Google+

Arriva Rohani, l’omofobo. Si coprono le statue e nessuno scende in piazza

gennaio 26, 2016 Redazione

Tutti in piazza per le unioni civili, ma nessuno per protestare contro la visita del presidente di un paese dove gli omosessuali sono perseguitati

«Soltanto tre giorni fa qualche centinaio di migliaia di italiani era in piazza per manifestare a favore dei diritti omosessuali, non ancora riconosciuti in Italia, non a sufficienza. Si parla con agio di medioevo, si definiscono trogloditi gli oppositori, ci si infiamma di sdegno perché sul Pirellone a Milano compare la scritta “Family Day”. Poi arriva in visita ufficiale il presidente iraniano Hassan Rohani (è arrivato ieri) e tutto questo fermento è già indolenzito nel torpore dei giorni feriali». Scrive così oggi, sulla Stampa, Mattia Feltri.

FRUSTATE O MORTE. Certo, ci sono i soldi (affari per 17 miliardi di euro, si dice), ma Feltri non può fare a meno di notare come in un battibaleno «i rutilanti caroselli di sabato si siano spenti, la riprovazione per l’arretratezza culturale italiana è evaporata, non importa che Rohani sia presidente di una Repubblica islamica nella quale gli omosessuali vengono impiccati in piazza, appesi alle gru». Sono cose che accadono non di rado nel mondo musulmano (si pensi, solo per fare un esempio, agli omosessuali gettati dalle torri di Raqqa dai jihadisti dello Stato Islamico).
Ma non solo lì, appunto. L’Iran è il paese dove se un omosessuale viene scoperto «si prende cento frustate (se il rapporto era casto e si pente) oppure viene messo a morte (se il rapporto era completo). Purtroppo non ci sono statistiche sulle esecuzioni, perché è capitato che i gay, anche minorenni, venissero condannati sotto voci più generiche. Gli amanti del dettaglio troveranno soddisfazione nell’ultimo report di Nessuno tocchi Caino, associazione della galassia radicale: 980 condanne capitali soltanto nel 2015, soprattutto per traffico di droga e omicidio ma anche per reati politici e – come detto – di natura sessuale. E poi lapidazioni, torture, mutilazioni cioè l’intera casistica delle pene inflitte per dare soddisfazione a Dio».

STATUE NUDE. Gli unici che hanno protestato sono stati i radicali. E gli altri? «Le ragioni di una così straordinaria indifferenza sono difficili da comprendere», scrive Feltri. Già. Intanto, sempre oggi sono uscite le immagini dei pannelli con cui sono state ricoperte i nudi delle statue dei musei capitolini. Non sia mai che Rohani, passandovi di fianco, possa offendersi.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

12 Commenti

  1. maboba scrive:

    Renzi è quello che tifava per la famiglia naturale (2007) da semplice sindaco, oggi fa la conversione ad U e contemporaneamente si autocontraddice coprendo opere d’arte millenarie per compiacere uno che ai membri delle sue unioni spara ad alzo zero.
    Cambiare idee e posizioni culturali a seconda del momento e della convenienza. Minimo comun denominatore: mantenere il potere ad ogni costo e prezzo. Mica sarà disposto a vendere anche la mamma?

  2. david scrive:

    e aggiungiamo… che non si stringe la mano alle donne, non si concede ad Israele il diritto di esistere, si fanno festival sulle vignette anti-shoah… devo aggiungere altro?
    ma gli indignati che danno del retrogrado a quelli che voglio mamma e papà spariscono, evaporano… perché in fondo chi è amico dei palestinesi che uccidono gli ebrei è amico mio, no?

  3. Toni scrive:

    Galassi,
    troppo facile prendersela con Renzi. Non hai nulla da dire sui vigliacchi con l’arcobaleno? Quando si tratta di islamici sanno dove dovete mettere la lingua.

  4. underwater scrive:

    Le statue ricoperte sono un emblema di autentico servilismo. Si dileggiano i cattolici, che obbediscono a Colui che li ha resi liberi davwnti al peccato ed ai potenti di questo mondo, se difendono la libertà di tutti contestando leggi totalitarie, ma poi non si riconoscono i dittatori veri. Del resto, Renzi è suddito: della Ue, delle lobby e di presunte regole del mercato che non ci sarebbero se non fossero fortemente ed ipocritamente volute.

  5. gianluca S. scrive:

    Statue coperte: avevamo qualcosa di cui vergognarci? Visto che Renzi “si vergogna” di vivere in un paese in cui ancora non ci sono le unioni civili. Avrà espresso in modo chiaro il proprio disagio per la riapertura di relazioni economiche e commerciali con un paese dove le persone omosessuali vengono condannate a morte. Come no, il nostro coraggioso premier.
    Idem per i gruppi Lgbt: tutti a manifestare davanti all’ambasciata iraniana, poi a quella saudita, e così via;
    rapidi nell’organizzare sit-in e boicottaggi.. con la stessa celerità con cui gonfiano le cifre: da circa 70.000 ( ma diamogliene anche 100.000) a un milione nelle piazze. Bum!

    • Tarso scrive:

      Potevamo chiedere a Rohani di soggiornare in Italia ancora un paio di settimane così Renzi avrebbe rinunciato alle unioni civili.

  6. Sebastiano scrive:

    Trovo incredibile che il nostro premier non si sia vestito con il camicione. Rohani avrebbe potuto offendersi, perbacco.
    Per stavolta l’abbiamo scampata bella…

  7. Tarso scrive:

    Quanto è sciocco Renzi. Poteva evitare di coprire le statue visto che sono splendide manifestazioni artistiche del nostro paese e poi Rohani ha moglie e quattro figli, saprà come è fatta una donna nuda.

    • Piervise scrive:

      Ma… secondo me qua nessuno ha capito che quei cubi sono una forma di arte post-moderna…
      Questa è arte moderna: lineare, spigolosa , essenziale altro che le statue di più di cento anni fà..

La rassegna stampa di Tempi
Sulle tracce di Cristo - Viaggio in Terrasanta con don Luigi Giussani

Tempi Motori – a cura di Red Live

H-D Perugia ha vinto il titolo di Battle of the King 2017 emergendo fra i 42 concessionari ufficiali Harley-Davidson sul territorio nazionale, con una apprezzatissima special su base Roadster di progetto e produzione interna. L’elezione e la proclamazione della moto vincitrice sono avvenute nell’ambito della serata The Battle of the Kings – Italian Showdown svoltasi giovedì […]

L'articolo The Battle of the Kings 2017, premiata la special su base Roadster proviene da RED Live.

I dati di mercato parlano chiaro: il segmento delle 125 viaggia a gonfie vele e nel 2016 ha fatto registrare in Italia una crescita del 40,6% rispetto al 2015. Su scala mondiale i valori relativi sono meno esaltanti ma in termini assoluti i numeri della categoria si possono tranquillamente definire da capogiro. Con un un […]

L'articolo Yamaha YS 125: chi ben comincia… proviene da RED Live.

Bye bye 1.6 TDI da 110 cv. Hai fatto un buon lavoro, però i tempi sono maturi perché tu venga sostituito da un’unità sì di pari cilindrata, ma più moderna e performante. Almeno questo è il parere di Audi che dedica alla gamma A3 il quadricilindrico turbodiesel di 1,6 litri e 116 cv già impiegato […]

L'articolo Audi A3: 1.6 TDI da 116 cv per tutta la famiglia proviene da RED Live.

A chi è capitato, almeno una volta, di transitare sulla A4 Milano-Venezia poco prima di Bergamo non può essere passato inosservato un modernissimo edificio lungo un chilometro tutto rosso. Che si chiama, appunto, Kilometro Rosso. Ed è inevitabile cercare di immaginarsi cosa ci sia dietro, o addirittura dentro. Ebbene, come molti sanno rappresenta una delle […]

L'articolo Al di là del Kilometro Rosso proviene da RED Live.

Cresce la famiglia Range Rover. Tra la “piccola” Evoque, declinata anche in configurazione Coupé e Convertible, e la Range Rover Sport s’inserisce l’inedita Velar, chiamata al debutto in occasione del Salone di Ginevra (9-19 marzo). Sebbene non siano state diffuse informazioni di dettaglio in merito al nuovo modello, è probabile che possa contare su di […]

L'articolo Range Rover Velar: un nuovo tassello proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana