Google+

I cristiani discriminati in Europa perché «dove Dio nasce, il potere trema»

marzo 22, 2012 Carlo Candiani

Il commento del parlamentare europeo Mario Mauro al Rapporto Oidce, che ha illustrato le discriminazioni subite dai cristiani nel Vecchio Continente. «Battersi contro l’intolleranza religiosa significa chiedersi che cos’è l’uomo».

Cristiani discriminati in Europa? Un Rapporto, pubblicato dall’Osservatorio sull’intolleranza e discriminazione religiosa in Europa (Oidce), lancia un allarme: sono in aumento i segnali di marginalizzazione dell’esperienza cristiana sul territorio europeo. C’è da preoccuparsi? «È un processo di discriminazione che è frutto di una lettura distorta del profilo della laicità dello Stato, che è patrimonio della cultura cristiana, che separa nettamente politica e religione». Tempi.it ne parla con Mario Mauro, già vice presidente del Parlamento Europeo, attualmente presidente del gruppo dei Popolari italiani a Bruxelles, autore anche di un bel volume sulle persecuzioni anticristiane. «Questa errata lettura – prosegue Mauro -, comporta lo svuotamento della dimensione pubblica della religione e del senso religioso. Si concepisce la possibilità del rapporto con il trascendente solo all’interno della sfera privata. Questa concezione svuota di contenuto il significato stesso di Dio: un Dio che non ha nessun senso per la vita dell’uomo».

In che senso?
Il grande filosofo polacco Jozef Tischner dice: «Dio nasce, il potere trema!». L’uomo religioso nel rapporto con i totalitarismi, non mettendo la propria speranza nelle mani del potere, si erge sopra la storia e, rispetto al potere, è libero. San Paolo scriveva: «L’uomo spirituale giudica tutto e non è giudicato da nessuno».

Il rapporto Oidce mette in rilievo le discriminazioni subite dai cristiani nel Vecchio continente.
Basta pensare al fatto che a pochi chilometri dall’Italia, nei Balcani, il fenomeno dell’intolleranza religiosa è rilevantissimo. Prima ancora di ergerci a giudici sulla storia di paesi come Afghanistan e Arabia Saudita, dovremmo ricordarci che l’esclusione dei cristiani dalla vita politica e sociale è stata una caratteristica storicamente dominante nella nostra Europa.

Rimane un certo stupore che tutto questo accada nel nostro Continente.
Esiste una prospettiva storica di cui tenere conto: negli anni in cui feci il rappresentante dell’Osce contro le discriminazioni, fui colpito dal fatto che molti che si erano battuti nei paesi del Terzo Mondo, e che avevano riportato notizie di persecuzioni violente che riguardavano i cristiani, con fatica notavano la restrizione dei diritti e della libertà dei cristiani in Europa. Senza creare atmosfere da crociata, penso che questo Rapporto miri a sostenere le vittime dell’intolleranza e creare consapevolezza su un fenomeno da prendere molto sul serio. Vivere e testimoniare il proprio credo, nel rispetto della libertà e sensibilità altrui, è di beneficio per tutti, credenti e non. 

Parliamo della Chiesa cattolica. Perché quando essa si esprime pubblicamente in molti l’accusa d’ingerenza?
C’è un libro, a suo modo pregevole, scritto dall’ambasciatore Sergio Romano, che sostiene questa tesi alla cui radice c’è però un errore di prospettiva: il ritenere che la fede non abbia diritto ad una dimensione pubblica, se non intesa come libertà di culto. L’uomo, invece, è uno: è quello che prega ed è quello che bestemmia, quello che fa il bene e il male, è un uomo che, progressivamente, in questa nostra Europa, ha creato una società senza Dio, finendo per costruirne una contro l’uomo. Battersi contro l’intolleranza religiosa non significa limitarsi ad acconsentire che ognuno creda in quello che vuole, ma – più in profondità – vuol dire chiedersi che cos’è l’uomo. È questo che fa, da sempre, la Chiesa, anche quando si pronuncia su temi sensibili come aborto, eutanasia o quant’altro. Invita sempre tutti a riflettere sulla vera natura umana. Il nostro compito è portare nella società la visione più vera della laicità: la visione di un mondo dove l’uomo sia protagonista, con la consapevolezza che, al fondo, la storia è di Dio.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.