Google+

Corpus Domini. «Beh, se l’Eucarestia è un simbolo, che vada al diavolo»

giugno 4, 2015 Flannery O'Connor

flanneryoconnor

Oggi è la solennità del Corpus Domini e la Chiesa cattolica celebra la reale presenza di Gesù Cristo nell’Eucarestia. Per spiegare il significato di questa festa non c’è modo migliore che citare un episodio della vita di Flannery O’Connor. La grande scrittrice cattolica americana nel 1946 si era trasferita in Iowa per studiare e qui – come ha raccontato a Tempi il suo biografo William “Bill” Sessions le sue credenze erano state «assaltate» e messe a dura prova da un ambiente certamente non religioso. Nel libro che raccoglie le sue lettere, The Habit of Being (pubblicato in Italia con il titolo Sola a presidiare la fortezza), O’Connor spiega così che cosa è per lei l’Eucarestia.

«Una volta, cinque o sei anni fa, alcuni amici mi hanno portato a cena da Mary McCarthy e dal marito, Mr Broadwater (…). Lei è una Grande Intellettuale e aveva abbandonato la Chiesa all’età di 15 anni. Arrivati alle otto, all’una io ancora non avevo aperto bocca; cosa potevo dire in una simile compagnia? (…)».

«Beh, verso l’alba si finì a parlare di Eucarestia, e ovviamente tutti si aspettavano che io, essendo cattolica, la difendessi. La signora Broadwater disse che da piccola, quando prendeva l’ostia, pensava che fosse lo Spirito Santo, la persona “più portatile” della Trinità; ora invece la considerava un simbolo, intendendo un gran bel simbolo».

«È a quel punto che, con voce tremante, ho detto: “Beh, se è un simbolo, che vada al diavolo”. Ecco tutta la difesa di cui sono stata capace, ma ora mi rendo conto che, fuorché in un racconto, non sarò mai in grado di dire altro se non che per me [l’Eucarestia] rappresenta il centro dell’esistenza; tutto il resto conta poco o niente».


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

La seconda generazione della crossover coreana beneficia di lievi ritocchi estetici e di un moderno sistema d’infotainment. Debutta il 1.6 turbo benzina da 204 cv di derivazione Pro_cee’d 1.6 T-GDi GT.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana