Google+

«La Cgil è contro i voucher perché chi viene pagato così non si iscrive al sindacato»

marzo 21, 2017 Francesca Parodi

Secondo il giornalista Cobianchi, la battaglia del sindacato della Camusso «è ideologica, fatta sulla pelle delle persone. Ed è l’ideologia che manderà a picco questo paese»

lavoro-voucher-ansa

Il governo «politicamente» non aveva alternative, ma abrogando gli articoli del Jobs Act relativi ai voucher per scongiurare il referendum promosso dalla Cgil «fa un enorme favore al lavoro nero». Così Marco Cobianchi, giornalista di Panorama e fondatore di #Truenumbers, commenta a tempi.it la decisione del governo Gentiloni. «Dal punto di vista politico, si è trattato di una mossa obbligata perché al referendum, in questo paese di cialtroni, avrebbe senza dubbio vinto il sindacato. Per quanto riguarda i contenuti, invece, l’eliminazione dei buoni è stato il più grande favore al lavoro nero che si potesse fare, e ne sono responsabili il governo e la Cgil insieme». Ma perché la Cgil chiede la cancellazione dei voucher? «La storia dell’abuso di questo strumento contrattuale è solo una scusa. Il vero motivo è che chi viene pagato a voucher non si iscriverà mai a un sindacato. Da quando in qua la Cgil si interessa dei lavoratori autonomi? È solo una questione di interessi e convenienza».

Effettivamente i voucher, riconosce Cobianchi, presentavano un punto debole che chiedeva delle modifiche: «Il valore di ciascun buono era di 10 euro, ma era troppo basso perché al lavoratore andavano solo 7,50 euro, il resto se ne andava in contributi. I voucher dovevano valere almeno 15, se non 20 euro. Il vero sfruttamento non consiste nella mancanza di contratto, ma nella possibilità di sottopagare il lavoratore». C’è di buono che, quando utilizzati in maniera appropriata, i voucher hanno contribuito a far emergere il lavoro nero ed è interessante osservare la mappa del loro utilizzo: «I dati mostrano che i buoni sono molto impiegati soprattutto nelle regioni più industrializzate del paese, come Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna, mentre un’ampia area del centro-sud si mostra più impermeabile alle incentivazioni per regolamentare il lavoro in nero». Risultato finale della cancellazione dei voucher: «Gli imprenditori onesti si trovano senza un valido strumento di flessibilità, mentre i disonesti continueranno a trovare modi per sfruttare i lavoratori».

Certamente c’era il rischio che i voucher venissero utilizzati in maniera impropria per tagliare i costi del lavoro («un dipendente a tempo indeterminato costa più di un lavoratore pagato a buoni»), ma la realtà è che i voucher venivano usati persino troppo poco : «Nel 2016 ne sono stati venduti 134 milioni e sono stati versati stipendi per un miliardo e 340 milioni. Rispetto all’ammontare totale degli stipendi in Italia, che si aggira sui 600 miliardi, i voucher coprono una percentuale del mercato del lavoro pari allo zero virgola. Facendo una media, risulta che i lavoratori italiani che ne hanno usufruito, ne avrebbero utilizzati appena tre o quattro a testa». Su numeri così bassi, quindi, parlare di abuso non ha senso : «È solo ideologia della peggior specie perché fatta sulla pelle di persone, soprattutto giovani, che potevano essere finalmente pagati in modo regolare, ed è l’ideologia che manderà a picco questo paese».

Ultimamente si sta parlando, come possibile alternativa, dei voucher francesi o dei mini jobs tedeschi, «ma la cosa importante è trovare una soluzione in fretta, perché la stagione estiva si avvicina e il turismo è uno dei settori dove i voucher sono maggiormente utilizzati». Si dovrà inoltre tener presente che adesso la Cgil, «che ha già ottenuto una grandissima vittoria con l’abolizione dei voucher, avrà il potere di dettare al governo le linee guida per l’elaborazione di un nuovo strumento».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Opel torna nel segmento delle SUV medie. E lo fa sbattendo la porta con tanta forza da far tremare i vetri. La nuova Grandland X, terzo atto della saga X dopo Mokka X e Crossland X, è una vettura concreta, spaziosa, confortevole e ben rifinita. Oltretutto forte di un design piacevole. Caratteristiche che, di per […]

L'articolo Prova Opel Grandland X proviene da RED Live.

L’ingresso di Fiat nel segmento dei Pick-up avviene grazie a una importante e strategica collaborazione con Mitsubishi di cui il Fullback è “figlio legittimo”. Stringendo una intelligente partnership con chi è stato ritenuto il miglior interprete di questa filosofia, Fiat ha infatti potuto entrare sul mercato dalla porta principale con un mezzo che, già in […]

L'articolo Prova Fiat Fullback LX 180 CV, buona la prima proviene da RED Live.

Pirelli ci riprova. Dopo il lancio degli pneumatici da bici P Zero Velo riparte dal ciclismo il progetto Pirelli Design, avviato dall’azienda per valorizzare il suo bacino di conoscenze in fatto di tecnologia. Procede dunque in questa direzione la nuova capsule collection con la collaborazione di Castelli, azienda italiana con più di quarant’anni di storia vissuta […]

L'articolo Pirelli Design e Castelli insieme per una collezione speciale proviene da RED Live.

Le due rappresentanti heritage della Casa di Iwata si tingono di nuovi colori e richiamano ancora di più il passato: sono le Yamaha XSR700 e XSR900 2018

L'articolo Yamaha XSR700 e XSR900 2018 proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. La prova della nuova gamma Softail comincia così, all’insegna di un motto indiscutibilmente americano. Oltre alle suggestioni culturali, però, c’è altro: otto modelli del tutto inediti, progettati ex novo per essere attuali oggi e soprattutto domani. Nel futuro di Harley-Davidson, infatti, ci saranno 100 nuovi modelli in 10 anni. […]

L'articolo Prova Harley-Davidson gamma Softail 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana