Google+

Indonesia, islamici distruggono tre chiese per protestare contro «le provocazioni su Corano e Madonna di un cristiano»

febbraio 9, 2011 Shirley Hadisandjaja Mandelli

Un protestante, che distribuiva opuscoli provocatori sul Corano e la Madonna, è stato condannato a cinque anni di carcere. Musulmani a favore della condanna a morte hanno incendiato due chiese protestanti e preso a sassate una cattolica, dopo aver picchiato il parroco. La testimonianza di un’indonesiana

Migliaia di fedeli musulmani hanno attaccato tre chiese, un orfanotrofio e un centro sanitario cristiani stamattina alle 10 (ora locale) nella reggenza di Temanggung (Java Centrale). Le violenze si sono concluse solo grazie all’intervento della polizia. A scatenare l’ira degli islamici, la condanna a cinque anni – troppo poco per i manifestanti che ne chiedevano la morte – di Anthony Richmond Bawengan, un protestante colpevole di blasfemia

Dopo avere preso di mira il tribunale dove è stata emessa la sentenza,
la folla ha attaccato anzitutto la chiesa cattolica di san Pietro e Paolo nel boulevard Sudirman; il suo parroco, p. Sadana, un missionario della Sacra Famiglia, è stato picchiato mentre cercava di proteggere il tabernacolo e l’eucarestia dai profanatori.

La folla ha poi colpito una chiesa pentecostale.
Secondo il pastore Darmanto – un altro leader cristiano di Temanggung – l’obbiettivo principale era proprio la chiesa pentecostale, che è stata bruciata. Il gruppo ha anche distrutto un orfanotrofio cattolico e un centro sanitario delle Suore della Provvidenza.  Un’altra chiesa protestante, della Shekinah, è stata bruciata. Pubblichiamo il resoconto e la spiegazione di una donna indonesiana.

Temanggung è conosciuta come una città fresca e silenziosa. La freschezza è visibile anche nella vita sociale. La concordia e l’armonia tra le comunità religiose sono all’ordine del giorno.

Oggi, martedì 8 febbraio 2011, quella freschezza è stata lacerata dai disordini. I giornali del Paese hanno riportato che tre chiese sono state danneggiate da una massa di musulmani, cui la polizia ha impedito di entrare nell’aula a partecipare al processo di Anthony, accusato di blasfemia. La polizia era preoccupata che la massa facesse irruzione in aula.

A causa dell’insoddisfazione per la condanna inflitta al protestante Anthony Richmond Bawengan, cinque anni di carcere per blasfemia, si sono dati alla distruzione di luoghi di culto, secondo p. Aloysius Budi Purnomo, presidente della Commissione relazioni interreligiose della Chiesa cattolica.

La tradizionale armonia di Temanggung, racconta p. Budi, dura da generazioni e non era mai stata disturbata. Il caso per cui Anthony è stato condannato è iniziato circa un anno fa nel 2010, quando Anthony, di Jakarta, è venuto a Temanggung a visitare i suoi genitori e in quell’occasione è stato arrestato per la distribuzione di opuscoli e libri dal contenuto provocatorio, su come insultare la reglione cattolica o islamica.

«Tra i contenuti, anche delle provocazioni contro la Vergine Maria. Questa è la piena negazione della fede cattolica. In questo contesto, poi, ha anche citato il Corano», ha detto p. Budi.

Dopo il processo legale, l’Assemblea ha condannato Anthony a cinque anni di carcere.  Ma la gente non era soddisfatta e ha cominciato a distruggere, oltre al tribunale, anche altri luoghi nei dintorni, tra cui alcune chiese protestanti e cattoliche.

P. Budi era meravigliato per la distruzione di due chiese e per il danneggiamento della Chiesa cattolica dei Santi Pietro e Paolo. «In realtà» ha affermato p. Budi, «il cattolicesimo è stato danneggiato dalle azioni di Anthony, anche se la Chiesa cattolica non ha aderito alla sua condanna».

P. Sadana, 40 anni, parrocco della chiesa dei Santi Pietro e Paolo a Temanggung, è stato aggredito dai rivoltosi. Insediato da appena una settimana, ha preso il posto di Padre Wahyudi, che si è trasferito a Jakarta. La chiesa è la più grande di Temanggung, per un totale di circa mille fedeli.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

In questo momento storico, l’immagine che identifica maggiormente la californiana Tesla è quella della dea Shiva che, facendo roteare le otto braccia di cui è dotata, elargisce schiaffi a destra e a manca a tutti i brand concorrenti. Il costruttore americano, parallelamente all’unveiling della straordinaria supercar elettrica Roadster, accreditata di 10.000 Nm di coppia e […]

L'articolo Tesla Semi Truck: il camion elettrico è una belva proviene da RED Live.

L’alternativa alle note Lotus 3-Eleven, KTM X-Bow e Radical SR8 è italiana. E costa (almeno) 200.000 euro. Forte di una lunghissima esperienza nelle competizioni, la parmense Dallara Automobili, specializzata in telai e vetture da pista, ha presentato il primo modello targato della propria storia. Una vettura, non a caso denominata “Stradale”, nata quale barchetta estrema, […]

L'articolo Dallara Stradale: la prima volta proviene da RED Live.

Gestito da appassionati motociclisti, lo Spidi Store milanese di via Telemaco Signorini 12, mette a disposizione le ultime novità del marchio oltre a un servizio di tute su misura e di installazione di interfoni su caschi. Per festeggiare il suo primo anno di vita il negozio ha organizzato, in occasione di EICMA 2017, una serata all’insegna […]

L'articolo Spidi Store Milano spegne la prima candelina proviene da RED Live.

Tesla la tocca piano… presentando a sorpresa, in occasione dell’unveiling dell’atteso camion a batteria, l’erede dell’ormai storica Tesla Roadster. Una vettura che la Casa americana, con grande morigeratezza, non esita a definire “l’auto più veloce del Pianeta”. Una supercar elettrica che, ancora una volta, spiazza la concorrenza promettendo di ridefinire il concetto di performance a zero […]

L'articolo Tesla Roadster: zitti tutti proviene da RED Live.

Dopo la nuova generazione di Trafic SpaceClass, presentata lo scorso ottobre, Renault torna sull’argomento “business” con il lancio della nuova gamma Executive, studiata per rendere sempre più confortevole e ricca di tecnologia la vita a bordo di chi si sposta per lavoro. La Casa della Losanga dota quindi di contenuti premium tre vetture della sua scuderia, […]

L'articolo Gamma Executive, l’allestimento premium di Renault proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download