Google+

Teymourian, il capitano cristiano della nazionale iraniana che si sentì discriminato per la sua fede una sola volta. In Germania

giugno 18, 2014 Federico Cenci

Storia di “Ando”, il calciatore di origini armene beniamino dei tifosi iraniani che oggi guida la rappresentativa della Repubblica islamica

Articolo tratto da Zenit.org – Il primo pareggio del Mondiale scocca alla tredicesima partita. Dopo il diluvio di gol piovuti in rete nelle prime giornate, Nigeria e Iran impattano sullo zero a zero. Risultato finale di una gara noiosa, ma che fa sorridere l’Iran, considerata da tutti gli osservatori la “cenerentola” del proprio girone. Un’idea che non è mai andata giù ad Andranik Teymourian, asso della squadra asiatica, tra i più propositivi all’esordio dell’altroieri.

Intervistato da Fifa.com alla vigilia della rassegna brasiliana, il fantasista iraniano aveva dimostrato di non temere i forti avversari che il sorteggio ha assegnato alla sua squadra. «Contro di noi nessuna partita sarà facile – affermava – Il primo posto nel girone di qualificazione asiatico dimostra la combattività messa in campo».

Dichiarazioni che testimoniano ambizioni professionali, e che sottendono un coraggio di cui Teymourian ha già fatto sfoggio in passato. Il coraggio “di non vergognarsi di essere cristiano”. Lui, cristiano d’origine armena e cittadino della Repubblica Islamica dell’Iran, fu il più votato, in occasione del Mondiale del 2006, all’interno di un sondaggio promosso dal gruppo olandese ecumenico Gristelijk. Con il 31,3% delle preferenze, la stella iraniana prevalse su altri 10 calciatori partecipanti al Mondiale di Germania e ritenuti esempi di uomini, «che hanno scelto di dichiarare in modo aperto la loro fede». A votarlo, persone olandesi, europee, ma non solo.

Ciò che particolarmente colpì di Teymourian fu un aspetto: le sue dichiarazioni infransero i luoghi comuni che circolano intorno all’Iran. Di etnia armena, fa parte di quella sparuta minoranza nel Paese del Golfo persico che non raggiunge neanche l’1% della popolazione. Eppure, gode di una rappresentanza parlamentare e di una certa autonomia culturale che consente agli armeni persino di produrre vino. Soprattutto, gode dell’atteggiamento accogliente da parte dei connazionali musulmani.

Teymourian ne è la dimostrazione lampante. In Iran è considerato il diamante più prezioso della Nazionale di calcio, beniamino di ogni appassionato. Quando esce dal campo viene salutato da grandi ovazioni e lui risponde con gratitudine a modo suo, facendosi il segno della croce. Un gesto che non gli ha mai creato alcun problema. Anzi, lo stesso “Ando” – come lo chiamano affettuosamente i tifosi – non ha mai nascosto che i rapporti con i compagni di squadra musulmani, con la dirigenza e con la popolazione sono «veramente buoni».

Così buoni da valergli una storica investitura. Teymourian è stato infatti, lo scorso 18 maggio, il primo capitano non musulmano del “Team Melli” (la Nazionale iraniana). Il 31enne vive questa realtà con orgoglio, ma senza enfasi. Non è avvezzo a percepire la sua fede cristiana come un motivo di distinzione rispetto ai compagni di squadra.

A Teheran, dove vive e gioca con la compagine dell’Esteghlal, frequenta la Messa tutte le domeniche. Abitudine che si porta dietro anche quando varca i confini nazionali. A margine del Mondiale del 2006 in Germania, in un’intervista concessa al canale Ap-Worldstream raccontò un’esperienza spiacevole che gli capitò nel corso del ritiro della propria Nazionale. Una domenica, come sempre fa quando si trova in Iran, si preparò per raggiungere la chiesa più vicina e partecipare alla Messa. Tentando di uscire dalla struttura in cui alloggiava con la propria squadra, fu però bloccato dalla polizia tedesca. Un ostacolo inaspettato quanto assurdo, per un giovane che ha la sola, innocente intenzione di andare in chiesa. Gli fu detto che per motivi di sicurezza non sarebbe potuto uscire dal ritiro. A nulla valsero le sue insistenze. Anzi, a qualcosa portarono, ma suo malgrado. Teymourian fu infatti posto in stato di fermo per alcune decine di minuti.

Episodio che il calciatore iraniano ha vissuto come una grottesca forma di discriminazione. Tale da indurlo a sfogarsi ai microfoni di una televisione del suo Paese, dove vige una teocrazia sciita retta da un Ayatollah. E dove scene di questo genere non gli capiterebbero mai. Scene che sono però capitate in Germania. Nel cuore d’Europa, dove un tempo si costruivano cattedrali destinate a durare per l’eternità. E dove oggi – come spiegava il sito Kreuz.net nel 2012 – sorgono interi quartieri, ideati per migliaia di abitanti, senza che vi sia nemmeno una chiesa.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. giuliano scrive:

    attendiamo i commenti dei vermi di sinistra

    • Menelik scrive:

      Vorrei dirti che io l’appellativo “vermi” non lo do nemmeno agli ateotroll.
      Li combatto, adesso sulla tastiera, se le cose dovessero sciaguratamente imboccare una brutta piega, eventualmente anche con le armi come hanno fatto i Cristeros messicani, e senza farmi paranoie, che non ho la malattia dell’agnellite.
      Però non do del verme a nessuno.
      E non è una cosa edificante leggere quell’appellativo in un sito cattolico.
      Scusami, ma mi sentivo in dovere di dirtelo.
      Fraternamente, amichevolmente, ma te l’ho detto.
      Spero non te ne abbia a male.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

Sino a pochi anni fa parlare di auto a guida autonoma era credibile quanto prevedere lo sbarco degli alieni sulla Terra o aderire alla religione dei pastafariani che, per inciso, credono in un creatore sovrannaturale somigliante agli spaghetti con le polpette. Questo almeno sino a ieri, dato che oggi, con l’immissione sul mercato delle prime […]

L'articolo Guida autonoma: quanto ne sai? proviene da RED Live.

Ennesimo capitolo della Saga Monster, l’821 2018 si adegua all’Euro4 ed eredita le peculiarità stilistiche della sorella maggiore 1200. Più snello e slanciato torna all’essenzialità originale del primo Monster

L'articolo Ducati Monster 821 my 2018, come eravamo proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download