Google+

Hiv, Oms lancia l’allarme: «Constatiamo una esplosione dell’epidemia di Aids tra gli omosessuali»

luglio 16, 2014 Benedetta Frigerio

Per l’Organizzazione mondiale della sanità i rapporti omosessuali tra uomini incrementano di 19 volte il rischio di contrazione del virus

«Constatiamo una esplosione dell’epidemia di Aids tra gli omosessuali». Così l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) in un rapporto ha definito la situazione della diffusione dell’Hiv, consigliando alle persone che hanno rapporti omosessuali di assumere i farmaci antiretrovirali in via preventiva.

FARMACI PREVENTIVI. Secondo l’Oms, i rapporti omosessuali incrementano di 19 volte il rischio di contrazione del virus e «il tasso di infezioni per Hiv fra uomini che hanno rapporti sessuali con altri uomini rimane alto quasi ovunque». Inoltre, nel caso dei transessuali, la probabilità è di 50 volte maggiore. Con l’assunzione degli antiretrovirali, invece, si potrebbero «evitare un milione di nuovi contagi in dieci anni».

RISCHIO PROSTITUZIONE. Fra le persone più a rischio ci sono anche le “lavoratrici del sesso”, che hanno una probabilità di contrarre l’Hiv 14 volte superiore a quella delle altre donne, i detenuti e i tossici. Hirnschall, direttore del dipartimento Hiv dell’Oms, ha poi spiegato che fra chi si prostituisce ci sono anche gli uomini «che fanno sesso per lavoro e i loro clienti hanno mariti, mogli, partner. Alcuni fanno anche uso di droghe, alcuni hanno figli», per questo il pericolo è anche per «le loro famiglie e la comunità allargata». L’Oms ha sottolineato il boom di nuove infezioni nonostante il tasso di mortalità sia diminuito.

«MONDO CAPOVOLTO». Il rapporto è stato diffuso in vista della Conferenza Internazionale sull’Aids, in programma a Melbourne a partire dal 20 luglio. Sharon Slater, presidente dell’Osservatorio internazionale della famiglia, commentandolo ha voluto mettere in evidenza una “stranezza”: «Davvero viviamo in un mondo capovolto», dove coloro che «sanno quanto è terribile questa malattia comunque sponsorizzano la libertà sessuale». Mentre «chiunque abbia seguito solo un corso base di salute pubblica sa che il modo migliore per limitare la diffusione di una malattia è cercare di modificare i comportamenti che la diffondono».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

41 Commenti

  1. AndreaX scrive:

    Men who have sex with men (MSM) questo è l’espressione usata dal OMS, l’organizzazione mondaile della sanità. MSM possono essere maschi omosessauli (non solo “omosessuali”, perchè ci sono anche le donne lesbiche), anche maschi bisessuali e anche maschi eterosessuali. Anche quest’ultima categoria, già.

    • Piero scrive:

      Un po’ difficile per un “maschio eterosessuale” “to have sex with men”, non trovi?

    • Cisco scrive:

      @AndreaX
      Infatti l’articolo parla correttamente di “rapporti omosessuali”, che teoricamente possono anche avere degli eterosessuali, manda qui a trarre la conclusione che allora il problema principale non sia il gay cruising o la prostituzione trans ce ne passa. Anche perché un padre di famiglia può appunto essere anche omosessuale o – più realisticamente – bisex. D’altra parte la comunità gay milanese ha criticato la App del comune di Milano perché non segnalava i distributori automatici di condom… Certo, poi anche i luoghi per il cruising…

  2. Efrem scrive:

    Perché non “processano” l’HIV per omofobia…

  3. luca scrive:

    i commenti fb che si leggono qui sopra sono sconvolgenti…
    gente che sostiene che l’HIV sia una punizione e non una malattia!!!

    • lucillo scrive:

      No Luca. Sostengono che le due cose coincidono! Sono rimasti alle piaghe d’Egitto e al diluvio universale.
      Per loro Gesù non è venuto per tutti ma per i buoni che possono essere il nuovo popolo ebreo dei cristiani (ma solo loro! gli altri no), o si superstiti dell’arca… insomma: è venuto per loro.
      Sono al tempo stesso tristi, ridicoli e pericolosi per quanto sempre più residuali; per questo sono particolarmente cattivi, perché si rendono conto di essere una specie in via d’estinzione e sviluppano vari tipi di psicosi. E’ un mix distruttivo di frustrazioni personali e collettive a caccia del nemico… meglio se immaginario, così la mente malata lo può meglio conformare al proprio delirio.

      • Giancarlo Romei scrive:

        E pensare che io da questo soggetto che insulta a mitraglia mi aspettavo che rendesse conto delle sue opinioni sulla legge 40.
        Povero me che Tempi.

        • lucillo scrive:

          Credo converrai che c’è una bella differenza fra le argomentazioni del vescovo di Trieste e le pazze che si immaginano Dio che va in giro con un sacchetto pieno di virus ad infettare gli omosessuali.

          • Q.B. scrive:

            Lucillo=Giuseppe Burgio.
            La classe non è acqua :) .

            • giuseppe burgio scrive:

              Devo deluderti, Q.B., Lucillo non sono io. E ti chiedo per cortesia di non citarmi per nome e cognome quando non devi rispondere a MIEI interventi, grazie.

              • lucillo scrive:

                Confermo.
                E comunque grazie per avermi paragonato a lui, per me è solo un onore!

                • Q.B. scrive:

                  Lucillo=Giuseppe Burgio.
                  Ora è certificato :)

                  • giuseppe burgio scrive:

                    Buongiorno, invito cortesemente i moderatori – alla luce del fatto che mi presento con nome e cognome – a rimuovere i post nei quali tale “Q.B.” (sic) cita il mio nome per esteso a solo scopo denigratorio. Grazie.

                    • Q.B. scrive:

                      Invitiamo i cortesi moderatori a rimuovere anche gli insulti infamanti che rivolgi ai credenti “a solo scopo denigratorio”? Oppure cambi tono e ci limitiamo tutti a un confronto civile? Ce la fai?

                    • Q.B. scrive:

                      Tanto lo se che non ce la fai, è più forte di te, ma tutti ci speriamo ugualmente: siamo degli inguaribili ottimisti.

          • mike scrive:

            io non guarderei troppo in alto sul questo tema. si dice che l’HIV sia creato in laboratorio. che colpisce prevalentemente gli omosessuali è un fatto. se non ci fosse stato l’HIV gli omosessuali sarebbero molti di più e avrebbero ottenuto da tempo ed in più paesi le cose che hanno ottenuto in non pochi paesi del mondo. domanda (da brivido, certo): forse che qualcuno dell’aldiqua in fondo non vuole che gli omosessuali ottengano certe cose? forse cioè è tutta una farsa resa credibile da leggi ad hoc in mezza europa, che servono solo a rendere dura la vita dei cattolici. ma se gli omosessuali fossero stati di più avremmo da tempo certe leggi con i cattolici in difficoltà.magari dagli anni ’70. ma guarda caso da fine anni ’70 quel virus HIV è saltato fuori.

    • Nippur scrive:

      No dai, sono carini!
      Sono lì che si agitano perchè non sanno cosa inventarsi mentre il mondo va avanti (finalmente!) e loro sono legati alle loro credenze, che però vogliono imporre agli altri.
      Strappatevi le vesti e fatemi divertire con i vostri commenti XD

      • Francesco da Spino scrive:

        La vera barzelletta è sostenere e pretendere di imporre agli altri , che il mondo vada avanti / progredisca prendendolo allegramente nel lato B. Parafrasando un bel manifesto rosso letto recentemente a Crema : “Fatevene una ragione”!

        • luca scrive:

          francesco ma il lato b lo usate anche voi, mica abbiamo il monopolio… il punto e che a me del tuo lato b e di quello della tua signora non frega molto. ognuno ci faccia ciò che gli è più gradito.
          il progresso sta proprio qui, non usare il lato b, ma riconoscere che usarlo o no non sono ne affari tuoi ne delle istituzioni e non puoi valutare più o meno una relazione dipendentemente da quale lato decida di usare

          • Q.B. scrive:

            Si ma a quanto pare se lo usi in modo inappropriato le conseguenze ci sono (e non ci voleva l’OMS per saperlo). Anche un homer simpson qualsiasi alla fine ne trarrebbe delle conclusioni, ma voi insistete che è bellissimo, è la cosa più naturale del mondo, che è normale è fobico è con non condivide.
            Ve lo ho detto già altre volte: questa follia ha iniziato il declino e sarà archiviata, purtroppo per tutti sostituita da qualche altra iniziativa bislacca del grande manipolatore.
            Danielucarlomasi inizia un profondo esame di coscienza e recupera la tua vita che la stai buttando via.

        • Nippur scrive:

          a me il lato b di mia moglie piace molto :)
          Se a te non piace, è disdicevole o moralmente riprovevole, vabbè fatti tuoi.

  4. bardo scrive:

    Michela Lodovisi e Silvia Toniolo e anche Q.B. avete ragione. Come diceva Massimo Troisi (anche se è immorale citare un volgare guitto che facendo ridere puzza di zolfo, e facevano bene nel medioevo a bruciarli), il declino della civiltà occidentale cattolica romana è iniziato coi “capelloni” e un pò col “grammofono”.

    • Q.B. scrive:

      Di la verità: hai 11 anni e stai usando il pc del tuo papà di nascosto …

      • Bardo scrive:

        Cribbio, mi hai beccato. Lo rimetto subito a posto.

      • bardo scrive:

        Q.B. che dire…hai problemi ad aderire alla realtà. I bambini di 11 anni, oggi, hanno il loro pc, lo usano meglio del babbo e hanno una vita sessuale serena. Ma perchè ce l’hai pure con loro?

        • Q.B. scrive:

          I bambini di 11 anni hanno una vita sessuale serena ?!? Allora sei danilucarlomasi in uno dei suoi innumerevoli travestimenti (cit.nick carter).

  5. Bifocale scrive:

    Nonostante i vari interventi censori della moderazione: chissà come gode la Frigerio, e tutto il suo fan club di omofobi, a questa notizia.

    • giovanni scrive:

      Conosco alcuni di quelli che tu chiami omofobi, che passano alcune ore alla settimana assistendo i malati terminali di aids

      • Bifocale scrive:

        Giovanni, io non chiamo omofobo che assiste i malati di aids (l’aids colpisce chi fa sesso non usando il profilattico, l’orientamento sessuale non c’engra niente), io chiamo omofobo che pubblica incessantemente articoli monotematici che ritraggono le persone omosessuali sempre solo ed esclusivamente in modo altamente negativo, cercando di mantenere ben vivi vecchi pregiudizi e diffidenze.

        • Bifocale scrive:

          Un paio di errori causati dalla velocità di battitura: “c’engra” = “c’entra” e “che pubblica” = “chi pubblica”. Pardon.

  6. Alberto scrive:

    Il problema é che il mondo rifiuta Dio, e poiche Dio è un galantuomo, si fa da parte, non interviene. Per questo il male -in ogni sua forma – avanza nel mondo. Satana, che odia Dio, avanza con le malattie, le sciagure, i terremoti, le guerre, l’odio, l’invidia. L’unica via di salvezza per l’uomo è il desiderio di Dio, nella persona di suo figlio Gesù Cristo.

  7. Giovanni Cattivo scrive:

    Che il sesso anale esponga maggiormente al rischio di mts è noto da sempre. Chi lo pratica deve saperlo e stare attento. Questo è il dato epidemiologico. Ma l’articolo non si occupa di epidemiologia, ma di morale (come prova la citazione finale). Il problema è che suggerisce un rapporto diretto tra comportamento secondo il Catechismo e difesa della propria salute, Cosa che non è visto che due lesbiche e due gay che non praticano sesso anale sono tanto omosessuali come gli altri, ma molto meno a rischio. Viceversa l’eterosessuale che predilige il lato b delle signore è più a rischio degli altri.
    Il dato invece che manca completamente è che l’AIDS, pur rimanendo comunque un grossissimo guaio, non è più una malattia mortale. NB credo che questa cosa abbia portato ad una riduzione dell’attenzione mediatica al fenomeno e quindi ad una certa ripresa del contagio, ma in un articolo corretto e non a tesi (se sei lussurioso Dio ti castiga) andrebbe detto.
    Comunque ragionando come ragionate voi il gruppo meno a rischio di mts del mondo e la comunità dei monaci anacoreti delle Meteore (dove non sono ammessi neppure animali di sesso femminile). Se uno vuol star tranquillo faccia domanda.

    • Toni scrive:

      Tu che sei (mi pare) addentrato del settore, perché una grossa fetta di persone sotto terapia retro virale l’interrompono (in spagna ho letto 30 o 50%)? Perché hanno un comportamento così irrazionale?

      Perché aumenta il contagio … la persuasione pro-condom trova difficoltà nel mondo civile?

      • Giovanni Cattivo scrive:

        Con l’Aids succede quello che suiccede con tutte le malattie croniche tipo diabete, uno segue la dieta e la terapia poi si stufa e fino a che non sta di nuovo male si abboffa di dolci. Se bastasse che un comportamento sia riconosciuto sicuramente dannoso perchè la gente lo eviti nessuno fumerebbe, no?
        E comunque se ci sono difficoltà a convicere la gente a usare il condom figurati per convincerla ad astenersi.

        • Toni scrive:

          Forse c’è una differenza con il diabete: se una persona interrompe un terapia per l’aids, muore lui, contagia, ed offre la possibilità al virus di fare un salto evolutivo. Con il diabete, ti nuoci tu ( e basta) . L’atteggiamento sembra uguale ma produce effetti diversi. Non è che per caso si sta verificando che , a forza di laisse-faire, si è diventati troppo autoindulgenti al punto di essere passivi in questioni che riguardano la vita e la morte per se stessi (e pure per gli altri)?

          • Giovanni Cattivo scrive:

            Sugli effetti diversi hai ragione, purtroppo l’Aids è , credo, l’unica malattia cronica infettiva.
            L’abbandono delle terapie credo sia un fenomeno osservato da tempo, ma non saprei dire da quanto.A me sembr un motivo per usare tutte le possibilità che abbiamo: antiretrovirali di prevenzione, condom e anche riduzione del numero dei partner nei casi come i frequentatori delle saune gay dove hai molti rapporti con persone diverse in una sera o dei camionisti africani che rimorchiano una tipa diversa (generalmente una prostituta) tutte le sere. E’ un discorso prettamente epidemiologico il mio, uno poi se vuole può, per seguire la sua morale, stare con una tutta la vita (se si innamora di una sieropositiva corre il rischio più alto di tutti) o andare con venti partner insieme (se sono tutti sieronegativi il rischio è zero)

            • Bifocale scrive:

              L’Aids non è affatto l’unica malattia cronica infettiva, ad esempio anche le varie forme di epatite lo sono.

              Non ho capito poi perchè i “camonisti” dell’esempio risultano essere “africani”. Perchè i bravi camionisti italiani a prostitute non vanno? Su questo sito i razzismi (multiforme) abbondano.

              • Giovanni Cattivo scrive:

                Si hai ragione all’epatite c non avevo pensato. Sui camionisti africani ho citato loro perchè sono stati storicamente uno dei grandi veicoli di diffusine del virus. Non c’era nessun giudizio morale e tantomeno razziale.

  8. Paolo scrive:

    Ahhh bhe certo sì il commento finale della sig.ra slater è illuminante nonchè chiude l’argomento….sìsìsìsìì certo come no.

    Domanda ma non è stancante fare della pseudo informazione ideologica? Così tanto per sapere.

  9. giuseppe burgio scrive:

    anch’io, e siamo esseri immaginari tutti e tre.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana