Google+

A sinistra, a destra e a sud della Lega, indipendentisti crescono

maggio 24, 2012 Carlo Melina

Trenta sigle indipendentiste si trovano a convegno. Un movimento eterogeneo che potrebbe creare qualche grattacapo alla Lega di Bossi

«I primi a chiamarli terroni sono stati i Savoia. Cioè i nostri nemici. Sono fratelli, non avversari, vittime di uno Stato che è stato imposto a noi, quanto a loro. E che oggi, insieme, possiamo sconfiggere». Non lascia dubbi l’affermazione di Matteo Grigoli, uno dei portavoce dell’associazione Veneto Nostro – Raixe Venete, che, sabato e domenica prossimi, si incontrerà con una trentina di sigle indipendentiste provenienti tanto da nord, quanto da sud. Sì, perché con veneti, friulani e lombardi, alla Convention indipendentista di Jesolo, promossa dal quotidiano online L’indipendenza.com di Gianluca Marchi, fondatore e già direttore della Padania, ci saranno anche numerosi movimenti meridionalisti: dalla Lega Sud Ausonia, al movimento Identità Toscana, alla Lega per le Marche sino a Insorgenza civile, il gruppo neoborbonico del napoletano Nando Dicè, che ha applaudito i fischi all’inno nazionale italiano durante la finale di Coppa dei giorni scorsi.

L’intento che accomuna sigle un tempo slegate fra loro come spiega Marchi, che coordinerà i lavori nella seconda giornata di incontri, è più diffusa più di quanto si pensi e sarebbe pronta a tornare in superficie «in un momento di grave crisi dello Stato italiano, molto più vicino al collasso di quanto si voglia raccontare». Tant’è che, superata la divisione nord-sud, un po’ per affinità ideologica, un po’ per convenienza politica (il motto della convention è “Marciare divisi per colpire uniti”), l’indipendentismo nuova maniera si libera anche dell’ultimo stereotipo a cui ci ha abituato il discorso leghista.

Da Padova e Venezia, centri nevralgici della protesta extraparlamentare di sinistra, convergeranno a Jesolo anche i ragazzi di Unità popolare Veneta, che hanno lasciato Che Guevara per il leone di San Marco: «La sinistra veneta è chiamata a fare i conti con la storia, il popolo e i lavoratori – spiega Riccardo Lovato, operaio padovano e portavoce del movimento -. I lavoratori sono i più tartassati dallo Stato italiano, il popolo è alla disperazione e la storia vira verso la fine dei pachidermi ultracentralisti come l’Italia. Purtroppo in Veneto c’è una sinistra istituzionale che dal moribondo Stato italiano trae sostentamento e che di questo Stato è diventata il carabiniere. Tuttavia esiste anche una sinistra popolare politicamente e mentalmente più progredita, nonché più sensibile alle sorti del territorio, quali comitati civici e centri sociali che si trovano ad operare dentro le comunità e che non prendono ordini da chi occupa i centri del potere. Questa sinistra deve essere permeata dall’ideale indipendentista, questa sinistra è una risorsa per il fronte trasversale che dovrà portare i nostri territori alla libertà».

Con Lovato e compagni, a Jesolo ci saranno anche il Movimento Libertario di Leonardo Facco, altro indipendentista con un passato nella Padania, autore di libri quali Umberto Magno e Elogio dell’evasore fiscale. Facco aprirà il dibattito presso il Centro congressi Kursaal di piazza Brescia, alle 14.00 di sabato: «Il Movimento Libertario avanzerà una proposta concreta su Jesolo – spiega –.  Un vademecum per la rivolta e la disobbedienza fiscale. Forti dell’idea che non esiste libertà politica senza libertà economica, affamare lo Stato è un dovere morale di qualsiasi indipendentista. Senza i soldi degli indipendentisti, il Leviatano crollerà un secondo dopo e sarà costretto a prendere atto che non è nostra intenzione pagare la crisi che ha creato, a discapito di chi produce da sempre benessere e ricchezza».

Ad osservare i lavori anche qualche leghista deluso, mentre, da lontano, i leader del partito di Bossi e Maroni, che rischia di scendere sotto il 3 per cento, già temono uno scavalcamento da destra, da sinistra e anche da sud.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Commenti Facebook

2 Commenti

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

La supercar nipponica è (finalmente) pronta al debutto: adotta un V6 biturbo a iniezione diretta di benzina abbinato a ben tre motori elettrici. Trazione integrale permanente e cambio a doppia frizione.

Rivista nella linea e nella cura degli interni, la multispazio torinese conferma i plus della precedente versione, cui abbina un comfort superiore e dotazioni da berlina. Prezzi da 18.200 euro. Motori benzina, td e a metano.

La Casa di Arese presenterà a breve un tris di propulsori ad alte prestazioni. Top di gamma il V6 2.9 biturbo a iniezione diretta di benzina da 480 cv di derivazione Ferrari/Maserati, affiancato da un 2.0 turbo benzina da 180 a 330 cv. Inedito anche il 2.2 td con potenze da 135 a 210 cv.

Siete stanchi dei soliti cofanetti, saponi, candele profumate che vi ritrovate a regalare (o, peggio, a ricevere) per Natale? Eccovi venti idee regalo (più una), a cui non potete dire di no se siete veri "REDder"!

La prima creazione della factory italo-americana Puritalia è una spider a tiratura limitata ispirata alla storica roadster ideata da Carroll Shelby. Mossa da un V8 5.0 aspirato o supercharged, può contare su potenze comprese tra 445 e 605 cv.

Speciale Nuovo San Gerardo