Google+

La memoria di Villa Necchi Campiglio

maggio 7, 2017 Walter Veltroni

Lì, secondo la testimonianza di Piero Vivarelli, fu ricevuto un ufficiale inglese che si sarebbe dovuto poi recare sul lago di Garda per incontrare Mussolini

villa necchi campiglio

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Esiste una villa meravigliosa, nel cuore di Milano. Si chiama Villa Necchi Campiglio. È una residenza costruita tra il 1932 e il 1935 dall’architetto Piero Portaluppi in via Mozart. I committenti, evidentemente facoltosi, si fecero allestire un edificio di pregio raro. Un meccanismo allora modernissimo consentiva persino la chiusura della porta principale con un gigantesco cancello a scorrimento che spariva alla vista durante il giorno per essere fatto salire, con un pulsante, durante la notte o in assenza dei proprietari.

La villa, ricca di arredamenti pregiati, fu la dimora della famiglia Necchi fino alla guerra, quando fu requisita dai fascisti e trasformata nella residenza di Pavolini, segretario del fascio, e poi nella sede del comando nazista di Milano. Lì, secondo la testimonianza di Piero Vivarelli, resa in una lettera a Sergio Romano pubblicata sul Corriere della Sera, fu ricevuto un ufficiale inglese che si sarebbe dovuto poi recare sul lago di Garda per incontrare Mussolini. Piero, che conobbi, era un regista di film musicali, di commedie e di film erotici. Era stato nella Repubblica sociale e, alla fine della sua vita, militò in Rifondazione comunista.

Era un uomo simpatico e intelligente e mi colpisce aver ritrovato questa sua testimonianza resa perché, in licenza, andò a cena a Villa Necchi dove sua madre lavorava come segretaria di Pavolini. Quella villa è intrisa di storia. Si sente la presenza della borghesia milanese, austera e rigorosa. E il segno del razionalismo, dell’architettura del nuovo tempo, che costruì i luoghi di un regime che, in quelle stesse stanze, vide consumarsi il suo livido autunno. Leggenda vuole che, dopo la guerra, la famiglia abbia trovato in un ripostiglio delle carte del regime, occultate forse prima della fuga finale. E che, dice sempre la leggenda, dopo un consulto con il parroco della zona si decise di bruciare tutto. La villa, non avendo le Necchi dei figli, fu, alla loro morte, generosamente affidata alle sapienti cure del Fai che l’ha conservata, mantenuta, aperta al pubblico.
La memoria o si brucia o si conserva.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Se fosse una compagna di scuola, la Peugeot 308 sarebbe la classica ragazza seduta nei banchi della seconda fila; precisa, puntuale, concreta e in grado di ottenere ottimi risultati. Però poco appariscente. La tipica studentessa che pochi notano e che i professori danno per scontato sia in grado di ben figurare in ogni frangente. Ora, […]

L'articolo Prova nuova Peugeot 308 proviene da RED Live.

Il suo logo a forma di ruota spicca su caschi, capispalla, piumini, borsoni, zaini, bracciali in argento e foulard in seta, e non a caso. La collezione di abbigliamento e accessori uomo/donna Milano 1914 trae difatti la sua identità da EICMA, il Salone internazionale delle moto, la cui prima edizione è datata 1914, appunto. E […]

L'articolo Milano 1914, nuova collezione e corner al Boscolo proviene da RED Live.

La scelta di un’automobile è una decisione che dipende dall’utilizzo che se ne vuole fare. Chi ha bisogno di un mezzo da guidare esclusivamente in città, sarà orientato verso un’auto più compatta e maneggevole; se la vettura accompagnerà spesso la famiglia in gite fuori porta, ruote grandi e ammortizzatori rinforzati saranno determinanti; se il conducente […]

L'articolo Il cambio: tipologie e caratteristiche (automatico/semiautomatico/manuale) proviene da RED Live.

In sella a una delle moto più speciali mai prodotte da BMW. La HP4 Race porta all’estremo il concetto di moto sportiva. Leggerissima potentissima, va fortissimo ma non è un mostro impossibile da domare, anzi… 80.000 euro sono tanti? Forse, ma dopo averla guidata potresti cambiare idea.

L'articolo Prova BMW HP4 Race proviene da RED Live.

Con il nuovo Kymco AK 550, la Casa di Taiwan punta dritta al cuore del mercato dei Top Scooter bicilindrici. Il prezzo è interessantissimo (9.190 euro in offerta lancio) ma i contenuti tecnologici sono tutt’altro che di serie B. Anzi!

L'articolo Prova Kymco AK 550 proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana