Google+

Pensioni in Italia, Ocse: «Generazioni future a rischio»

novembre 26, 2013 Chiara Rizzo

Il rapporto Pension at glance 2013: “In Italia si pagano i contributi più elevati dell’area euro. Ma i giovani precari di oggi sono a rischio povertà domani senza pensioni sociali. Salari tra i più bassi dell’area Ocse”.

Il dato ora è confermato anche dall’Ocse: i precari di oggi rischiano di essere i nuovi poveri di domani, considerato che il sistema pensionistico italiano, sebbene valutato come «al top» dallo stesso Ocse per certi aspetti, non prevede sostegni sociali per le pensioni più basse. “L’adeguatezza dei redditi pensionistici potrà essere un problema – si legge nel rapporto Pensions at glance 2013 presentato oggi a Parigi – per le generazioni future e i lavoratori con carriere intermittenti, lavori precari e mal retribuiti sono più vulnerabili al rischio di povertà durante la vecchiaia”.

CONTRIBUTI PREVIDENZIALI PIU’ ELEVATI. L’Ocse motiva questo problema con il malfunzionamento del sistema contributivo italiano, uno dei più elevati di tutta l’area, con prelievi che corrispondono al 33 per cento della retribuzione lorda, cioé al 9 per cento del Pil o al 21 per cento delle tasse pagate dai cittadini italiani. La media dei Paesi Ocse infatti è minore (19,6 per cento della retribuzione, cioé 5 per cento del Pil e 16 per cento delle tasse). Eppure a fronte di questo non corrispondono però pensioni elevate quanto o più che negli altri paesi, anzi, semmai quelle italiane come detto sono minori, e a rischio povertà. L’Ocse segnala una soluzione dicendo che in Italia “Lavorare più a lungo potrebbe aiutare a compensare parte delle riduzioni” sulle pensioni. “In generale – prosegue il rapporto – ogni anno di contributi produce benefici inferiori rispetto al periodo precedente tali riforme anche se la maggior parte dei paesi abbia protetto dai tagli i redditi più bassi”.

SALARI INFERIORI ALLA MEDIA. Un altro dei problemi di questo squilibrio tra le tasse pagate e il servizio poi reso ai cittadini, sta forse alla base del sistema lavoro. Secondo il rapporto Ocse, infatti, i salari italiani sono abbondantemente al di sotto della media: in media, un lavoratore in Italia percepisce 28.900 euro, cioé 38.100 dollari. La media dei paesi Ocse è di 42.700 euro all’anno, con i picchi virtuosi della Svizzera (94.900 dollari), della Norvegia (91mila dollari), degli australiani (76.600 dollari). I nostri salari sono al di sotto anche di quelli della Germania (59mila dollari), della Gran Bretagna (58.300 dollari) e degli Usa (47.600 dollari).

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana