Google+

Lo studioso che spiegò agli americani che quelli del Medioevo non furono “secoli bui”

settembre 19, 2015 Paolo Vian

Nel 1927 il medievista americano mise in discussione l’opinione che il medioevo fosse «l’età dell’ignoranza», esaltando invece un periodo pienamente umano perché veramente cristiano

Stralci da un articolo tratto dall’Osservatore romano – Come Mahomet et Charlemagne (1937) di Henri Pirenne, The Renaissance of the Twelfth Century (1927) di Charles Homer Haskins segnò una svolta nella medievistica del Novecento. Nel volume uscito postumo due anni dopo la morte lo storico belga aveva mostrato che la vera cesura nella storia europea era stata rappresentata, fra vii e viii secolo, dall’invasione islamica, col conseguente collasso nel commercio mediterraneo, molto più che dalla silenziosa caduta dell’impero romano nel 476. Nel 1927 il medievista americano mise in discussione l’opinione che il medioevo fosse «l’età dell’ignoranza, del ristagno, della tetraggine, così assolutamente contrastante con la luce, il progresso, la libertà del Rinascimento italiano che seguì», che fosse «un tempo in cui l’uomo era insensibile alla gioia, alla bellezza di questo fuggevole mondo, lo sguardo eternamente rivolto ai terrori dell’altro». Nella scia della celebre opera di Jakob Burckhardt (1860) sul Rinascimento italiano, tutto era stato giocato sul chiaroscuro, sul passaggio dalle tenebre di un fosco medioevo alla luce di un Rinascimento abbagliato dalla solare sapienza antica. Con Haskins e dopo di lui ci si accorse che il medioevo era in verità costellato di molteplici “rinascite” (da quella carolingia, intorno alla scuola palatina, a quella ottoniana e ancora altre) e soprattutto che esse erano un originale modo di appropriazione dell’antico, non archeologico ma vitale e creativo.

L’iniziale accostamento dei due titoli è legittimo perché in entrambi i casi Pirenne e Haskins contestarono periodizzazioni consolidate e pigramente accettate da tutti. Certo, alle spalle di Haskins vi era più di un secolo di tentativi di rivalutazione del medioevo, dal romanticismo in poi, con la possente storiografia che vi si ispirò. Ma si trattava di un fenomeno squisitamente europeo che, oltre a non scalzare i pregiudizi dei falsi colti e della caterva degli orecchianti, non era mai divenuto un’acquisizione del nuovo mondo americano che, nei primi decenni del xx secolo, si avviava a divenire la potenza egemone del Novecento ereditando tutti i preconcetti delle società europee che lo avevano generato. Il merito di Haskins fu dunque quello di acclimatare nel mondo americano una rivalutazione del medioevo che avrebbe aperto la strada a una fiorente storiografia. Dopo pochi anni essa sarebbe stata alimentata e rinvigorita da studiosi europei ostracizzati dai loro Paesi per motivi razziali e divenuti protagonisti negli Stati Uniti di una translatio studii rispecchiata nelle biografie di uomini come Ernst Kantorowicz e Stephan Kuttner, Herbert Bloch e Gerhart B. Ladner. Haskins riuscì nell’intento con una mirabile, efficacissima, vivace sintesi, non appesantita da eccessivi apparati di note, ma solidamente fondata e convincente, che a distanza di quasi novant’anni dalla sua pubblicazione regge ancora bene l’usura del tempo e merita davvero di essere letta (o riletta).

Non è quindi un caso che Haskins (1870-1937), autore di notevoli contributi sulla storia della scienza, sulle università medievali e sui normanni, politicamente impegnato accanto al presidente americano Woodrow Wilson anche alla conferenza di pace di Versailles nel 1919, sia divenuto quasi un mito negli Stati Uniti. (…) La riproposizione del volume nell’ormai classica traduzione di Paola Marziale Bartole permette dunque di rileggere un libro che ha veramente impresso un indirizzo nuovo agli studi (Charles Homer Haskins, Il rinascimento del xii secolo, Roma, Castelvecchi, 2015, pagine 271, euro 25). Rispetto alla prima edizione italiana del Mulino, che risale al 1972 (con successive edizioni), nel titolo si è preferito il termine «rinascimento» a «rinascita», con chiara, intenzionale allusione al fulgore quattro-cinquecentesco, forse proprio per sottolineare la vita nuova e vigorosa che investe i centri di studio e le biblioteche e si esprime in un rinnovato interesse per i classici latini e la poesia, per il diritto e la storiografia, per la scienza e la filosofia, mentre si moltiplicano le traduzioni dal greco e dall’arabo e nascono le università.

Il legato più bello del volume di Haskins è in quest’immagine luminosa e vitale di un medioevo che l’umanesimo e l’illuminismo (nelle loro componenti anticristiane) hanno calunniato descrivendolo come rattrappito, nemico della vita e infelice. È l’immagine di Bernardo di Clairvaux in celebri pagine di John Addington Symonds evocate da Haskins nella prefazione. Il monaco procede sulle sponde del lago Lemano ma non si avvede della bellezza del paesaggio, chiuso nella sua cocolla, curva «la fronte pensierosa sul collo della sua mula»: lo specchio di un’epoca in cui, «morto ogni senso dell’uomo, un pellegrino meditabondo, intento agli orrori del peccato, della morte e del giudizio, lungo le strade maestre del mondo, non si accorge che esse meritano il suo sguardo, che la vita è benedizione». Nulla di più falso, se si pone mente alla meraviglia di certe pagine, di certe miniature, di certe architetture cistercensi che trasudano un gusto per il bello e un amore per la vita indimenticabili. Aveva ragione Marie-Dominique Chenu ne La teologia del xii secolo (1957), un gran libro che forse non sarebbe stato scritto se Haskins non avesse aperto la strada: il contemptus mundi nulla detrae a una presa di coscienza e di possesso umana del mondo e della natura, che ha pure una sua consistenza ma rimane una foresta di simboli. Microcosmo/macrocosmo, dama/natura, il Timeo e la Scuola di Chartres, una natura ordinata e desacralizzata di cui si scoprono le leggi e che appare quasi «vicaria dell’Onnipotente». Ma il Cristo rimane al vertice dei portali delle cattedrali e alla fine Alano di Lilla, l’autore del De planctu naturae, diviene cistercense e chiude i suoi giorni a Cîteaux. Sono figli del xii secolo e del suo «risveglio evangelico» — non dimentichiamolo — Domenico di Guzmán e Francesco d’Assisi che con i loro Ordini segneranno indelebilmente gli ultimi secoli medievali (e non solo quelli). Figli del xii secolo, un secolo pienamente umano perché veramente cristiano.


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

8 Commenti

  1. beppe scrive:

    da parecchi anni in molte piazze d’italia vanno in scena RIEVOCAZIONI MEDIEVALI più o meno riuscite. si vedono a volte costumi ben imitati , altre volte degli straccioni con le scarpe da tennis ai piedi, ma tutti PAZZI PER IL MEDIOEVO. come per la moda dei CIBI E DELLE COSE DI UNA VOLTA il dato che li accomuna è che E’ STATO DEL TUTTO ELIMINATO L’ELEMENTO RELIGIOSO CHE CARATTERIZZAVA IL MEDIOEVO. va tutto bene, purchè sia debitamente STERILIZZATO. per questo motivo queste nostalgie mi lasciano perplesso e più spesso infastidito.

    • Menelik scrive:

      Eliminato un corno !!!!!!
      Probabilmente lei vive in una realtà urbana di una grande città, non vive questi eventi.
      Io faccio parte di una Confraternita religiosa di un piccolo centro laziale, ex-Stato Pontificio.
      Non siamo un’associazione folcloristica come gli sbandieratori, siamo un’associazione religiosa composta di laici ai sensi del canone 298, non siamo un club folcloristico, anche se abbiamo il saio e mantellina che ci potrebbe erroneamente assimilare a qualcosa di folcloristico.
      Partecipiamo attivamente a manifestazioni religiose profondamente radicate nella nostra storia che, mi si conceda, è una storia nobile, che risale al 1246, pieno Medioevo.
      Ma non ci limitiamo alle processioni del nostro paese, partecipiamo su invito delle altre Confraternite, alle manifestazioni religiose di altri paesi, ed in simili occasioni lei potrebbe vedere che il senso di appartenenza alla religione cristiana cattolica, in Italia, è tutt’altro che morto, anzi, è più vivo che mai.
      Paesi interi, giovani e anziani partecipano.
      Se lei non ha mai visto simili eventi, non può credere quanto sia radicato il senso religioso nella gente comune, perché lei vede la gente indaffarata ognuno al suo lavoro, ma è in queste manifestazioni che si scopre quanto è importante l’appartenenza religiosa della gente comune.
      Tanto per uscire fuori dal tema strettamente confraternale, come le ripeto, è religioso per il 90% e folcloristico si e no al 10, ma lei ha mai sentito parlare della rappresentazione dei Misteri di Santa Cristina a Bolsena, il 23-24 luglio? E della rappresentazione della Passione a Vetriolo di Bagnoregio, il Venerdì Santo?
      Mi creda, la frase che lei ha scritto che è stato del tutto eliminato l’elemento religioso, è una balla grossa come una casa.
      E’ evidente che lei non conosce queste cose.

  2. Martino scrive:

    Grazie per i riferimenti.
    Chi non ha memoria non ha futuro. Soprattutto non può conoscere la verità.
    Infine, la storia scritta dagli auto-proclamati vincitori ha le gambe corte.
    Buona Domenica!

  3. Filippo81 scrive:

    La vera ignoranza, crassa e suina, è invece proprio quella di considerare il Medio Evo un “periodo buio” !

    • Sebastiano scrive:

      Ihhhh, cosa hai scritto…
      Adesso arriva quello degli “studi autorevoli dell’APA” e ci dà un fracco di legnate…Ahinoi…

    • Fabio scrive:

      Leggete Luci sul Medioevo di Regine Pernoud e capirete che il Medioevo e’stato il periodo piu’luminoso piu’civile e di maggior progresso che la storia europea abbia mai conosciuto.

  4. Fabio scrive:

    Per affrontare il Medioevo uno storico , ma anche un qualsiasi studente dovrebbero chiedersi innanzitutto : cosa c’era prima ? e cosa c’e’stato dopo ?
    Ora prina del Medioevo c’era un’ Europa devastata dai barbari , un continente che aveva quasi perduto anche quel che la civilta’romana aveva lasciato di buono ,quindi prima c’era un negativo ; dopo c’e’stato qualcosa che umanamente viene riconosciuto a torto o a ragione come positivo ,il Rinascimento.
    Quindi il Medioevo e’stato come un passo che ha permesso di passare da un negativo a un positivo.
    Almebo e’stato quwllo , in realta’e’stato molto di piu’ cone organizzazione sociale e visione della vita ,piu’dell’epica moderna.
    Ma fingiamo di essere laicisti per un attimo : la logica impone di dire che un passaggio da un negativo a un positivo
    rappresenta il primo passo verso il positivo. E giudicare il Medioevo solo sulla base delle scoperte scientifiche o tecnologiche ( ” non c’era la lavatrice quindi erano secoli bui…” ) e’da idioti. Nel Medioevo nascono i presupposti della civilta’attuale.
    Come il secpndo o il terzo gradino di una scala pernettono di arrivare al decimo, ma se non ci fossero stati il
    secondo o il terzo gradino chi oggi e’al decimo e guarda i gradini precedenti con disprezzo, oggi sarebbe ancora al settimo. Quindi un laicista o uno storico che non sappia valutare con questa ottica il Medioevo pur npn amandolo , e’solo un cretino storicamente e razionalmente parlando.

  5. Fabio scrive:

    Anche l’amore e’stato massimamente esaltato nel Medioevo : prima era inconcepibile corteggiare una donna ,
    considerata essere inferiore come ancor oggi in certe civilta’e religioni sottosviluppate. Ladonna angelicata l’amor cortese ma non per questo non passionale o una storia cone quella di Abelardo ed Eloisa erano possibili solo grazie alla cultura cristiana medievale.
    Oggi la affettivita’e la sessualita’sono ridotte al minimo o a zero anche nella nostra civilta’ dove il corteggianento non esiste piu’il desiderio sessuale e’in calo e la donna e’vista solo cone oggetto di piacere .diminuendo il puacere che si cerca per ottenere il quale occorre il corteggiamento , la poesia, …e questo spiace dirlo anche per colpa di tanto clericalismo e bigottismo che dal protestantesimo in poi si e’introdotto nella Chiesa Cattolica e malgrado il Concilio e’rinasto anche perche’ mi rendo sempre piu’cobto che il Concilio e’servito solo a protestantizzare la Chiesa Cattolica.
    Se oggi un giovane si rivolgesse ad una ragazza in un ambito cattolico come nel Cantico dei Cantici o nel Medioevo verrebbe subito bloccato emarginato come maniaco o pazzo con intervento del super ego autoritario drl prete di turno che invece di fare il prete si immischia degli innamoramenti degli adolescenti….
    Qual e’ il vero secolo buio ?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana