Google+

Le banche del latte, un bene prezioso per i neonati prematuri. Come donarlo

ottobre 30, 2013 Elisabetta Longo

Il latte materno è inimitabile per le sue proprietà. Intervista al dott. Testolin dell’ospedale Macedonio Melloni di Milano: «Madre Natura ha creato un prodotto unico»

Il latte materno, un elemento continuamente studiato e non ancora del tutto conosciuto. Al tempo stesso fondamentale e inimitabile per la crescita del neonato, ma ancora di più per i bambini che nascono prematuri. Per questo motivo sono presenti sul territorio italiano le “banche del latte”, circa 25, presidi medici in cui vengono custodite scorte di latte materno. Ce ne ha spiegato l’utilità il dottor Corrado Testolin, della Terapia intensiva neonatale Macedonio Melloni di Milano.

A cosa servono le “banche del latte”?
Le banche del latte esistono in Italia dagli anni Sessanta/Settanta, e sono nate fondamentalmente con lo stesso principio delle balie di una volta. Le donne che hanno più produzione di latte, per non farlo andare sprecato, possono donarlo. L’utilizzo che se ne fa è uno, principalmente, nutrire i neonati prematuri. Bambini che non hanno l’intestino ancora del tutto formato, e che quindi non potrebbero né digerire né sopportare il peso di un latte vaccino adattato, e che al tempo stesso hanno bisogno di continuare il proprio sviluppo velocemente. I bambini prematuri nutriti con latte materno, proveniente dalle banche del latte, hanno meno probabilità di sviluppare patologie intestinali. Le donne che partoriscono prima del termine infatti non hanno ancora la montata lattea, e quindi serve trovare un sostituto.

Come funziona la catena che va dalla mamma alla banca?
Il latte materno ha migliaia di proteine, e per il momento se ne conoscono appena un centinaio, la più importante di queste è la lattoferrina, una proteina con una potente azione antibatterica. È un composto complesso molto affascinante, irripetibile in natura. Per questo è così importante per i neonati prematuri. Nelle banche del latte ci si occupa di pastorizzarlo e poi congelarlo. Successivamente verrà riportato alla temperatura e somministrato al neonato. In quest’ultima fase di scongelamento, il latte degrada un po’, ma rimane comunque un prodotto di altissimo valore nutritivo rispetto ai latti adattati.

Si può stimare un valore di mercato del latte materno?
In Italia le donazioni sono gratuite, come per il sangue, mentre in molti altri paesi alla donazione corrisponde un pagamento. Donare gratuitamente è molto diverso, anche per il valore che la donna può dare al suo gesto, aiutando altre donne, aiutando altri bambini. Le banche del latte forniscono alla donatrice i contenitori sterili in cui riporre il latte, e poi si occupano, con un’auto medica, di passare a ritirare il prodotto, di modo che la catena del freddo non venga interrotta, riponendo i contenitori in celle frigorifero. Ricordo che una volta una donna venne da noi con una decina di barattoli qualsiasi che aveva riempito con il suo latte, e noi non lo potemmo accettare. Per quanto buono fosse stato il suo gesto ci sono rigidi protocolli da seguire. Purtroppo i costi sono tutti a carico della banca. Possiamo dire che un litro di latte ci viene a costare circa 80/100 euro, nulla in confronto al valore delle patologie intestinali che abbiamo evitato al bambino prematuro.

A livello nazionale si registra un +51 per cento di donazioni. Com’è la situazione a Milano?
Quest’anno abbiamo avuto un +20 per cento, l’anno scorso un -10 per cento, nel 2011 invece avevamo registrato un 15 per cento. L’andamento è buono ma è difficile fare una previsione. Noi cerchiamo di informare le mamme il più possibile, anche dopo che hanno donato. Il 17 novembre sarà la Giornata nazionale del bambino pretermine, e quel giorno non inviteremo solo le famiglie e i bambini dimessi felicemente, ma anche le donne che hanno reso possibile tutto questo. Per ringraziarle. Il latte proveniente dalla banca viene dato ai bambini fino a che non raggiungono la 36esima settimana di sviluppo o per lo meno i due chili, e per quanto ci impegniamo nella ricerca, Madre Natura ha creato un prodotto inimitabile e unico.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.