Google+

Harvard: sul preservativo e l’Aids aveva ragione il Papa

febbraio 14, 2011 Leone Grotti

Per combattere l’Aids serve l’educazione, non il preservativo. La fedeltà sessuale fa abbassare del 13% in 10 anni i casi di infezione nello Zimbabwe. La “scandalosa” affermazione non proviene da Benedetto XVI, che fu accusato di oscurantismo per averlo detto nel 2009, ma da Daniel Halperin, docente alla Harvard University e studioso di sanità pubblica

Il preservativo non è la soluzione giusta per combattere la piaga dell’Aids in Africa. C’è un modo migliore: l’educazione. Questa volta, però, non è Benedetto XVI a dirlo ma l’università di Harvard, dati alla mano.



Aveva ragione il Papa, dunque, quando nel 2009 su un aereo diretto in Camerun si era permesso di affermare: «Non si può superare [il problema dell’Aids] con la distribuzione dei preservativi che, anzi, aumentano i problemi», c’è bisogno piuttosto di un «rinnovo spirituale e umano» nella sessualità. Parole che erano state seppellite dagli insulti e dalle accuse di tutti i grandi quotidiani del mondo.



Adesso la stessa cosa viene affermata dallo studioso di sanità pubblica Daniel Halperin, docente alla Harvard University, che in uno studio recentissimo ha preso in esame il caso dello Zimbabwe. I ricercatori hanno riscontrato che «una riduzione dei partner sessuali conduce a una decrescita delle nuove infezioni da Aids». Nel paese africano, la prevalenza del virus è caduta del 13% dal 1997 al 2007: «Non si tratta di una curva naturale – ha spiegato Halperin -. Il calo è stato troppo forte. Questo suggerisce che ciò è dovuto a cambiamenti di comportamento».



Secondo il ricercatore la storia di successo dello Zimbabwe, come riporta missiononline, avvicina il Paese di Mugabe alla vicenda dell’Uganda, la prima a promuovere una riduzione dei partner sessuali per sconfiggere l’Aids, come avvenuto negli anni Novanta a Kampala e dintorni. I numeri lo dimostrano: il crollo dell’incidenza dei sieropositivi (-13% in 10 anni) viene dimostrato nella provincia di Manicaland dove dal 1998 al 2003 sono diminuiti del 40% gli uomini che hanno ammesso di avere partner sessuali multipli: lo stesso periodo in cui – segnala Halperin – è diminuita l’incidenza del virus. Ai grandi quotidiani non resta che scagliarsi contro Harvard.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

7 Commenti

  1. Kash scrive:

    Harvard ha IPOTIZZATO che il calo di contagi sia dovuto maggiormente alla maggiore fedeltà, ed in secondo luogo all’utilizzo del profilattico. Come mai il vostro articolo riporta un titolo così fuorviante?

    La fedeltà coniugale può essere applicata ad i casi di giovanissimi?

La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

Due e quattro ruote ma non solo: ecco qualche spunto per il fine settimana. Se non sapete cosa fare date un'occhiata, se sapete già cosa fare potremmo farvi cambiare idea...

Saranno la punta di diamante della collezione Mtb e, grazie alla tecnologia XFrame, promettono di eliminare qualsiasi punto di pressione. Arriveranno in autunno, al prezzo di 369,99 euro.

Dopo il successo della berlina Model 3 arriveranno, già nel 2017, un SUV e un pick-up a batteria, oltre ai camion a zero emissioni. La ricarica solare favorirà l’autonomia. Intanto, però, la Casa americana ha fallito i primi obiettivi produttivi.

Il restyling della crossover nipponica porta in dote finiture più curate che in passato, una dotazione di serie completa, un motore 1.4 turbo benzina dall’erogazione corposa e un’abitabilità da riferimento. Il prezzo è la ciliegina sulla torta.

Dopo i costruttori tedeschi e americani, ora anche Nissan dedica un sistema di guida semiautonoma a una vettura di serie. Entro quattro anni debutterà la prima auto nipponica senza conducente.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana