Google+

Londra scopre l’allarme sicurezza a otto giorni dalle Olimpiadi

luglio 19, 2012 Emmanuele Michela

Heathrow è un colabrodo, la cerimonia d’apertura sarà accorciata e 3.500 militari sono stati richiamati d’urgenza. Ma per tutelare il brand a cinque cerchi i controlli sono fin troppo ferrei.

All’inizio mancano 8 giorni. Tra poco più di una settimana un’atleta britannico (ancora non se ne conosce il nome, qualcuno dice David Beckham, ma forse sarà la leggenda della canoa Steve Redgrave) accenderà il braciere olimpico, dando così finalmente inizio ai XXX giochi a cinque cerchi della storia moderna. Ma come ogni Olimpiade che si rispetti non mancano neanche a questa vigilia le polemiche in tema di organizzazione e sicurezza.

L’ultima è datata ieri. Il LOCOG ha infatti fatto sapere che la cerimonia di apertura durerà mezz’ora in meno. Motivo? Ufficialmente per permettere agli oltre 80mila spettatori che affolleranno lo Stadio Olimpico di prendere gli ultimi mezzi pubblici per tornarsene a casa o in albergo, ma la motivazione sembra più una scusa campata per aria. Lo show, coordinato dal regista Danny Boyle (Oscar nel 2009 con The Millionaire) e costato 27 milioni di sterline, dovrebbe iniziare da programma alle 21, per concludersi a mezzanotte e mezza: troppo grande il rischio che la gente non riesca a essere per le 2.30 alla fermata della metropolitana più vicina, troppo pretenzioso chiedere alla società che gestisce il trasporto pubblico di prolungare il servizio di qualche decina di minuti. La realtà pare un’altra, ed è quella della sicurezza: negli ultimi giorni il rigore britannico ha vacillato enormemente, mostrando falle imbarazzanti che hanno portato qualcuno a paventare anche l’idea di cancellare l’evento.

La G4S, società che gestisce in via privata la security dei Giochi, la settimana scorsa ha stupito tutti con una dichiarazione scioccante: i 284 milioni di sterline che hanno ricevuto non sono stati sufficienti a reclutare i 10mila addetti alla sicurezza che avevano garantito. Il governo è stato costretto a richiamare così in fretta e furia 3.500 soldati (gran parte dei quali di fresco ritorno dall’Afghanistan), che si aggiungono ai 7.500 militari già distribuiti nel villaggio olimpico a garantire la sicurezza degli eventi. Se a questi si aggiungono il migliaio di “bobby” londinesi e artificieri e le 4.000 guardie private addestrate dalla G4S, si arriva a 17mila uomini impegnati. Un numero notevole (quasi il doppio dei 9.500 soldati britannici impegnati in Afghanistan), ma che non riesce comunque a trasmettere la necessaria sicurezza sull’evento, specie a Heathrow, l’aeroporto principale della città, da tanti dipinto come un colabrodo.

Ma le polemiche non sono finite qui. I controlli, tanto leggeri in tema di sicurezza, si stanno rivelando invece estremamente rigidi tra commercianti e rivenditori in tema di pubblicità e marketing. Nella zona olimpica è vietato esporre qualsiasi tipo di reclame che non siano i brand ufficiali delle Olimpiadi, agli atleti non sarà permesso usare i social network a scopo pubblicitario (sempre se non si tratta di sponsor ufficiali dei Giochi), pena la perdita delle eventuali medaglie. Per tutelare il simbolo a cinque cerchi  la polizia non fa sconti a nessuno, con episodi che vanno dal ridicolo allo sgradevole. Alla British Sugarcraft Guild, per esempio, è stato proibito ai fornai produrre dolci che si rifacessero ai cerchi olimpici, mentre un macellaio di Weymouth ha dovuto rinunciare a cinque salsicce incrociate in un cartello pubblicitario affisso all’esterno del suo negozio. Nei quartieri est della città c’è poi un bar, il Café Olympic, cui è stata tolta la “O” dall’insegna sopra l’ingresso. Qui sì che invece i controlli sono ferrei, con annesse discussioni. Ma d’altronde, che Olimpiadi sarebbero senza polemiche?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. ragnar scrive:

    Heathrow colabrodo? Nooo!! Ma dai? Non lo sapevo!! Com’e’ possibile???…
    Io sto a ovest di Londra e da che mondo e’ mondo uso Gatwick: meno casino e prezzi piu’ ragionevoli (c’e’ Easyjet)

La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

Si candida per il ruolo di protagonista nel segmento crossover di media cilindrata. Finiture e qualità sono all'altezza del marchio. Agile e leggera, offre una guida molto divertente e con poco impegno. Non si tira indietro se si tratta di viaggiare. Le manca solo un monoammortizzatore più completo

Disponibile in oltre 60 città italiane e 300 europee permette di gestire tutte le operazioni relative alla sosta, pagamento compreso.

Una rassegna espositiva racconta gli straordinari artigiani che nel ‘900 fecero della bicicletta un'opera d’arte, i grandi giornalisti che contribuirono alla nascita del giornalismo sportivo, i personaggi che lanciarono le due ruote e gli eroi del pedale che ne immortalarono il mito.

Il restyling della cinque porte bavarese porta in dote un aggiornamento della connettività e dei servizi d’infotainment sulla falsariga di quanto introdotto dalla nuova Serie 3. Gamma motori da 150 a 326 cv e consumi ridotti del 14% rispetto al passato.

Il prezzo d’attacco è prossimo a 10.000 euro, ma non per questo sono una scelta povera. Ecco una guida alle utilitarie più economiche, performanti e meglio accessoriate.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana