Google+

A sinistra, a destra e a sud della Lega, indipendentisti crescono

maggio 24, 2012 Carlo Melina

Trenta sigle indipendentiste si trovano a convegno. Un movimento eterogeneo che potrebbe creare qualche grattacapo alla Lega di Bossi

«I primi a chiamarli terroni sono stati i Savoia. Cioè i nostri nemici. Sono fratelli, non avversari, vittime di uno Stato che è stato imposto a noi, quanto a loro. E che oggi, insieme, possiamo sconfiggere». Non lascia dubbi l’affermazione di Matteo Grigoli, uno dei portavoce dell’associazione Veneto Nostro – Raixe Venete, che, sabato e domenica prossimi, si incontrerà con una trentina di sigle indipendentiste provenienti tanto da nord, quanto da sud. Sì, perché con veneti, friulani e lombardi, alla Convention indipendentista di Jesolo, promossa dal quotidiano online L’indipendenza.com di Gianluca Marchi, fondatore e già direttore della Padania, ci saranno anche numerosi movimenti meridionalisti: dalla Lega Sud Ausonia, al movimento Identità Toscana, alla Lega per le Marche sino a Insorgenza civile, il gruppo neoborbonico del napoletano Nando Dicè, che ha applaudito i fischi all’inno nazionale italiano durante la finale di Coppa dei giorni scorsi.

L’intento che accomuna sigle un tempo slegate fra loro come spiega Marchi, che coordinerà i lavori nella seconda giornata di incontri, è più diffusa più di quanto si pensi e sarebbe pronta a tornare in superficie «in un momento di grave crisi dello Stato italiano, molto più vicino al collasso di quanto si voglia raccontare». Tant’è che, superata la divisione nord-sud, un po’ per affinità ideologica, un po’ per convenienza politica (il motto della convention è “Marciare divisi per colpire uniti”), l’indipendentismo nuova maniera si libera anche dell’ultimo stereotipo a cui ci ha abituato il discorso leghista.

Da Padova e Venezia, centri nevralgici della protesta extraparlamentare di sinistra, convergeranno a Jesolo anche i ragazzi di Unità popolare Veneta, che hanno lasciato Che Guevara per il leone di San Marco: «La sinistra veneta è chiamata a fare i conti con la storia, il popolo e i lavoratori – spiega Riccardo Lovato, operaio padovano e portavoce del movimento -. I lavoratori sono i più tartassati dallo Stato italiano, il popolo è alla disperazione e la storia vira verso la fine dei pachidermi ultracentralisti come l’Italia. Purtroppo in Veneto c’è una sinistra istituzionale che dal moribondo Stato italiano trae sostentamento e che di questo Stato è diventata il carabiniere. Tuttavia esiste anche una sinistra popolare politicamente e mentalmente più progredita, nonché più sensibile alle sorti del territorio, quali comitati civici e centri sociali che si trovano ad operare dentro le comunità e che non prendono ordini da chi occupa i centri del potere. Questa sinistra deve essere permeata dall’ideale indipendentista, questa sinistra è una risorsa per il fronte trasversale che dovrà portare i nostri territori alla libertà».

Con Lovato e compagni, a Jesolo ci saranno anche il Movimento Libertario di Leonardo Facco, altro indipendentista con un passato nella Padania, autore di libri quali Umberto Magno e Elogio dell’evasore fiscale. Facco aprirà il dibattito presso il Centro congressi Kursaal di piazza Brescia, alle 14.00 di sabato: «Il Movimento Libertario avanzerà una proposta concreta su Jesolo – spiega –.  Un vademecum per la rivolta e la disobbedienza fiscale. Forti dell’idea che non esiste libertà politica senza libertà economica, affamare lo Stato è un dovere morale di qualsiasi indipendentista. Senza i soldi degli indipendentisti, il Leviatano crollerà un secondo dopo e sarà costretto a prendere atto che non è nostra intenzione pagare la crisi che ha creato, a discapito di chi produce da sempre benessere e ricchezza».

Ad osservare i lavori anche qualche leghista deluso, mentre, da lontano, i leader del partito di Bossi e Maroni, che rischia di scendere sotto il 3 per cento, già temono uno scavalcamento da destra, da sinistra e anche da sud.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Commenti Facebook

2 Commenti

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

Evoluzione della SUV M, condivide il layout della plancia con Classe C e adotta il sistema Dynamic Select con 6 programmi di marcia. Pressoché immutata la gamma motori, fatta eccezione per il debutto della versione ibrida da 442 cv e oltre 30 km/l.

Tocca i 326 cv il fiore all’occhiello della gamma td Audi, ovvero il V6 3.0 TDI biturbo appannaggio della mini gamma competition formata da A6, A6 Avant e A7 Sportback. Prezzi da 70.200 euro.

Il nuovo demi-jet N21 è dedicato alle bikers più attente alla moda

AGVisor, la visiera che si trasforma da chiara a scura con un click in uscita ad aprile 2015

Il campione australiano di Superbike Troy Bayliss ha visitato la sede Ducati Motor Thailand prima dell'addio definitivo alle gare

Speciale Nuovo San Gerardo