Google+

Chi sono i Veilleurs Debout? Cosa vogliono? Perché lo fanno? Parola d’ordine: «Immobile e pacifico»

luglio 6, 2013 Redazione

Ecco come si descrive il movimento spontaneo francese. «Il veilleur debout non manifesta, aspetta. Non attende il migliore dei mondi, ma un mondo migliore»

Chi sono i Veilleurs Debout? Cosa vogliono? Perché si oppongono in maniere bizzarre e suggestive alla legge sul matrimonio omosessuale in Francia? Tempi.it vi ha parlato dei loro raduni “in piedi”, cercando di addentrarsi in un mondo variegato ed eterogeneo.
Sui loro siti e durante i loro raduni ripetono spesso che ognuna delle loro iniziative nasce in maniera spontanea, rifiutano etichette, rifuggono schemi e classificazioni. 
Non resta, dunque, che lasciare la parola a loro, pubblicando quelli che sono gli unici due “documenti ufficiali” che essi stessi usano per presentarsi. Eccoli, nella traduzione di Irene Pasquinucci

Lo spirito del Veilleur Debout
Il Veilleur Debout è un resistente silenzioso che si rivolge contro l’ingiustizia e la menzogna dei governi. Denuncia le leggi che distruggono l’Uomo e la civiltà. Sostiene il giovane Nicolas imprigionato per essersi opposto al matrimonio e all’adozione da parte delle persone dello stesso sesso. Reclama una Giustizia imparziale e non politicizzata. Rifiuta di lasciare in eredità alle generazioni future un mondo relativista e individualista dove il bene e il male, il vero e il falso non suscitano che l’indifferenza generale.
Il Veilleur Debout protesta pacificamente in maniera spontanea e individuale. Rimane in piedi nel luogo che ha scelto: luogo di potere, luogo simbolico; a qualunque ora del giorno e della notte.
Al fine di non essere assimilato a una manifestazione non autorizzata, il veilleur si isola dai suoi vicini di qualche metro.
Il Veilleur Debout protesta pubblicamente, ma non cerca di farsi notare in altro modo che per la sua semplice presenza. Non disturba mai l’ordine pubblico. Agisce con buon senso e benevolenza.

“Piuttosto morire in piedi che vivere in ginocchio”
A. Camus

La carta del Veilleur Debout
Parole d’ordine: immobile e pacifico, resistente e silenzioso, ma sempre determinato.

Perché vegliare in piedi?
Il veilleur debout denuncia il scelta presa dalla Giustizia oggi in Francia: non è più al servizio del bene comune e del popolo, ma sottomessa dal governo.

Il veilleur debout denuncia la repressione poliziaria e le incarcerazioni abusive che hanno avuto luogo contro cittadini per il solo motivo di aver espresso le loro opinioni.

Il veilleur debout denuncia l’ingiustizia fatta ai bambini attraverso l’autorizzazione dell’adozione plenaria, l’instaurazione futura della PMA, della GPA e l’imposizione della teoria di genere che è insegnata dalla più tenera età.

Il veilleur debout vuole attirare l’attenzione dei responsabili politici su queste derive in Francia.

Il veilleur debout è aperto e rispetta la dignità di ciascuno. Non si radica nella sua verità, ma sa offrirla e scambiarla in modo pacifico con gli altri.

Il veilleur debout comprende e ha cura della forza che lo porta a restare in piedi in resistenza. La forza del veilleur debout non risiede nel numero. È uno stato di resistenza personale, uno stato dello spirito mostrato pubblicamente, che non disturba mai l’ordine pubblico.

Il veilleur debout è più un prolungamento che una declinazione del movimento dei veilleurs.

Il veilleur debout se fa degli atti concreti rapidamente, comprende che entra in una pratica personale a lungo termine.

Il veilleur debout agisce con l’allegria del resistente e comprende che la sua azione non si realizza nel confronto epico e euforico contro gli agenti di polizia. Bisogna anche avere il coraggio di obbedire agli ordini, libero di tornare una volta la situazione si sia calmata.

Come partecipare?
Il veilleur debout decide spontaneamente di passare un po’ di tempo immobile e in silenzio davanti a luoghi simbolici (giustizia, potere, media,…). Formalizza così un atto di resistenza personale che gli permette da una parte di riflettere sul suo impegno e d’altra parte di mostrare al governo la sua incomprensione di fronte all’ingiustizia. Di fatto è anche aperto al dialogo con i passanti intrigati o curiosi.

Il veilleur debout non porta segni distintivi e non fa proselitismo, sa che ogni azione è spontanea e che ciascuno è libero.

Il veilleur debout può manifestare il suo disaccordo con le forze dell’ordine durante le intimidazioni, restando silenzioso, le mani dietro alla testa. Rispetta le forze dell’ordine e non tenta azioni illecite. Poiché niente gli deve essere rimproverato, non perderà mai la sua calma.

Non c’è alcuna organizzazione, ciascuno resta libero di vegliare nel luogo e nel tempo di sua scelta. Gli account ufficiali Facebook e Twitter sono destinati a darsi il cambio, non a organizzare.

Il veilleur debout non manifesta, aspetta. Non grida né slogan né intona alcun canto. Lui è quelli che lo gli stanno intorno rimangono in piedi e guardano nella stessa direzione. Non attende il migliore dei mondi, ma un mondo migliore. Un mondo nel quale il dovere di proteggere il più debole primeggia sui diritti degli egoisti. Un mondo nel quale s’insegna ai bambini l’amore e non la voglia. Un mondo nel quale nessuno potrà essere imprigionato per aver osato esprimere un ideale. Se anche te, amico veilleur, sogni questo mondo, alzati e spera. E soprattutto, non lasciare che nessuno distrugga i tuoi sogni, mai.

“La forza che ci anima è assolutamente irreprensibile”

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

7 Commenti

  1. Michele scrive:

    Prima vi ignorano, poi vi ridicolizzano, poi vi combattono, infine vincete (Ghandi).
    ll governo liberal-radicale di Hollande in Francia ha i mesi contati

  2. Alby scrive:

    Caro Sergio.
    Ti fanno così paura? Si vede che hai la coscienza sporca. Sei veramente un violento.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana