Google+

Anche se non ti interessi del terrorismo, lui si interesserà di te

luglio 5, 2016 Alfredo Mantovano

L’Italia pensa di continuare a star fuori dalla guerra al jihadismo? Grazie al lavoro che svolgiamo da anni in Medio Oriente, abbiamo titolo per recitare una parte positiva

I colori della bandiera italiana proiettati sul Campidoglio, in segno di vicinanza verso i connazionali rimasti uccisi nel terribile attacco di Dacca a Roma, 2 luglio 2016.

Anticipiamo un articolo tratto dal numero di Tempi in edicola da giovedì 7 luglio (vai alla pagina degli abbonamenti) – Parafrasando quello che Gramsci sosteneva a proposito della politica, è giusto dire che anche se tu non ti interessi del terrorismo, il terrorismo si interessa di te. Puoi fruire dell’ottimo lavoro che sul territorio nazionale svolgono i servizi e le forze di polizia, avendo a disposizione leggi all’avanguardia. Se però tanti tuoi connazionali lavorano all’estero in zone diventate difficili e non sei in grado di tutelarli in modo adeguato; se ritieni che non partecipare a missioni militari in scenari di crisi oltre peace keeping sia apprezzato dai tagliagole ultrafondamentalisti, al punto da indurli a risparmiarti; se sei convinto che il profilo basso paghi, non sei legittimato a meravigliarti quando esplode la tragedia. Né ti è lecito affermare che è stato uno sbaglio, che ce l’avevano in generale con gli occidentali e non con gli italiani, e che è meglio continuare a sperare che non tocchi più a noi. Pensare in questo modo espone ancora di più: nella logica del terrorista è fantastico colpire nella certezza che non ci sarà reazione. Nell’imminenza della strage il presidente del Consiglio e il capo dello Stato hanno adoperato toni duri, coerenti con la gravità di quanto accaduto. Devono seguire i fatti. Senza illusioni.

Si è troppo enfatizzata la circostanza – vera – che lo Stato islamico ha perduto negli ultimi mesi aree importanti del territorio che controllava. Forse taluno ha creduto che a ciò seguisse una riduzione degli attentati. La realtà ha dimostrato il contrario: più città e villaggi vengono sottratti all’Is, più l’Is cura il proprio franchising di morte per rendere chiaro di essere vivo e vitale. Questo non vuol dire che non deve proseguire lo sforzo per sradicarlo dai luoghi nei quali è ancora insediato: magari procedendo con un raccordo operativo serio. Smettendo di combattere ciascuno la propria guerra nazionale contro i presunti alleati e iniziando a combattere la guerra di tutti contro l’Is. L’Italia pensa di continuare a starne fuori? È così convinta che una sua partecipazione non legittimerebbe un proprio ruolo verso una maggiore efficacia delle operazioni? Grazie al lavoro che svolgono da anni in Libano, in Iraq e nell’intera area mediorientale, militari e diplomatici italiani avrebbero titolo per recitare una parte originale e positiva: soprattutto in un momento di incertezza determinato dalle imminenti elezioni negli Stati Uniti. Non è il caso di accelerare gli sforzi contro l’Is prima che un successo di Trump accentui il tratto isolazionista seguito finora (con non poche incoerenze) da Obama? Ovvero prima che un successo di Hillary Clinton accentui lo squilibrio della singolare e non dichiarata alleanza fra nemici, per esempio riprendendo a considerare Assad il pericolo numero 1?

Loro dicono, noi non ascoltiamo?
Con una preoccupazione cresciuta dopo Dacca. Tutti sanno che l’Is annuncia le proprie iniziative, indica obiettivi che poi persegue. Lo fa non in modo criptico: nel numero di aprile di Dabiq, la rivista ufficiale dell’Is, dopo che da novembre ogni mese aveva dedicato una sezione ai successi militari in Bangladesh, vi erano segnali inequivoci su quanto sarebbe accaduto nella capitale. Era uscita un’intervista a un soggetto presentato come il nuovo emiro locale. Sempre Dabiq nell’ultimo numero esprime elogi verso un altro combattente bengalese, conosciuto come Abu Jundal al-Banghali. Era accaduto qualcosa di simile a ottobre con un’intervista a colui che dopo qualche giorno avrebbe organizzato le stragi di Parigi. La dicono e non ce ne curiamo? Proprio perché la dicono, vanno seguiti con attenzione rafforzata e mirata ai luoghi, soprattutto in Asia – fra Indonesia, Singapore, Malesia e Filippine – nei quali ci sono italiani che lavorano.
Il tutto senza trascurare quello che non è un dettaglio. Abbiamo un sistema di sicurezza fra i migliori al mondo: non reggerà per molto ridotto all’osso, come è da più leggi di stabilità. I sacrifici, le competenze e il senso del dovere non arrivano a dotare di quei mezzi oggi indispensabili, e non sempre e non in modo diffuso disponibili. La sicurezza non è un lusso. Cade sotto la voce della stretta sopravvivenza.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

7 Commenti

  1. Sammy scrive:

    Il terrorismo è un falso problema.
    E’ il complessivo approccio dell’occidente, quindi anche dell’Italia, all’islam che è totalmente sbagliato. Per paura di guardare in faccia la realtà, ci siamo inventati una differenza tra islam ‘moderato’ e uno ‘integralista’, evidentemente non conoscendo assolutamente la dottrina islamica e il Corano.
    Fino a che rifiuteremo di considerare l’islam per quello che è, ovvero una religione violenta e intollerante, ovvero un oggettivo pericolo per l’occidente, il nostro destino sarà segnato.

    Citaz.:
    “L’Isis non esiste, esiste lo Stato islamico, cioè l’Islam, che è una religione che mobilita, una religione che porta all’estremismo. Lo Stato islamico aderisce alle regole dell’Islam; non sono una banda di criminali, ma persone che seguono le indicazioni dell’Islam.” (il politologo ed esperto di politica estera Edward Luttwak, su Radio24 il 24.03.2016)

  2. Ferruccio scrive:

    L’Islam è tutto ed il contrario di tutto. ci sono versi del corano che inneggiano alla violenza ed altri che parlano di pace quindi secondo me le figure chiave sono gli interpretatori e insegnanti dell’islam cioè gli imam che devono essere selezionati e tenuti sotto stretta osservazione dalle forze di polizia. Poi ci sono i social network da cui possono venir fuori i lupi solitari ed infine si deve limitare l’immigrazione in modo da ridurre il numero di potenziali terroristi da gestire, cosa che Francia e Belgio non riescono a fare.

    • Toni scrive:

      I versetti di pace non mi pare fossero indirizzati ai non credenti i quali fanno parte del “regno della guerra” (dar al harb). Ma spero di sbagliarmi

      • Ferruccio scrive:

        Ci sono pareri discordanti all’interno del mondo islamico e a ragione di ciò serve fare l’analisi del sangue ai predicatori che esercitano nel nostro paese. Se dipendesse da me imporrei per legge un funzionario di stato in moschea che possa “spiare” le comunità religiose o se non vogliamo farla così oppressiva andrebbe bene la partecipazione a funzioni religiose di membri di associazioni adibite al dialogo interreligioso.

        • Sebastiano scrive:

          Mi pare più che altro un pio desiderio (oltretutto irrealizzabile).
          E dell’istigazione all’odio che ricevono a casa, allora, cosa ne facciamo?
          O siamo davvero convinti che sia tutta colpa delle madrasse e delle moschee?
          Mi sembra un modo come un altro per nascondere la polvere sotto il tappeto.

          • Ferruccio scrive:

            In centro e nord europa li hanno lasciati soli a se stessi permettendogli di maturare una sub-cultura di odio in famiglia come nelle comunità. Controllandoli al livello di comunità tieni d’occhio l’evolversi del pensiero sradicando tempestivamente là dove affiora l’intolleranza per mezzo di espulsioni immediate. Mi pare più difficile controllare le famiglie perchè sono micro-cellule più numerose di scuole e moschee.

  3. beppe scrive:

    ci pensa mattarella a mettere tutto a posto. per tenerci buoni le migliaia di islamici in italia, siamo disposti anche a calpestare i morti non ancora sepolti. buon ramadan , fratelli…..aspettando l’ineffabile GADot…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana