Torna Dr. House, ma avrà un’altra voce

La settima stagione sul medico più famoso del mondo è ai blocchi di partenza su Italia Uno e si prospettano molte novità. Sarà diversa la voce con cui House dirà cattiverie: il suo storico doppiatore, Sergio Di Stefano, è scomparso qualche mese fa. A rimpiazzarlo sarà Luca Biagini, uno che di solito presta le corde vocali a star come Denzel Washington e John Malkovic

Ogni volta che dall’America arriva una nuova serie tv ambientata in una corsia di ospedale si grida al “nuovo House”. Ma il fatto è invece che come House c’è solo House, personaggio mai del tutto simpatico, ma il migliore se si tratta di malattie improbabili.

In questa settima stagione ai blocchi di partenza su Italia Uno, si prospettano molte novità.
Tanto per cominciare sarà diversa la voce con cui House dirà cattiverie, visto che il suo storico doppiatore Sergio Di Stefano è scomparso qualche mese fa. A rimpiazzarlo sarà Luca Biagini, uno che di solito presta le corde vocali a star come Denzel Washington e John Malkovic, e in questi casting è stato scelto direttamente da Hugh Laurie in persona.

Biagini racconta a il Giornale che non ha intenzione di imitare il suo celebre precedente.
«Non fac­cio un lavoro di imitazione. Non renderei giustizia né a House né al suo doppiatore precedente. E non renderei giustizia a me». Altra novità è lo sviluppo della trama. Dopo puntate su puntate a inseguirsi, prendersi, lasciarsi, giurarsi odio eterno, cercare di costruirsi altre storie, House e Lisa Cuddy – che in ospedale detta al medico cosa può fare e cosa no – si avvicinano. Quanto durerà? Ai fedelissimi importa poco. L’importante è che sia tornato.