Google+

Risparmio, agli italiani piace “liquido”

ottobre 30, 2017 Mariarosaria Marchesano

Rapporto Ipsos-Acri: torna l’ottimismo per la ripresa economica, ma crescono i contanti sui conti correnti. In pochi sanno scegliere l’investimento più adatto alle proprie esigenze.

soldi-mutuo-shutterstock_544420159

Le condizioni dell’economia migliorano? Torna un clima di fiducia nel paese? Tutto bene, ma gli italiani preferiscono oggi più di ieri tenere soldi liquidi sul conto corrente. Un po’ per far fronte alle emergenze, un po’ per la difficoltà a trovare sul mercato prodotti finanziari poco rischiosi. E’ uno dei dati più significativi che emerge dall’indagine realizzata da Acri e Ipsos in occasione della 93esima giornata mondiale del risparmio che si celebra il 31 ottobre. Il rapporto (Risparmio: quali prospettive?) rileva un generale recupero della fiducia, soprattutto tra i più giovani, dovuto alla ripresa economica. Il 2017 mostra un “lento ritorno alla normalità”: paura e preoccupazioni, pur ancora presenti, stanno lasciando spazio a un atteggiamento più tranquillo e fiducioso nel futuro, anche se con forti, e preoccupanti, differenze tra nord e sud del paese.

SCETTICISMO SU STRUMENTI DI TUTELA. In questo contesto di crescente positività sorprende il diffondersi di un certo scetticismo rispetto alle soluzioni di investimento. Il 67% degli italiani preferisce, infatti, mantenere sul conto corrente almeno una parte dei propri risparmi. Insomma, la liquidità innanzitutto. La tendenza è in netto aumento rispetto al 2001 quando questa percentuale era pari al 49% della popolazione ed cresciuta e si è consolidata a partire dalla crisi finanziaria mondiale scoppiata a cavallo tra il 2007-2008. Approfondendo questo aspetto del rapporto Ipsos-Acri (presentato a Roma il 30 ottobre) si ritrovano tutti i limiti della cultura finanziaria del nostro paese che di recente sono stati messi in evidenza dall’Ocse facendo scattare un piano nazionale di ‘alfabetizzazione’. Da quando, infatti, il popolo dei risparmiatori si è ritrovato di fronte a una complessità di prodotti finanziari sul mercato tra cui dover scegliere, in alternativa ai tradizionali titoli di stato e obbligazioni – resi poco convenienti nell’epoca dei tassi zero – sui conti correnti è cominciata ad aumentare la liquidità. Dall’indagine, infatti, emerge che gli italiani sono abbastanza soddisfatti di come gestiscono i propri risparmi (54%), ma pochi si ritengono in grado di individuare l’investimento adatto alle proprie esigenze (36%). “Questo è dovuto alla ridotta cultura finanziaria e alla bassa fiducia in leggi e regolamenti che tutelano il risparmio”, è scritto nella ricerca. Il 66% ritiene, infatti, che gli strumenti di tutela siano inefficaci e questo è un dato preoccupante, anche se in miglioramento rispetto al 2016. E’ molto probabilmente l’effetto di scandali bancari che hanno minato il rapporto di fiducia tra cittadini e sistema.

PIU’ ATTENZIONE A CHI PROPONE I PRODOTTI. Molti italiani hanno comunque compreso che devono informarsi sempre di più per essere protagonisti delle proprie decisioni finanziarie. La preferenza per la liquidità è sempre elevata e riguarda più di 2 italiani su 3; chi investe lo fa solo con una parte minoritaria dei propri risparmi. Sembra che l’investimento ideale non esista più. Gli italiani si dividono così in tre gruppi quasi omogenei: il 33% ritiene che proprio non esista un modo per mettere al sicuro i propri soldi, il 31% ritiene che l’unica via sicura sia rappresentata dagli immobili e il 29% ritiene, invece, vi siano investimenti finanziari più sicuri di altri. Un residuo 7%, infine, è rappresentato da coloro che indica come ideali gli strumenti finanziari più rischiosi (si tratta della fascia di popolazione con maggiori disponibilità economiche e più propensa a correre dei rischi). La conclusione che si può trarre dopo aver analizzato questo spaccato, secondo il rapporto, è che il risparmiatore italiano rimane attento alla (bassa) rischiosità del tipo di investimento, ma in misura minora rispetto al passato. Cresce, invece, la rilevanza della “solidità del proponente”, in altre parole la reputazione della banca, del promotore o dell’intermediario finanziario (dal 24% al 30%). Tutti questi dati dovrebbero aprire nuove riflessioni sul tema del risparmio in Italia e sulla sua gestione. La percezione di una ripresa economica e finanche una maggiore soddisfazione riguardo la propria situazione economica non basta a convincere le persone a investire tutto o quasi il denaro che si riesce a mettere da parte. Per fare un salto di qualità bisognerebbe lavorare su tre fronti. Il primo è l’educazione finanziaria volta a migliorare il livello di conoscenza degli italiani. In secondo luogo dovrebbe svanire quella certa diffidenza nei confronti degli operatori che distribuiscono prodotti finanziari. E, infine, proprio intermediari dovrebbero impegnarsi per aumentare il grado di trasparenza e di rispetto delle nuove normative (soprattutto europee) che regolano il settore.

Foto da Shutterstock

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Kia Stinger è un’auto che segna per l’azienda coreana un nuovo approccio: 380 cavalli, quattro posti, design e grinta da sportiva. per questo anche le attività di marketing e comunicazione seguono un percorso diverso. Stinger approda in tv con “Wishlist, il metodo Stinger”, una mini-serie di 3 episodi da 30 minuti, in onda sul NOVE la […]

L'articolo Kia Stinger, mini serie per la tv proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.