Google+

Non giocattoli, ma amore: i bambini che scrivono al Corriere vogliono più fratellanza che PlayStation

gennaio 3, 2013 Redazione

Il quotidiano pubblica le lettere dei bambini spedite alla propria redazione. Le conclusioni dell’analista semantico: i bambini vogliono pace, giustizia, Barbie e Lego.

Che regalo vuoi per Natale, piccolino? La pace nel mondo, la giustizia, la fratellanza, l’eguaglianza oppure la serenità? La fine della crisi europea, magari? Forse, in cuor loro, i bambini nutrivano qualche sospetto sul fatto che le lettere di Natale spedite a un giornalone come il Corriere della Sera sarebbero giunte alla loro reale destinazione. Lo scopo dichiarato con il quale il Corriere aveva lanciato l’iniziativa era quello di avvicinarsi di più al mondo dei bambini. Per questo ha invitato tutti i bambini a scrivere la letterina a Babbo Natale e a inviarla in redazione, per poi pubblicare sul giornale le missive più belle. E per evitare che a scriverle fossero in realtà i grandi, il Corriere ha ingaggiato un “analista semantico” che riconoscesse i falsi. E dopo un mese dal lancio dell’iniziativa, il quotidiano di Ferruccio De Bortoli/Babbo Natale ha tirato le somme sui desideri dei bambini e sulle loro aspettative, pubblicando un articolo apparso sul giornale e sul sito a firma dell’esperto di linguaggi. Fatte alcune eccezioni, però, le letterine assomigliano più a pubbliche dichiarazioni di celebrità e aspiranti vincitori di un concorso di bellezza che a reali richieste natalizie.

I RISULTATI STATISTICI. Le conclusioni delle analisi condotte sulle lettere dall’esperto di semantica non si possono definire molto “brillanti”. «Un bambino su 4 ha chiesto più amore nel mondo, uno su 5 la fine delle guerre e della fame. Uno su 5, poi, anche più serenità». L’analista ha concluso dichiarando che fra i giocattoli più richiesti spiccano Lego e Barbie e che i bambini non si preoccupano molto del futuro.

NON GIOCATTOLI MA AMORE. Non rientrano, purtroppo, nelle considerazioni statistiche dell’analista (chissà perché), quelli che a Babbo De Bortoli chiedono solo doni «non materiali». Per questi “bimbi” il Natale è «la festa dell’amore e del riposo dell’anima». Al posto di giocattoli, chiedono un mondo senza più ladri, assassini, camorra, vizi. Un mondo di amore, pace, felicità. Un fanciullo ha anche espresso la sua perplessità sul colore della casacca di Babbo Natale, rosso a causa delle campagne pubblicitaria della Coca-cola e non verde come dovrebbe essere da tradizione.

ANCORA REGALI. Non tutti i bambini si sono fatti convincere dalla retorica anti-materialista e buonista e dai condizionamenti familiari. Va bene la pace nel mondo, ma anche «una macchina telecomandata che non sia tanto scadente», scrive un bambino. Tanto amore e «un ciondolo Swarovsky», nonché «il libro di Kate Middleton», afferma un’altra. Qualcuno si augura, oltre alla fratellanza e alla giustizia universali, «un drago a quattro teste». Poi molti principi azzurri, la carrozza di Cenerentola, la parrucca di Rapunzel, occhiali infrarossi, tablet e videogiochi. Qualcuno chiede la patente. E naturalmente amore.

UN BEL VOLUMETTO. La sorpresa per i bambini vincitori? A chi, nella sua letterina, ha parlato di nuova vita per alberi spezzati, di regali per bambini musulmani, di soldi per i poveri e di lavoro per i disoccupati spettano due grandi regali: una gita fra i banchi della redazione in Via Solferino e un album con tutte le prime pagine del Corriere. Doni che potrebbero riempire di gioia non solo i vecchietti stanchi della bocciofila ma anche i bambini più riflessivi e anti-materialisti, come molti di quelli che hanno spedito letterine al Corriere, però non sarebbe stato meglio provvedere direttamente con regali un po’ più immateriali (e magari più poetici) di un tomo? Non sia mai che cadano in tentazione e usino le pagine per farne degli aeroplanini di carta.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana