Google+

Dopo Imu e Tasi un’altra botta sulla casa. «Con la riforma del catasto rischiamo una patrimoniale»

novembre 13, 2014 Matteo Rigamonti

Intervista a Corrado Sforza Fogliani (Confedilizia): «Si pongono le basi per una tassa che colpirebbe il valore degli immobili anziché il reddito prodotto»

La riforma del catasto non è un tema da prendere alla leggera. Perché, come spiega a tempi.it Corrado Sforza Fogliani, presidente di Confedilizia, «c’è il rischio di una patrimoniale». È quello che succede quando si decide di tassare un bene per il suo valore e non più per il reddito che esso produce. Questo nonostante l’Italia sia già il paese che più tassa gli immobili: il 2,2 per cento, rispetto a una media Ocse dell’1,27 per cento, secondo Confedilizia.

Presidente, secondo il Corriere della Sera, con il nuovo catasto, in certi casi, le imposte di compravendita sulla casa potrebbero subire aumenti nell’ordine delle centinaia di euro e la Tasi persino raddoppiare. È proprio così?
Premesso che non è affatto chiaro come certi giornali possano fare tutti questi calcoli, il rischio di rincari significativi c’è eccome. È ciò che succedere quando si sposta il carico fiscale dal reddito prodotto da un certo bene al suo possesso. Il motivo per cui il prelievo potrebbe aumentare, oltretutto, è che da troppo tempo ormai le commissioni censuarie locali e quella centrale di Roma possono fare praticamente ciò che vogliono.

Cosa sono le commissioni censuarie?
Sono gli organismi dello Stato incaricati di rivedere gli estimi degli immobili; si tratta di un centinaio di realtà dislocate sul territorio, più quella centrale, composte da magistrati, professionisti ed esperti, nominati a loro volta dagli agenti del Fisco. Sono queste persone, infatti, a decidere il valore di un immobile.

In che senso dice che «possono fare ciò che vogliono»?
Nel senso che da sempre la burocrazia si preoccupa dei propri stipendi. È gente che, di fatto, lavora per lo Stato e il cui stipendio dipende dalla salute o meno delle casse dell’Erario. È lo stesso motivo per cui è raro imbattersi in un magistrato tributario che prenda una decisione favorevole al contribuente. Perché il suo stipendio dipende anche da quella decisione. Ci sarebbe da chiedersi quanto queste persone siano effettivamente indipendenti nello svolgere il loro esercizio.

I criteri sulla base dei quali si valuta il valore di un immobile, e quindi l’entità del prelievo fiscale, sono oggettivi?
Dovrebbero esserlo, così come pure dovrebbero essere previsti correttivi nell’ottica di una maggiore equità fiscale; misure, insomma, che aumentino i valori eccessivamente bassi e riducano quelli troppo alti. Ma ormai vanno di moda questi algoritmi che servono praticamente a calcolare tutto. E che di fatto spingono sempre verso l’alto l’importo del prelievo. Il primo paese che ha adottato l’algoritmo per calcolare il valore degli immobili è stata la Spagna.

Con quale risultato?
Che in certi casi il valore reale dell’immobile si discostava persino del 20 o addirittura del 30 per cento da quello reale. C’è stata una rivolta popolare contro i primi estimi, tanto che il governo ha dovuto abbassarli del 20-25 per cento.

Succederà anche in Italia?
In Italia è la prima volta che, in occasione della riforma del catasto, si vuole censire non più solo i redditi prodotti dagli immobili, ma anche il loro valore reale. Personalmente ho qualche dubbio al riguardo… e non solo per evidenti ragioni di equità fiscale, ma anche perché c’è il rischio di una patrimoniale.

Una patrimoniale?
Sì, è già successo, in parte, con l’Imu, che è calcolata sulla base di coefficienti di rendita, ricavati però dai valori degli immobili censiti. Questa volta, invece, si pongono le basi per un’imposta che colpirebbe apertamente il valore reale degli immobili anziché il reddito da questi prodotto.

È sbagliato?
Sì, perché un bene – come in questo caso un immobile – non può e non deve essere tassato per il solo possesso, anche se non produce reddito; così come non può essere tassato oltre il reddito che esso produce. Oltretutto, la patrimoniale è un scelta di politica fiscale straordinaria e non può essere introdotta stabilmente nell’ordinamento soltanto per fare cassa.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Nino scrive:

    La riforma del catasto è qualcosa che da decenni viene bloccata, quella si, da forti lobby. Con il risultato che appartamenti al centro di roma hanno un valore nominale molto più basso di appartamenti in estrema periferia.

    Poi si può entrare nel merito delle tasse che lo stato chiede sugli immobili, e della loro entità, però premesso che sulla prima casa orami non ce ne sono quasi più (a livello IRPEF, c’è la TASI però), se uno ha più abitazioni e le tiene a sua disposizione (senza utilizzarle o affittarle) fa una scelta, e non può pensare di non pagare niente solo perché lui sceglie di non far fruttare un suo bene.

    • Su Connottu scrive:

      Nino, che classe!
      Venga stabilita anche un’IRPEF minima di 1.000 € all’anno per tutti di disoccupati.
      Non possono mica pensare di non pagare niente solo perché scelgono di non produrre redditi.
      Nino al tuo confronto Padoa Schioppa era Robin Hood

      • Nino scrive:

        Se lei ha due case, in una ci vive, l’altra dovrebbe metterla a disposizione della comunità affittandola (tra l’altro è possibile pagare le tasse in maniera forfettaria sugli introiti da affitto). Se la tiene sfitta ed “a disposizione” si sta concedendo un lusso ( o sta affittando in nero) ed i lussi si pagano.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana