Google+

Io, tra i Veilleurs parigini che non vogliono le nozze gay. «La bellezza salverà il mondo»

maggio 7, 2013 Chrysalide Papillon

Testimonianza di una francese che ha partecipato alle veglie contro la legge sulle nozze gay. Le letture, i canti, gli interventi dei gendarmi. «Qui si è alzato un popolo per dire “Io”»

Una lettrice ci ha inviato dalla Francia la seguente lettera. Vi si racconta, dall’interno, cosa sta accadendo durante le manifestazioni contro la legge per il matrimonio omosessuale voluta dal presidente Hollande.

I Veilleurs sono un gruppo di giovani ragazzi che, davanti alle violenze nate dopo alcune delle manifestazioni nei giorni dell’approvazione della legge, hanno voluto esprimere la loro disapprovazione in modo pacifico. La sera, da tre settimane a questa parte, si trovano in un bel posto di Parigi (il loro slogan è la frase di Dostoevskij: «La bellezza salverà il mondo»!), per «Veiller» (vigilare). Si siedono per terra davanti a candele, indifferenti a pioggia e freddo, e ascoltano poesie, riflessioni di autori, canti lirici, brani di musica (il tutto dal vivo), intercalati da canti sottovoce e momenti di silenzio, o riflessioni scritte da loro o fatte da invitati sulla situazione attuale e la legge.
La prima sera, erano una cinquantina, dopo una settimana 5.000 (anche grazie alla «pubblicità» che li hanno fatti gli arresti violenti totalmente assurdi delle prime sere, che oggi non hanno più luogo); attualmente, si danno il turno e sono qualche centinaio ogni sera a Parigi, ma anche in tante città del paese, e all’estero (compreso Milano, dove c’è stata una veglia). All’origine dell’iniziativa, due giovani, Alix et Axel, che non vogliono essere conosciuti e intervistati dai media.

Alcuni degli numerosissimi autori citati: Hugo, Aragon, Eluard, Desnos, Péguy, Rostand, Racine, Sofocle, Toqueville, Camus, Ronchi, Popieluszko, Dostoiesvki, Jaurès, Mac Arthur, Saint Exupéry, Gramsci, Havel, Solgenitsin, ecc… Tra i film citati: Hannah Arendt, Cristiadas…

Incuriosita e desiderosa di capire veramente chi erano, ho partecipato domenica sera alla loro veglia. Ho visto dei ragazzi giovanissimi (la maggior parte sembra attorno ai 20 anni), con dei leader di una maturità e di una determinazione stupefacente. Siamo stati seduti per due ore nella modalità che ho descritto. Il posto (Avenue de Breteuil) era nuovo, e sembrava che la polizia, che finora ha controllato da molto vicini questi incontri, non ci li avesse trovati. Poi, ci siamo alzati, e incamminati, sempre con candele e canti, verso una destinazione sconosciuta (i responsabili sono coscienti che queste manifestazioni rischiano di attrarre i pro e contro legge che cercano le risse e sono quindi molto cauti, perché le informaziono circolano istantemente sulle reti sociali). Solo dopo abbiamo scoperto che l’obiettivo era la Place Vendôme, dove si trova il palazzo di giustizia.

Erano le 23.30. Tanti Veilleurs erano già andati a casa ed eravamo rimasti in duecento. Dopo qualche centinaia di metri, siamo arrivati sugli Invalides, dove ha avuto luogo la maggior parte delle Veglie precedenti… li ci aspettavano i Gendarmes! Abbiamo visto correre verso di noi centinaie di militari super armati, con casco e scudo, e nel giro di qualche secondo eravamo accerchiati da un muro. Una scena surreale, se si pensa alla tranquillità del gruppo che avevano di fronte!

I leader del gruppo hanno chiesto di poter andare al ministero, ma davanti al rifiuto, ci hanno immediatamente detto di sederci e che la veglia sarebbe andata avanti lì, sul marciapiede. Abbiamo ripreso letture e canti. Le guardie davanti a noi sono rimaste tutto il tempo in piedi, ma hanno presto ridotto il numero, e varie compagnie di Gendarmes hanno iniziato ad alternarsi ogni venti minuti davanti a noi.

Regolarmente, i leader ricordavano che ognuno poteva andarsene quando voleva, pensando in particolare ai suoi impegni del giorno dopo, e consultavano il gruppo per sapere se proseguire o meno. C’era poca gente in giro a quell’ora, ma chi passava si fermava a chiedere chi fossero questi ragazzi seduti e sorvegliati dalla polizia. Qualcuno applaudiva e incoraggiava. Verso l’una e mezza, i CRS (la polizia anti sommosse) ha dato il cambio ai Gendarmes, che se ne sono andati. Questi, partendo, ci hanno salutato silenziosamente da ognuno dei numerosi camion che ci passavano davanti. Durante la lettura del testo sulla giovinezza di Mac Arthur, abbiamo visto un poliziotto recitarlo a memoria insieme al lettore.

Io sono andata via verso le 2, ma un gruppo di una cinquantina è andato avanti fino alle 7 di questa mattina.

Non so cosa succederà nei prossimi tempi, come si evolverà. Sicuramente il governo spera che l’approvazione definitiva della legge stroncherà queste manifestazioni. Può darsi che abbia ragione. Oppure no.

Comunque non potrà togliere il fatto che si è alzato un popolo, per dire «io», testimoniando di una diversità di mentalità e di cultura ormai indecifrabile dall’intelligentsia al potere, ma disposto a tutto per non farsi omologare, per rimanere se stesso. Ieri, durante la Veglia, uno degli interventi diceva che il ’68 ha formato la cultura, la mentalità e la classe dirigente fino ad oggi. E domandava: chissà se la primavera 2013 formerà quelle degli anni a venire?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

27 Commenti

  1. Plico says:

    L’omosessualità è una deviazione mentale ti piaccia o no.

    Da quando le televisioni cercano di propinarci la cultura homosex in giro non si vedono che mezzi uomini.

    A dimostrazione di quanto sia negativa la vostra influenza sulla società.

    Se siete malati curatevi. Da che mondo è mondo i malati di mente non hanno la pretesa di essere normali.

  2. Giulio Dante Guerra says:

    Una domanda: dov’era tutta questa gente, quando la maggioranza degli elettori francesi, nel segreto dell’urna, ha portato alla presidenza Hollande? Possibile che noi cattolici dobbiamo svegliarci solo quando la “frittata” è stata fatta? Mi tornano a mente le elezioni italiane del 1972, quando l’elettorato italiano mandò in parlamento una maggioranza anti-divorzista. Purtroppo, però, la legge sul divorzio era stata approvata due anni prima. E la DC, prigioniera della retorica “antifascista” – e, di fatto, cripto-comunista – allora imperante, a cui lei stessa aveva permesso di invadere tutto il mondo della cultura e dello spettacolo, non ebbe il coraggio di proporre una nuova legge, magari, già che c’era, più a favore della famiglia di quella preesistente al divorzio, solo perché sarebbe stata approvata con i voti determinanti del MSI! Taccio, per non parlar male d’un morto appena seppellito, su come si comportò Andreotti di fronte alla legge sull’aborto.

  3. rocco says:

    Grazie per l’ottimo articolo.

  4. marzio says:

    ottimo articolo!

  5. giuseppeburgio says:

    caro quercia,
    ho più di 50 anni, una buona laurea, ovviamente una famiglia (beh, ne mancano dei pezzi) e un consistente vissuto.
    visito questo sito (fra gli altri) perchè attraverso i suoi articoli e i suoi commenti rappresenta efficacemente la penosa arretratezza socio culturale in cui sta sprofondando il paese – un medioevo di ritorno, del quale i movimenti cattolici italiani costituiscono il braccio armato.
    ritengo che andiate contrastati con ogni mezzo – chiaro che nel mio piccolo posso fare solo qualche intervento a gamba tesa, a volte sciocco, a volte offensivo.
    sì, offensivo, perchè a chi scrive “cure coatte per tutti i pervertiti” non si può rispondere con un sorriso, tantomeno con l’ironia – non la capirebbe.
    dentro di me so che prima o poi questa battaglia sarà vinta, prevarranno il buon senso, l’umanità, il rispetto. ma quel che va detto, va detto.

    P.S.: “cazzo, figa, tette, culo” non mi fa ridere.

    • Gmtubini says:

      Certo caro Giuseppe Burgio, che, dal momento che ti vanti d’avere “una buona laurea”, secondo me ti dovresti sforzare di scrivere i tuoi commenti in un italiano un po’ meno da cani.
      Non che io mi formalizzi, anzi, ma faresti meglio a fare lo sforzo di ricordarti qualche regola di grammatica, sennò chi ti legge pensa che il tuo “bel” titolo di studio tu l’abbia trovato in un fustino del detersivo o, peggio, che tu abbia frequentato lo stesso ateneo del “Trota”.

    • Sofia Sarti says:

      Scusa Burgio, ma non ho capito niente di quello che hai scritto

  6. giuseppeburgio says:

    non ci si crede – censurate le barzellette e non “meglio tanti Paesi mussulmani, dove (gli omosessuali) non li fanno soffrire così a lungo, ma li impiccano subito”.
    coscienza poca, eh?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download