Google+

S’uniscono le province di Pisa e Livorno. Il titolo che (non) farà il Vernacoliere

luglio 10, 2012 Chiara Rizzo

Intervista a Mario Cardinali, che col suo mensile ha fatto dell'”odio” tra pisani e livornesi un cavallo di battaglia. «I pisani? Sono bestie anche loro, vogliamogli bene»

Mario Cardinali, il direttore del Vernacoliere, storico mensile di satira, dice che «i toscani sono così, coltelli nella pancia e spade nella schiena». Perciò alla notizia che, dalla ridefinizione delle province, gli agguerriti campanilismi toscani sarebbero stati raggruppati, e addirittura i pisani sarebbero finiti insieme ai livornesi, anche nel resto dello Stivale in molti son balzati dalle seggiole. Cardinali e il suo Vernacoliere, delle guerre a suon di battute (guerre letterarie solo di recente. Perché prima se le davano di santa ragione anche con le mani) tra livornesi e pisani, hanno fatto un cavallo di battaglia. Perciò nessuno meglio di lui, può raccontare il clima acceso con cui si vive l’attesa dell’accorpamento.

Che ne pensa della provincia unita di Livorno e Pisa? Crede che qualcuno di voi sopravviverà?
Il fatto è che si parla di province ma nel senso degli enti burocratici amministrativi: verranno toccate le poltrone, ma non le popolazioni e le loro questioni identitarie. Le province unite di Livorno e Pisa si potranno anche fare, certo però mi chiedo che cosa accadrà a quelli che lavorano ora, non è che si possano mettere a spasso le persone così. Comunque non si deve fare un gran guazzabuglio, qui si troveranno solo meno seggiole alle province intese come istituzioni, la storia non cambierà.

Al Vernacoliere con la faida tra le due città avete fatto una fortuna. Una galleria di titoli indimenticabili.
Il sommario più celebre fu quello dell’86, dopo Chernobil. L’occhiello: “Nuvola atomi’a. Primi spaventosi effetti”. Titolo: “È nato un pisano furbo”. Sottotitolo: “Stupore nel mondo, sgomento in Toscana”. Poi ci fu quello al tempo delle coppie particolari (sic). Occhiello: “Matrimoni gay”. Titolo: “Si sono sposati du’ pisani”. Sottotitolo: “Raccapriccio nel mondo: come faranno a giovassi l’un dell’altro?”. Siccome ci accusavano di essere campanilisti, un’altra volta rispondemmo così. Sottotitolo: “Basta col campanilismo stupido e crudele”. Titolo: “I pisani sono bestie anche loro. Vogliamoni bene”. Poi ci fu quello di cronaca nera. Sottotitolo: “Drammi d’estate. Pesce ‘ane mangia un pisano”. Sottotitolo “La povera bestia s’è sentita male”.

Ma perché i livornesi possono proprio sopportare i pisani?
Toscanamente i livornesi non sono a-toscani, mentre i pisani sono toscani. Il fatto è che ogni toscano ha puppato da guelfi e ghibellini e i livornesi no. I livornesi di oggi sono gli eredi di un potpourri di etnie venute a fondare un porto, voluto dai Medici, che volevano un nuovo approdo perché il porto pisano si stava interrando. Livorno allora era ancora una piccolissima città: per poterla popolare dettero la possibilità, con editti vari, tra cui il più noto è la Livornina (1593) di Ferdinando I de Medici, a chiunque veniva a scavare o a costruire la nuova città di aver anche cancellati i precendenti penali, e ciò valeva per chi aveva commesso un qualsiasi delitto, dal regicidio al furto. Vennero poi anche gli ebrei, che in Spagna erano già perseguitati. Insomma, arrivò gente di coltello e anche di cervello da mezz’Europa. Ma Livorno era diversa per ciò stesso dalle altre città toscane: mentre qui ancora erano quattro gatti, Pisa era Repubblica marinara. La dicotomia e le avversità tra livornesi e pisani non hanno nulla a che vedere con le pagine nere della storia di pisani e fiorentini. Ricordiamo Uguccione de la Faggiola, pisano, che espugnò Lucca e la ridusse ad una seconda Troia. O l’assedio di Pisa del 1404 -’05, in cui centinaia di pisani morirono di fame pur di non cedere ai fiorentini. Ad un certo punto, i pisani mandarono fuori dalle mura donne, vecchie e bambini, e i fiorentini glieli sbudellarono. I veri toscani di oggi, sono eredi di quei tempi di coltelli nella pancia e spade nella schiena. La loro storia è questa, e ancora si incavolano per queste cose. Ora non vorrei far una lezione di storia. È che i livornesi tutte queste cose non le hanno vissute, perciò dico che sono a-toscani. Certo dai pisani sono proprio diversi: i livornesi sono cicale, i pisani formiche.

E per la fusione delle province che titolo farà?
Non li sbandiero prima, perché se no me li copiano tutti. I miei titoli costano lavoro e fatica.

Insistiamo.
Gliene dico uno che non userò. Ho immaginato la reazione dei lavoratori della provincia. Sottotitolo: “Viva protesta della provincia”. Titolo: “’Un si fa già nulla noi, ‘Un si farà nulla nemmeno co’ pisani”.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Mappo scrive:

    Preso a piccole dosi il Vernacoliere è pure carino, peccato che abbia un disprezzo per la Chiesa ed i cattolici che va ben al di là della satira, anche la più feroce. Mentre con tutto quello che è rosso o comunque di sinistra ci vada sotto con la delicatezza di un cotton fioc. Inoltre si dimostra intollerante e del tutto privo si spirito umoristico quando si va a toccare temi non graditi al Cardinali. Se non sbaglio, lessi sulla stampa locale che qualche hanno fa proprio un giornalista del Vernacoliere ne fece le spese dovendo poi trasmigrare su un’altra testata per aver trattato un argomento sgradito al suo Boss.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana