Google+

La sentenza sugli ovuli mortifica la donna (e il suo mistero). E la mette in vendita

dicembre 19, 2014 Lucetta Scaraffia

La sentenza della Corte europea che stabilisce la brevettabilità, ai fini della ricerca, di un ovulo attivato per partenogenesi apre le porte al mercato farmaceutico

utero-affitto-maternità-surrogataArticolo tratto dall’Osservatore Romano – La sentenza della Corte europea che stabilisce la brevettabilità, ai fini della ricerca, di un ovulo attivato per partenogenesi, che abbia iniziato un processo di sviluppo pur non essendo stato fecondato, apre le porte a nuove frontiere e a nuove possibilità, non solo scientifiche, ma anche per il mercato farmaceutico. Non è un caso, infatti, che la richiesta sia partita da una società di ricerca farmaceutica, la Stem Cell Corporation.

Per la prima volta, infatti, sarà possibile brevettare una parte del corpo umano, come se fosse un manufatto. Al tempo stesso si è limitata la definizione di embrione, prodotto umano protetto dalle leggi. Dimenticando volutamente che prima di essere stati embrioni anche noi tutti siamo stati ovuli, dimenticando cioè che siamo tutti figli e che dobbiamo qualcosa a chi ci ha permesso di venire al mondo, fin dalle prime cellule.

In questo modo, invece, gli scienziati si proclamano padroni del processo vitale, con la possibilità di intervenire per farne ciò che si vuole. È una lunga storia, iniziata con l’aborto, che estende sempre più il potere dell’uomo su un processo che rimane ancora, per molti versi, misterioso. E che, comunque, non è stato inventato dagli esseri umani.

Come al solito, tutto è giustificato con la ricerca scientifica, il bene che i malati ne potranno ricavare. Sarà vero? Soprattutto, vale la pena cercare terapie al prezzo di gravi violazioni del rispetto dell’essere umano? Anche stavolta i sostenitori della sentenza dicono che sono i ricercatori a dover valutare. Ma come è possibile pensare di lasciare una questione così decisiva nelle mani di persone che, ovviamente, vi sono implicate per interessi personali? Come non capire che siamo di fronte a un problema molto più ampio, molto più profondo? Ridurre questa grave questione semplicemente a un cavillo giuridico — cioè al fatto che l’ovulo non può essere qualificato come embrione — mortifica la civiltà.

E non basta: dobbiamo anche ricordare che, con questa sentenza, si aggiunge un altro tassello alla commercializzazione del corpo femminile, già in atto con il mercato degli ovuli e degli uteri. Che fine faranno le donne se la loro specificità, cioè la maternità, viene spezzettata e messa in vendita?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. filomena scrive:

    Spiacente ma la mia specificità di donna NON è certo data dalla possibilità di essere madre, ma dal fatto di essere come ogni altra persona diversa da ognuno di noi. Rivendico il fatto che la maternità è una scelta è non può rappresentare la connotazione per rendere specifica una persona in quanto tale.

    • Giannino Stoppani scrive:

      Ah, ah, ah!
      Ma no, Filomeno, non ti sgomentare!
      La maternità è una specificità delle donne (XX), mica tua!
      Quando mai s’è mai sentito che gli uomini (XY) partoriscono?!
      E comunque, quando non si ha nulla di vagamente intelligente da scrivere, si può anche passare la mano, eh?!

    • Ale92 scrive:

      Non capisco cosa intende dire…al di là che una donna può ovviamente scegliere di non avere figli la maternità resta pur sempre una caratteristica, un attributo coessenziale alla donna come la paternità nel caso dell’uomo. Non si può forse paragrafare Terenzio con “mulier sum, muliebris mihi nihil alienum puto”? :)

    • Toni scrive:

      Simpaticona…. quasi inorridisci all’idea di una gravidanza … ti vedo rannicchiare e raggrinzire all’idea. Certo è una scelta, solo per le donne, non per gli uomini. Ma come ogni scelta che si fa qualcosa, sul chi siamo, lo dice. Si può scegliere di non volere figli per uno scopo … più alto (le suore lo fanno, ma non solo queste). Ma se la scelta la fa una abortista, pro eutanasia, una che chiama amore passssssssione, che smercerebbe figli ai gai (tanto a lei cosa frega… ha dichiarato che non sa cosa è un istinto materno) ecc. … su quello che dice la “scelta” di tale amabile personcina …. stendiamo un velo pietoso.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Prenderà il via dall’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola sabato 29 e domenica 30 aprile il Campionato monomarca MINI Challenge 2017, organizzato con il supporto di ACI Sport. Le sei tappe previste, da aprile a ottobre, si correranno sui più celebri circuiti italici e, chi non potrà partecipare o assistere, potrà godersi la visione in streaming su Dplay, la piattaforma on […]

L'articolo MINI Challenge, al via la nuova edizione proviene da RED Live.

Ci sono eventi che arrivano immediatamente ai fasti della cronaca e altri, non meno importanti, che vuoi per casualità, vuoi perché comunicati con meno forza, passano quasi sotto silenzio. Mentre il Salone di Shangai, tuttora in corso, celebra una miriade di modelli e versioni dedicati pressoché esclusivamente al mercato cinese, resta inspiegabilmente in secondo piano […]

L'articolo Jeep Yuntu: l’ora dell’ibrido plug-in proviene da RED Live.

LIVE I mega SUV americani restano un sogno per chi ama il genere: in Europa non ce ne sono molti ma oggi ci si può avvicinare grazie a Ford Edge. È l’ammiraglia dei SUV dell’ovale blu: con 4,81 metri di lunghezza (+ 30 centimetri rispetto alla Kuga) e la seduta a ben 70 centimetri da terra, domina il traffico. […]

L'articolo Prova Ford EDGE Sport 2.0 TdCi proviene da RED Live.

Monovolume, SUV e crossover, ma anche multispazio, sportive, ibride ed elettriche: “l’affollamento” in abitacolo è un must e proliferano le auto a sette posti. Ecco i migliori modelli sul mercato.

L'articolo Quando cinque non bastano, le migliori auto a 7 posti proviene da RED Live.

Nel mondo delle supercar c’è grande fermento per l’imminente debutto della Aston Martin Valkyrie e della Mercedes-AMG Project One, “parenti strette” delle vetture da Formula 1. Auto che, però, vuoi per il frazionamento dei propulsori, vuoi per alcune soluzioni telaistiche, non attingono tanto profondamente quanto affermato nei proclami alla tecnologia delle monoposto. Diversamente da quanto […]

L'articolo Ferrari F50: la Formula 1 sono io proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana