Google+

Perché gli inglesi sono diventati favorevoli al matrimonio gay? Il retroscena sul Telegraph

febbraio 12, 2013 Benedetta Frigerio

Christopher Booker ha raccontato la svolta dei conservatori: i legami con il Consiglio d’Europa, gli incontri a porte chiuse, e i giudici della Corte Europea dei diritti Umani.

Come mai il matrimonio omosessuale ha avuto una simile accelerazione in Inghilterra, sebbene, a leggere i sondaggi, la maggioranza della popolazione risulti contraria e persino la maggior parte dei conservatori sia ostile alle idee del premier Cameron?
A rispondere è stato ieri il giornalista e saggista inglese Christopher Booker che, sul Telegraph, ha raccontato che «la vera storia dietro a questo dramma risale al 2010». Una storia che ha tre attori principali: il segretario di Stato, Theresa May, il ministro delle Pari Opportunità, Lynne Featherstone, e il Consiglio d’Europa. Booker ha spiegato che nel marzo del 2010 i 47 ministri dei paesi rappresentati nel Consiglio avevano firmato una raccomandazione sulle «misure per combattere la discriminazione sulla base dell’orientamento sessuale o dell’identità di genere». In questa avevano proposto all’articolo 8 della sezione IV il riconoscimento delle coppie omosessuali a cui avrebbero voluto dare lo stesso status di quelle eterosessuali. Sempre nella dichiarazione si leggeva che i “transessuali” avrebbero dovuto avere il diritto di «sposare una persona del sesso opposto di quello a loro riassegnato».
Due mesi dopo, la Gran Bretagna votò per le elezioni parlamentari e, quattro giorni prima, il partito conservatore pubblicò un pamphlet, firmato dalla May, in cui si affermava la volontà di «cambiare la legge e permettere alle convivenze civili di essere chiamate e classificate come matrimoni». Ma, come ha chiosato Booker ieri sul Telegraph, «questo non era il manifesto elettorale del partito conservatore e nemmeno dopo c’è stata un accordo in merito».

INCONTRI A PORTE CHIUSE IN EUROPA. Booker ha spiegato che, nel giugno di quell’anno, la Corte Europea dei Diritti Umani deliberò non esserci obbligo «per i paesi di riconoscere le convivenze omosessuali», ma che, qualora un consenso emergesse tra gli Stati membri, «questo avrebbe potuto permettere ai matrimoni omosessuali di essere riconosciuti». Subito dopo, il ministro Featherstone stese le linee guida per le pari opportunità in cui si spingeva a chiedere che la musica religiosa fosse usata durante le cerimonie delle unioni civili. «Suggerendo questo passo – chiosa Brooker – in favore di una legalizzazione del matrimonio omosessuale».
A settembre il partito democratico sostenne la linea del ministro e, qualche mese dopo, in dicembre, una lobby omosessuale, Equal Love, supportata dal noto leader gay Peter Tatchell, fece pressione sulla Corte Europea dei diritti umani in favore delle nozze omosessuali. In realtà, come ha rivelato il giornalista sul Telegraph, i contatti tra ministri ed esponenti delle lobby gay proseguivano già da mesi. Tanto che nel marzo 2011 May e Featherstone pubblicarono un documento ufficiale intitolato: “Lavorare per l’uguaglianza di lesbiche, gay, bisessuali e transessuali”.
In quest’ultimo documento, si chiedeva al ministero degli Esteri di lavorare per la piena applicazione della raccomandazione del 2010 del Consiglio d’Europa, andando al di là della sentenza della Corte Europea dei Diritti Umani. Per questo, fa notare ancora Booker, quando nel novembre 2011 alla Gran Bretagna toccò il turno di presidenza del Consiglio d’Europa, l’istanza fu messa al primo posto dell’agenda di governo. La stessa Featherstone, d’altronde, «aveva già destinato 100 mila sterline (circa 120 mila euro) del governo per la creazione di un’unità Lgbt con sede a Strasburgo così da pianificare l’attuazione della sua politica».
Il 27 marzo del 2012 i rappresentanti inglesi a Strasburgo organizzarono una conferenza a porte chiuse per «dettagliare i piani di attuazione dell’agenda gay entro il giugno del 2013». A distanza di pochi giorni, il giudice inglese Nicolas Bratza, capo della Corte Europea dei Diritti Umani, annunciò che la Corte sarebbe stata pronta a dichiarare il matrimonio omosessuale come un “diritto umano” non appena tutti i paesi avessero adottato la stessa linea.

CHI DECIDE VERAMENTE PER NOI? «Queste – conclude il giornalista – sono le vere ragioni per cui il nostro governo ha spinto così velocemente verso il voto sul matrimonio gay della scorsa settimana. Ci siamo impegnati alla piena attuazione delle politiche del Consiglio d’Europa non oltre il mese di giugno (e ora anche la Francia sta spingendo verso una legislazione simile)». Siccome «questi corpi agiscono al buio» e «influenzano in molti modi le nostre vite», Brooker si chiede: «Perché nessuno ci ha detto prima onestamente e apertamente quello che stava succedendo?». Ma la vicenda, come raccontato nei giorni scorsi da tempi.it, non finisce qui. Al Parlamento Europeo è già pronto un report sui diritti civili che chiederà ad ogni membro di riconoscere gli effetti giuridici e civili delle forme di unione legalizzate negli altri Stati .

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

34 Commenti

  1. ErikaT scrive:

    Ma dove sarebbe scritto che la maggioranza degli inglesi è contro i matrimoni egualitari??? Ma cosa devo leggere

  2. ErikaT scrive:

    Riconoscere pari diritti alle persone lgbtq è un imperativo etico come imperativo etico sono i pari diritti per i neri o gli ebrei.

    • Bruno scrive:

      1. Ma dove sarebbe scritto che la maggioranza degli inglesi è a favore dei matrimoni egualitari???

      2. Le persone lgbtqwxyz hanno gli stessi diritti degli altri già oggi. Il matrimonio non è un diritto, ma è un impegno che si prende a certe condizioni.

      • ErikaT scrive:

        1) ti ho scritto sotto cosa cercare su google ( in inglese ) e lo saprai

        2) ogni donna mi pare abbia diritto a sposare un uomo, ma non una donna
        Ogni uomo mi pare abbia diritto a sposare una donna, ma non un uomo
        Dunque????

        Per andare al mio blog cliccare sul mio nick

        • Bruno scrive:

          Ma basta spammare il tuo blog, l’hai scritto centomila volta, ormai lo sanno anche i muri che se voglio andare al tuo blog devo cliccare sul nick!

          E io ti ho già scritto che il matrimonio non è un diritto assoluto, ma un contratto che si prende a certe condizioni, una delle quali dalla notte dei tempi è che i due contraenti siano di sesso diverso! Sesso, non orientamento, fatti non opinioni! Uno con il pisello e l’altra con la passerina!

          Quindi dire che una donna non ha diritto a sposare una donna è come dire che il cielo è azzurro!

  3. Filarete scrive:

    L’Europa continua a lavorare secondo quanto dettano le lobby dei finocchi. In generale, anche negli altri settori, l’Europa appare essere ostaggio delle lobby, invece che portatrice degli interessi del popolo. In tema di unioni omosessuali la stragrande maggioranza dei popoli delle nazioni europei non sono assolutamente d’accordo. La maggioranza dei francesi è contraria a queste infamie, così la maggioranza degli inglesi, così -ça va sans dire- la stragrande maggioranza degli italiani, degli spagnoli, dei greci.
    Ma questi organizzano riunioni a porte chiuse, fanno le loro pastette in segreto, e preparano trappole e imbrogli contro i popoli d’Europa.
    Che cosa vogliono ottenere? Disordini in piazza? Stiano bene attenti a quello che fanno. Non vogliamo le loro mostruosità, i loro abominii, le loro infami porcherie.
    In ogni caso bisogna convincerci che l’Europa va smontata, va divisa nuovamente nelle singole nazionalità. La corte europea dei diritti umani va sciolta. Via dall’Eurpa asshole-addict, via dall’Euro! Cure coatte ai finocchi.

    • ErikaT scrive:

      X Filarete

      Guardi che da tutti i sondaggi la maggioranza dei francesi e degli spagnoli è a favore dei matrimoni egualitari, poi il suo modo di chiamare gli omosessuali mi lascia senza parole

  4. Quercia scrive:

    Alla faccia della democrazia, del popolo sovrano, della volontà popolare ecc ecc.

    Chi c’ha i soldi vince sempre contro i poveracci.

    • ErikaT scrive:

      A parte il fatto che ci sono anche omosessuali poveri, omosessuali operai e omosessuali netturbini ma poi vorrei dirle che secondo i sondaggi la maggioranza dei francesi e degli spagnoli e degli inglesi è a favore dei matrimoni egualitari, quindi più democrazia di così!

  5. ErikaT scrive:

    Faccio presente a tutti i lettori che, mentre io sono sempre stata gentile e corretta esponendo con calma e cortesia i miei argomenti altri commentari non mi pare proprio che abbiano usato termini gentili, inoltre non è affatto vero, a giudicare dai sondaggi, che i britannici siano contro i matrimoni egualitari.

    • ErikaT scrive:

      correzione: non è affatto vero, a giudicare dai sondaggi, che la maggioranza dei britannici sia contraria ai matrimoni egualitari e quand’ anche la maggioranza dei cittadini fosse contraria ( ma non è questo il caso) trovo sbagliato decidere in base alla popolazione sui diritti civili, altrimenti un giorno qualcuno potrebbe decidere a maggioranza di abolire i matrimoni misti fra neri e bianchi o fra ebrei e non ebrei ?( cose già successe purtroppo nella storia ).

      • bah scrive:

        colore della pelle e perversione sono due cose ben differenti.

      • Doom scrive:

        Cara ErikaT Democrazia significa potere del popolo.
        O si è democratici, oppure no.

        Altrimenti ben venga il ritorno di una monarchia o dittatura assoluta.
        Il popolo non conterà nulla, come adesso, ma almeno non si verrà presi per il culo.
        (Mi si perdoni il francesismo)

        • ErikaT scrive:

          Dunque se il popolo decidere di discriminare gli ebrei va bene?

          • bah scrive:

            qui non si parla di libertà di culto… qui si parla di te che per il mero piacere sessuale vuoi che la società si adegui di conseguenza.
            sei tu che vuoi cose… gli altri non vogliono niente da te.
            e non sparare dinuovo con i diritti… il tuo NON è un diritto e io non sono un filodittatore.

            • ErikaT scrive:

              Lei non ha risposto alla mia domanda.

            • ErikaT scrive:

              A parte il fatto che qui si sta parlando di riconoscimento di matrimoni e non di sesso ma poi la libertà sessuale è importantissima.

              • bah scrive:

                puoi continuare a masturbarti con il tuo fidanzato se vuoi … nessuno lo vieta.
                Ma non puoi imporre alla società che questa sia una cosa giusta ed accettabile.

          • Doom scrive:

            Vede, la DEMOCRAZIA è semplicemente una forma di governo, punto.
            Posso immaginarmi un popolo di nazisti, cannibali o pedofili presieduto da un perfetto
            governo democratico. La democrazia non è un insieme di valori + o – nobili.
            Però, se fatta con onestà (cosa mai avvenuta in nessuna parte del mondo) è una forma di governo che rispecchia la volontà della maggioranza della gente.
            Lei invece pretende che d’alto, una elite illuminata, imponga il proprio volere.
            Io, questo, la chiamo Tirannide. Oggi potrà piacerle perché le fa comodo ma domani?

            • ErikaT scrive:

              Tirannide sarebbe imporre la discriminazione delle persone lgbtq

              • bah scrive:

                …per i dischi rotti purtroppo non c’è nulla da fare … vanno solo messi in scaffale e ignorati o gettati via.

                • Paolo scrive:

                  La societá non si deve adeguare, la società è già formata da eterosessuali ed omosessuali. È il diritto alla propria natura ,etero o omo che sia, viene molto prima di presunte libertà di culto. Quindi Sig. Bah lei in privato continui a credere a quello che vuole,senza però pensare di poter offendere,sminuire o infangare la normale e naturale Italia affettiva e sessuale delle persone omosessuali. Dischi rotti? Mmmmm mi viene in mente una Creta organizzazione che ripete da anni le stesse cose finendo sempre per essere smentita dalle evidenze dei fatti?

                  • gmtubini scrive:

                    E invece secondo me siete dei PERVERTITI e lo sarete sempre a prescindere da chi pagherete per dire il contrario.
                    Che facciamo? Mi mettete in galera?

                • EP scrive:

                  Concordo. ErikaT é monotona. Sembra berlusconi

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana