. L’Occidente rivivrà se avrà fede e cultura. L’uomo non può fare a meno di Dio: è una verità nascosta ma bisogna proclamarla dai tetti.

Foto cattedrale di Chartres da Shutterstock


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. paolo scrive:

    Grazie Pippo!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana