Google+

Altro che aiuti. L’Europa voleva darci i soldi per mettere in galera i migranti

agosto 17, 2017 Redazione

Il ministro degli Interni, Marco Minniti, svela le trattative con Bruxelles dopo gli sbarchi di giugno. Soldi non per accudirli o integrarli, ma solo per lasciarli in Italia

Migranti: 140 su nave Msf diretta a Pozzallo

C’è pure spazio per una barzelletta nell’intervista che oggi sul Giornale Gian Micalessin fa al ministro degli Interni Marco Minniti. Una barzelletta in linea con la fama di “cattivissimo” con cui anche Tempi dipinse il ministro in una copertina di qualche mese fa: «Il Signore è pronto a esaudire i desideri di un romano, di un sardo e di un calabrese. Il romano sogna di diventare l’antico imperatore Augusto, il sardo chiede mille pecore e il Signore li accontenta entrambi. Ma sapete che gli chiede il calabrese? “Dio ti prego fai morire le pecore del sardo”».

minniti-tempi-copertinaSOLDI PER HOT SPOT. A parte le boutade, Minniti rivela le trattative avvenute con l’Europa sulla vicenda migranti: «Sapete cosa ci offrirono i nostri amici di Bruxelles dopo quelle giornate tragiche e tremende? Semplicemente più soldi per creare nuovi hotspot» (che servono non solo a identificare, ma anche a trattenere i migranti).
Il riferimento è al 27 e 28 giugno, quando, nel giro di poche ore, 27 navi europee, anche di Ong, permisero lo sbarco di 12 mila migranti sulle nostre coste.

VERE E PROPRIE GALERE. Quindi euro non per accogliere, ma per fare in modo che non si muovessero dall’Italia, come chiosa uno dei presenti al colloquio: «Ci proponevano di fare dei centri di internamento, cioè delle vere e proprie galere, persino per i minori non accompagnati».
Insomma, tenetevi i migranti in Italia, non fateli arrivare in Francia, in Svizzera, in Austria… Per questo, spiega il ministro, la strada giusta è ora trattare direttamente con la Libia, evitando gli “aiuti” europei.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Delle monoposto a emissioni zero (245 cv in configurazione gara, per 225 km/h di velocità massima) che si sono sfidate il sabato 14 aprile lungo un tracciato cittadino di circa 2,8 km ricavato nel quartiere Eur, non si è parlato più di tanto, ancorché all’incontro capitolino del venerdì precedente abbia partecipato anche il Direttore del […]

L'articolo Renault: elettriche avanti tutta proviene da RED Live.

La Swift Sport punta a farsi largo tra le hot hatch puntando su un invidiabile bilanciamento tra telaio e meccanica. Anche il rapporto prezzo/dotazione è vincente

L'articolo Prova Suzuki Swift Sport <br> fame di curve proviene da RED Live.

Moto dotate di radar? Presto saranno realtà. Ducati ha in cantiere un ambizioso programma chiamato “Safety Road Map 2025” che prevede lo sviluppo di molti progetti a tema sicurezza, uno dei quali si chiama Ducati ARAS. Primi arrivi nel 2020

L'articolo Ducati ARAS, presto le moto con il radar proviene da RED Live.

Voglia di avventura, di scoprire nuove strade (bianche) in località toscane ricche di fascino. Senza fretta. La prima di tre tappe andrà in scena a Buonconvento il 29 aprile, in occasione della Nova Eroica

L'articolo Gravel Road Series, da aprile a ottobre. Info e iscrizioni proviene da RED Live.

Mini elettrizza la sua Countryman e si getta nel panorama delle ibride plug-in in modo speciale e a tratti unico. Pensate che le auto Ibride non siano ancora mature o non facciano per voi? Leggete la nostra prova su strada, ma siete avvisati: il rischio di ricredersi qui è alto

L'articolo Prova MINI Cooper S E Countryman ALL4 proviene da RED Live.