Google+

Poteva Obama sottrarsi alla battaglia superpoliticamente corretta sui Redskins? No, non poteva (è Obama)

ottobre 9, 2013 Emmanuele Michela

Anche il presidente si accoda all’assurda richiesta di fa cambiare il nome alla squadra di football americano. Ma i tifosi non ne vogliono sentir parlare

Accelerata drastica a Washington nella polemica sul nome della squadra locale di football, i celebri Redskins, al centro di una campagna che vorrebbe far cambiare loro quel nickname considerato da tante parti «racist slur». Stavolta ad esprimere il suo dissenso verso quella parola è la voce più autorevole d’America, nientemeno che il presidente Barack Obama, intervistato dall’Associated Press: «Se io fossi il proprietario di una squadra e sapessi che il suo nome, sebbene abbia una storia solida, offende un determinato gruppo di persone, allora penserei di cambiarlo».

NON E’ DISCRIMINAZIONE. Per la prima volta così dalla Casa Bianca arriva un invito diretto ai Redskins, dopo che negli ultimi mesi la polemica sul nome aveva ricevuto ulteriore linfa vitale per una sorta di “boicottaggio mediatico” deciso da tante firme del giornalismo Usa: da Slate al Washington City Paper, passando per Sport Illustrated, tra direttori e redattori era nato un accordo non scritto per non utilizzare più il termine “Redskins” nell’indicare la franchigia di Washington.
Che però non intende affatto cedere terreno, come il proprietario David Synder ha spiegato più volte: quel nome non è discriminazione, ma storia. «Rispettiamo tutti», si legge nel comunicato firmato dall’avvocato della squadra, Lanny Davis. «Ma come i tifosi devoti degli Atlanta Braves, dei Cleveland Indians e dei Chicago Blackhwaks (città natale del presidente Obama), amiamo la nostra squadra e il suo nome e, come loro, non vogliamo denigrare o mancare di rispetto a gruppi razziali o etnici». Dietro a quel nome c’è una storia lunga 81 anni: «Cantiamo “Ave ai Redskins” ogni domenica come slogan di onore, non di discriminazione».

LA STORIA. Il club nacque nel ’33 a Boston per poi trasferirsi appunto nella capitale statunitense quattro anni dopo, cambiando il soprannome da “Braves” a “Redskins” su proposta del proprietario George Preston Marshall. L’intento era quello di rifarsi allo spirito battagliero dei pellerossa, omaggiando William Dietz, ex giocatore ed head coach della squadra dalle presunte origini Sioux.
Le ragioni, tuttavia, non sono comprese da alcune delle comunità dei nativi: il giorno dopo le parole di Obama, commenti di apprezzamento sono arrivati da Ray Halbritter, leader della tribù della Oneida Indian Nation, che fanno seguito a due decenni di battaglie legali di Suzan Harjo, avvocata dei diritti dei nativi. Ma, in realtà, tra gli stessi indiani il fronte non è unito: tanti sono quelli per cui quel soprannome, in questa accezione battagliera, non dà alcun fastidio, come provato da vari sondaggi portati avanti in questi anni. E se qualcuno, come il direttore del museo nazionale degli indiani Kevin Gover, ha avanzato l’idea di cambiare il nome in Washigton Americans (soluzione “neutra”: nell’accezione del XVII secolo, gli “Americani” erano i pellerossa, quindi la storia dell’indiano Dietz rimarrebbe tutelata), i tifosi della franchigia hanno le idee molto chiare: secondo il Washington Post, l’80 per cento di loro non ne vuole sentire di risparmiare il nickname.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nel mondo delle supercar c’è grande fermento per l’imminente debutto della Aston Martin Valkyrie e della Mercedes-AMG Project One, “parenti strette” delle vetture da Formula 1. Auto che, però, vuoi per il frazionamento dei propulsori, vuoi per alcune soluzioni telaistiche, non attingono tanto profondamente quanto affermato nei proclami alla tecnologia delle monoposto. Diversamente da quanto […]

L'articolo Ferrari F50: la Formula 1 sono io proviene da RED Live.

Ha riconquistato ciò che un tempo era già suo. La Honda Civic Type R di nuova generazione è tornata al Nürburgring, riprendendosi il record per le vetture a trazione anteriore. Del resto, quello che altri chiamano “l’Inferno verde”, vale a dire la mitica Nordschleife – in tedesco l’anello nord – pista di 20,8 km entrata […]

L'articolo Honda Civic Type R MY17: Regina del Ring proviene da RED Live.

Cittadino, fuoristradista, “agonista”, pratico o “alieno”. Cinque modi d’essere automobilista. Cinque modi d’interpretare SUV e crossover. Ecco 20 modelli che soddisfano ogni gusto e desiderio.

L'articolo SUV e crossover compatte: ecco le migliori 25 proviene da RED Live.

Ebbene sì, è accaduto. Anche il Giaguaro si è spuntato le unghie ed è sceso a compromessi con il downsizing. La rinnovata sportiva F-Type, disponibile in configurazione sia Coupé sia Convertible, verrà dotata di un “piccolo” 4 cilindri 2.0 turbo da 300 cv, destinato ad affiancare i confermati V6 e V8 Supercharged. Turbina twin-scroll Pietra […]

L'articolo Jaguar F-Type 2.0T: la prima volta del 4 cilindri proviene da RED Live.

In mezzo a tante amenità con gli occhi a mandorla, al Salone di Shanghai si possono ammirare anche alcune autentiche perle. Tra queste merita una menzione speciale l’Aston Martin Vantage S Great Britain Edition, una serie speciale tirata in soli cinque esemplari destinati proprio al mercato cinese. Ciascuno sarà venduto a 236.000 sterline, pari a […]

L'articolo Aston Martin Vantage S Great Britain Edition proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana