Google+

Altro che aiuti. L’Europa voleva darci i soldi per mettere in galera i migranti

agosto 17, 2017 Redazione

Il ministro degli Interni, Marco Minniti, svela le trattative con Bruxelles dopo gli sbarchi di giugno. Soldi non per accudirli o integrarli, ma solo per lasciarli in Italia

Migranti: 140 su nave Msf diretta a Pozzallo

C’è pure spazio per una barzelletta nell’intervista che oggi sul Giornale Gian Micalessin fa al ministro degli Interni Marco Minniti. Una barzelletta in linea con la fama di “cattivissimo” con cui anche Tempi dipinse il ministro in una copertina di qualche mese fa: «Il Signore è pronto a esaudire i desideri di un romano, di un sardo e di un calabrese. Il romano sogna di diventare l’antico imperatore Augusto, il sardo chiede mille pecore e il Signore li accontenta entrambi. Ma sapete che gli chiede il calabrese? “Dio ti prego fai morire le pecore del sardo”».

minniti-tempi-copertinaSOLDI PER HOT SPOT. A parte le boutade, Minniti rivela le trattative avvenute con l’Europa sulla vicenda migranti: «Sapete cosa ci offrirono i nostri amici di Bruxelles dopo quelle giornate tragiche e tremende? Semplicemente più soldi per creare nuovi hotspot» (che servono non solo a identificare, ma anche a trattenere i migranti).
Il riferimento è al 27 e 28 giugno, quando, nel giro di poche ore, 27 navi europee, anche di Ong, permisero lo sbarco di 12 mila migranti sulle nostre coste.

VERE E PROPRIE GALERE. Quindi euro non per accogliere, ma per fare in modo che non si muovessero dall’Italia, come chiosa uno dei presenti al colloquio: «Ci proponevano di fare dei centri di internamento, cioè delle vere e proprie galere, persino per i minori non accompagnati».
Insomma, tenetevi i migranti in Italia, non fateli arrivare in Francia, in Svizzera, in Austria… Per questo, spiega il ministro, la strada giusta è ora trattare direttamente con la Libia, evitando gli “aiuti” europei.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’ufficio a portata di mano anche in vacanza e nei weekend in un ambiente confortevole e “viaggiante”? Lo rende possibile Renault con una nuova generazione di Trafic SpaceClass rivolta sì ai privati ma prentemente alla clientela del mondo business, come aziende di noleggio con conducente, strutture alberghiere e sportive, agenzie turistiche. Insomma, realtà che desiderano fornire […]

L'articolo Renault Trafic SpaceClass, l’ufficio è mobile proviene da RED Live.

Se siete appassionati di motori e curiosare tra le anteprime – ne sono state annunciate ben 150 – è sicura fonte di piacere, il momento è (quasi) arrivato. Cominciate a segnare in agenda una data compresa tra il 9 e il 12 novembre (il 7 e l’8 sono giornate dedicate a operatori e stampa) e […]

L'articolo EICMA 2017, cosa c’è da fare e vedere proviene da RED Live.

Audi accelera sulla strada dell’elettrificazione della gamma. Dopo la presentazione della nuova A8, proposta al lancio nelle configurazioni V6 3.0 TFSI e TDI “mild hybrid”, vale a dire con impianto elettrico a 48 volt, ora anche le famiglie A4 e A5 beneficiano d’inedite motorizzazioni mHEV che portano in dote tutti i vantaggi fiscali e di […]

L'articolo Audi A4 e A5, è tempo di micro ibrido proviene da RED Live.

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download