Google+

Aborto. Torino vuole togliere l’obiezione di coscienza. Ma perché il Comune non si occupa delle questioni di sua competenza?

luglio 7, 2014 Silvio Magliano

La maggioranza voleva far passare una mozione che ha lo scopo di emarginare gli obiettori. La minoranza si oppone e riesce a limitare i danni. Ma i consiglieri cattolici del Pd che fanno?

Approvata in Sala Rossa una mozione della maggioranza che invita la Regione a prendere le misure per garantire il diritto all’interruzione volontaria di gravidanza. Una proposta che, in realtà, mira al licenziamento dei medici obiettori, come già paventato in Francia. Con una veemente opposizione sono riuscito a ottenere l’attenuazione dei toni della mozione, ma il pericolo verso la libertà di coscienza e la repressione dell’obiezione è reale. Ma perché Il Comune non pensa alle questioni di sua competenza, sulle quali ha già abbastanza gatte da pelare? E i cattolici del Pd che fanno?

Con una grande battaglia di retroguardia sono riuscito, insieme a tutta l’opposizione, a ridurre i toni di una mozione che chiedeva alla Regione di predisporre tutte le misure, anche disciplinari, per garantire il diritto all’aborto messo a rischio, a dire dei Consiglieri Comunali di maggioranza, dall’obiezione di coscienza. Alla fine la mozione è diventata un generico appello a far sì che venga garantito il diritto all’interruzione volontaria di gravidanza, secondo le legge 194/78, ma resta l’inquietudine per una formulazione originaria che lasciava intendere come l’obiettivo fosse quello di sanzionare pesantemente i ginecologi obiettori di coscienza, fino al licenziamento, come già è stato paventato in Francia.

Se, da una parte, il diritto sancisce come la Legge 194 debba essere applicata e vada garantito a chi desidera di interrompere una gravidanza di poterlo fare in sicurezza, dall’altra però deve essere tutelato il diritto all’obiezione di coscienza, così come il diritto alle Associazioni Pro-Vita di avere un punto informativo nei consultori e nelle strutture sanitarie. Evidentemente però a Torino, come sempre, vige la legge dei due pesi e due misure, soprattutto su materie che non competono la Sala Rossa. Ci sono cittadini che non ce la fanno a pagare la Tasi, la Tares, Tari, abbiamo la città piena di buche, abbiamo un bilancio che non sappiamo come cucire: ma perché la maggioranza non si occupa delle problematiche che siamo stati eletti per risolvere? E i Consiglieri cattolici del Pd? Che posizione assumono sui valori non negoziabili e su una serie di mozioni e di ordini del giorno che parla di una strategia ben chiara da parte della maggioranza?

Silvio Magliano, Ncd, è Vice Presidente Vicario Consiglio Comunale di Torino

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

6 Commenti

  1. filomena says:

    L’obiezione di coscienza riguarda il singolo sanitario, NON le strutture deputate ad adempiere ad un obbligo di legge. In altre parole in queste cliniche ci devono essere sanitari che praticano la prestazione, non é facoltativo assumerli.

    • michelangelo says:

      SE E QUANDO RINASCERANNO LE CLINICHE (ANCHE SE ALCUNE ESISTONO GIA’) A GUIDA NAZI-FASCISTA POTRAI ANDARE A DIRIGERE L’UFFICIO DEL PERSONALE PER LICENZIARE GLI OBIETTORI. FINO AD ALLORA LA LEGGE PREVEDE L’OBIEZIONE DI COSCIENZA E NON POTRAI(TE) IMPEDIRLO. ALTRI DISCORSI SUL VALORE DELLA VITA CON TE NON SI POSSONO FARE. SALUTI

      • filomena says:

        Ma certo o ti si da ragione o protesti come i bambini scrivendo con le maiuscole….sei ridicolo. Scommetto che mentre scrivevi pestavi anche i piedi per terra.
        Saluti anche a te e ti auguro di crescere.

        • Giannino Stoppani says:

          “Ti auguro di crescere”
          Anche i bambini abortiti se lo sarebbero augurato se fosse stata data loro la possibilità.
          Nella scelta dei termini sei un fenomeno di autolesionismo.

    • picchus says:

      Giusto per curiosità, e se dopo essere assunti diventano obiettori?

  2. francesco taddei says:

    l’obiettivo di questi nazi-comunisti è scardinare l’ordine naturale fin da quando marx ha cominciato a svalvolare. resistergli è necessario per la sopravvivenza della razza umana sulla terra.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ridisegnata nei dettagli e capace di offrire un allestimento più ricco, la Ford Ecosport sta riuscendo a ritagliarsi una fetta importante del mercato SUV. Il motore TDCi da 100 cv è il cuore giusto per lei? Scopriamolo in questa prova

L'articolo Prova Ford Ecosport 2018 <br> il bello della concretezza proviene da RED Live.

Nasce sulla base del Crafter e promette praticità e abitabilità da camper. A fine agosto ne sapremo di più

L'articolo Volkswagen Grand California, perché la vita è un viaggio proviene da RED Live.

Piegano come una moto (a volte pure di più) ma offrono più sicurezza e abitabilità. Con un buon "allestimento" possono essere una valida alternativa all'auto offrendo velocità e agilità da scooter e protezione (anche dei vestiti) da auto. Sono i mezzi a tre ruote, sia scooter sia moto, con sistema di basculamento. Quasi tutti scooter hanno però una guest star. Ecco quali sono e come vanno.

L'articolo Moto e scooter, quando due ruote non bastano. Ecco i migliori tre ruote proviene da RED Live.

I prezzi partono da 24.650 euro, quattro gli allestimenti disponibili

L'articolo Peugeot 2008, arriva il 1.5 BlueHDi con cambio automatico proviene da RED Live.

Per chi vuole qualcosa in più della solita Sport Utility, con l'accento sulla sportività. Farà il suo debutto ufficiale al Salone di Parigi, in ottobre

L'articolo Skoda Karoq Sportline, la SUV che va di fretta proviene da RED Live.