Google+

Dopo Imu e Tasi un’altra botta sulla casa. «Con la riforma del catasto rischiamo una patrimoniale»

novembre 13, 2014 Matteo Rigamonti

Intervista a Corrado Sforza Fogliani (Confedilizia): «Si pongono le basi per una tassa che colpirebbe il valore degli immobili anziché il reddito prodotto»

La riforma del catasto non è un tema da prendere alla leggera. Perché, come spiega a tempi.it Corrado Sforza Fogliani, presidente di Confedilizia, «c’è il rischio di una patrimoniale». È quello che succede quando si decide di tassare un bene per il suo valore e non più per il reddito che esso produce. Questo nonostante l’Italia sia già il paese che più tassa gli immobili: il 2,2 per cento, rispetto a una media Ocse dell’1,27 per cento, secondo Confedilizia.

Presidente, secondo il Corriere della Sera, con il nuovo catasto, in certi casi, le imposte di compravendita sulla casa potrebbero subire aumenti nell’ordine delle centinaia di euro e la Tasi persino raddoppiare. È proprio così?
Premesso che non è affatto chiaro come certi giornali possano fare tutti questi calcoli, il rischio di rincari significativi c’è eccome. È ciò che succedere quando si sposta il carico fiscale dal reddito prodotto da un certo bene al suo possesso. Il motivo per cui il prelievo potrebbe aumentare, oltretutto, è che da troppo tempo ormai le commissioni censuarie locali e quella centrale di Roma possono fare praticamente ciò che vogliono.

Cosa sono le commissioni censuarie?
Sono gli organismi dello Stato incaricati di rivedere gli estimi degli immobili; si tratta di un centinaio di realtà dislocate sul territorio, più quella centrale, composte da magistrati, professionisti ed esperti, nominati a loro volta dagli agenti del Fisco. Sono queste persone, infatti, a decidere il valore di un immobile.

In che senso dice che «possono fare ciò che vogliono»?
Nel senso che da sempre la burocrazia si preoccupa dei propri stipendi. È gente che, di fatto, lavora per lo Stato e il cui stipendio dipende dalla salute o meno delle casse dell’Erario. È lo stesso motivo per cui è raro imbattersi in un magistrato tributario che prenda una decisione favorevole al contribuente. Perché il suo stipendio dipende anche da quella decisione. Ci sarebbe da chiedersi quanto queste persone siano effettivamente indipendenti nello svolgere il loro esercizio.

I criteri sulla base dei quali si valuta il valore di un immobile, e quindi l’entità del prelievo fiscale, sono oggettivi?
Dovrebbero esserlo, così come pure dovrebbero essere previsti correttivi nell’ottica di una maggiore equità fiscale; misure, insomma, che aumentino i valori eccessivamente bassi e riducano quelli troppo alti. Ma ormai vanno di moda questi algoritmi che servono praticamente a calcolare tutto. E che di fatto spingono sempre verso l’alto l’importo del prelievo. Il primo paese che ha adottato l’algoritmo per calcolare il valore degli immobili è stata la Spagna.

Con quale risultato?
Che in certi casi il valore reale dell’immobile si discostava persino del 20 o addirittura del 30 per cento da quello reale. C’è stata una rivolta popolare contro i primi estimi, tanto che il governo ha dovuto abbassarli del 20-25 per cento.

Succederà anche in Italia?
In Italia è la prima volta che, in occasione della riforma del catasto, si vuole censire non più solo i redditi prodotti dagli immobili, ma anche il loro valore reale. Personalmente ho qualche dubbio al riguardo… e non solo per evidenti ragioni di equità fiscale, ma anche perché c’è il rischio di una patrimoniale.

Una patrimoniale?
Sì, è già successo, in parte, con l’Imu, che è calcolata sulla base di coefficienti di rendita, ricavati però dai valori degli immobili censiti. Questa volta, invece, si pongono le basi per un’imposta che colpirebbe apertamente il valore reale degli immobili anziché il reddito da questi prodotto.

È sbagliato?
Sì, perché un bene – come in questo caso un immobile – non può e non deve essere tassato per il solo possesso, anche se non produce reddito; così come non può essere tassato oltre il reddito che esso produce. Oltretutto, la patrimoniale è un scelta di politica fiscale straordinaria e non può essere introdotta stabilmente nell’ordinamento soltanto per fare cassa.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Nino scrive:

    La riforma del catasto è qualcosa che da decenni viene bloccata, quella si, da forti lobby. Con il risultato che appartamenti al centro di roma hanno un valore nominale molto più basso di appartamenti in estrema periferia.

    Poi si può entrare nel merito delle tasse che lo stato chiede sugli immobili, e della loro entità, però premesso che sulla prima casa orami non ce ne sono quasi più (a livello IRPEF, c’è la TASI però), se uno ha più abitazioni e le tiene a sua disposizione (senza utilizzarle o affittarle) fa una scelta, e non può pensare di non pagare niente solo perché lui sceglie di non far fruttare un suo bene.

    • Su Connottu scrive:

      Nino, che classe!
      Venga stabilita anche un’IRPEF minima di 1.000 € all’anno per tutti di disoccupati.
      Non possono mica pensare di non pagare niente solo perché scelgono di non produrre redditi.
      Nino al tuo confronto Padoa Schioppa era Robin Hood

      • Nino scrive:

        Se lei ha due case, in una ci vive, l’altra dovrebbe metterla a disposizione della comunità affittandola (tra l’altro è possibile pagare le tasse in maniera forfettaria sugli introiti da affitto). Se la tiene sfitta ed “a disposizione” si sta concedendo un lusso ( o sta affittando in nero) ed i lussi si pagano.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Si infiamma il segmento delle hatchback sportive. La Renault non resta a guardare e risponde alle rivali più agguerrite del momento, vale a dire Ford Focus RS e Volkswagen Golf R, con la nuova generazione della Mégane RS. Attesa al debutto in occasione dell’imminente Gran Premio di F1 di Montecarlo, la media ad alte prestazioni […]

L'articolo Renault Mégane RS 2017: debutta a Montecarlo proviene da RED Live.

Con la nuova Micra, Nissan ha voltato pagina. La più recente generazione dell’utilitaria giapponese, presentata nel 2016, è infatti cresciuta nelle dimensioni – è più lunga di 17 cm e larga di 7 cm rispetto al vecchio modello – si è ispirata esteticamente alle SUV Qashqai e X-Trail, ha beneficiato di una linea aggressiva e […]

L'articolo Nissan Micra, si amplia la gamma proviene da RED Live.

Come uno scultore affina le proprie opere, così MINI dedica una serie di aggiornamenti ai modelli in gamma, concentrati principalmente sull’ampliamento delle dotazioni, delle combinazioni di colori e dell’offerta di motori. Protagonista principale è la crossover Countryman, ma beneficiano di una ventata di novità anche la hatchback e la Clubman. Le vetture in configurazione 2017 […]

L'articolo MINI model year 2017: una ventata di novità proviene da RED Live.

Ti guarda attraverso il finestrino semi abbassato, sorridendo sornione. Stringe tra le mani il volante di una Classe E (serie W211) del 2007 e, con malcelato orgoglio, ti dice che lui, con quell’auto, ha percorso 500.000 km limitandosi alla manutenzione ordinaria. Poi, quando scatta il verde, saluta con la manina e ti lascia lì, impietrito. […]

L'articolo Long run Mercedes-Benz E220d proviene da RED Live.

Continua l’offensiva Skoda nel segmento delle SUV. Dopo la Kodiaq, ecco debuttare in veste definitiva la Karoq, erede della conosciuta Yeti. Quest’ultima, sul mercato dal 2009, esce definitivamente di scena, cedendo il passo a una moderna, ma esteticamente più convenzionale, crossover dalle dimensioni compatte. 32 cm più corta della Kodiaq La nuova Karoq, “gemella diversa” […]

L'articolo Skoda Karoq: profumo di Tiguan proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana