Google+

Berlusconi, Ruby e la nostra giustizia trasformata in Vernacoliere

maggio 15, 2013 Luigi Amicone

Su 5 milioni di processi penali pendenti in Italia, solo al Cavaliere è stato assicurato il minority report, inchieste a raffica e, se solo avesse evitato di difendersi, processi di una rapidità eccezionale

L’edizione di maggio del Vernacoliere, “mensile di satira, umorismo e mancanza di rispetto in livornese e in italiano”, strilla nelle edicole il seguente titolo: “E Grillo propone telecamere tra le gambe delle deputate per controllare il traffico dei membri”.

Neppure immaginano i titolisti del mensile toscano quanto siano vicini alla realtà più che alla satira greve. Lo Zeitgeist, o spirito dei tempi, è infatti quello: tutti sotto controllo, tutti in streaming. Pace se poi ci ritroviamo in Parlamento ragazzotti che sono stati beneficiati di un seggio, vuoi perché nella vita fanno “clic”, vuoi perché alle “parlamentarie” hanno preso ben quarantaquattro “like”.
E comunque, il fatto straordinario di tutto ciò è che, da Craxi in avanti, la magistratura è divenuta l’unico potere italiano che lo spirito di trasparenza lo ha comunicato bene, lo ha comunicato a tutti, specialmente a qualcuno e mai a se stessa.

Per esempio, quel Berlusconi che nel processo Ruby è l’emblema di tutti i membri sotto controllo. In effetti non sappiamo come sia nato il fascicolo Ruby, perché la fase investigativa è segreta. Ma sappiamo che, essendo l’azione penale obbligatoria, su 5 milioni di processi penali pendenti in Italia, solo a Berlusconi è stato assicurato il minority report, inchieste a raffica e, se solo avesse evitato di difendersi, processi di una rapidità e tempestività eccezionali. Ciò gli ha anche procurato l’installazione tra le gambe di una neanche tanto metaforica telecamera. E neanche a circuito chiuso. Ma così aperto che i giornaletti pornomanettari ci hanno sguazzato e ci sguazzano facendo un sacco di soldi.

Ora, come lo vogliamo chiamare questo tipico tratto italiano, Giustizia o Vernacoliere?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

5 Commenti

  1. Cisco says:

    La giustizia-vernacoliere e’ diretta conseguenza della politica-vernacoliere. E i giornalisti ci hanno sempre sguazzato.

  2. pikassopablo says:

    papaparappappaaapaaaaa ….e la trombetta Amicone continua ad imbarazzare 😀

  3. giuliano says:

    la famosa “giustizia” è andata KO e quindi ha perso ogni credibilità
    processo senza accusatore
    processo senza prova
    processo con intercettazioni illegali
    processo con la presunta vittima nemmeno ascoltata come teste
    processo dove la presunta vittima si sgola per scagionare il presunto colpevole
    tutto questo schifo è iniziato con la nascita di MD ovvero di magistratura Democratica (indovinate di che partito ??) ed è peggiorato da quando Berlusconi è sceso in politica nel 1994 e si è voluto colpirlo in ogni modo anche in barba al buon senso e alla logica dei fatti. Il comunismo dicono che è finito nel 1989, ma a me pare che è sempre vivo e vegeto e se stiamo andando a fondo è per colpa loro

  4. Giovanna Jacob says:

    Pazzesco: quelli che ieri facevano il Sessantotto e urlavano “se non me la dai sei fascista” alle compagne di occupazioni universitarie, oggi decidono che una donna che fa la anti-fascista fra le lenzuola in cambio di cene e regali è “prostituta” e chi le da paga cene e regali è colpevole di avviamento alla prostituzione. Ma se l’annassero a pijà…

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.