Google+

Grillo e lo sfondo del desktop

febbraio 28, 2015 Emanuele Boffi

Ne è passata di acqua sotto i ponti da quando pendevamo dalle labbra del leader 2.0: moderno, vincente, futuristico

beppe-grillo-sh«Abbiamo conquistato Parma, la nostra Stalingrado, e adesso andiamo verso Berlino» erano le parole con cui il 21 maggio 2012 Beppe Grillo commentava il risultato dell’elezione di Federico Pizzarotti, primo sindaco pentastellato di un certo rilievo.

Descrivendolo in quella giornata, Fabrizio Roncone sul Corriere della Sera ci restituì l’immagine del leader 2.0: moderno, vincente, futuristico. Mentre gli altri capipartito piangevano in tv qualche secondo in più di collegamento, il web-guru, schifando i vecchi arnesi della comunicazione tradizionale, postava su Facebook, twittava su Twitter e faceva incetta di commenti e condivisioni.

Una slavina che partiva da un mouse. Nessuna sezione di partito, a casa sua (quella casa che comprò «seguendo il consiglio del mio amico Gino Paoli») c’erano solo Grillo, il suo monitor e la sua tastiera.

È passata acqua sotto i ponti e di Parma si parla per rogne calcistiche, di Gino Paoli per rogne fiscali. Di Grillo e della sua valanga di clic si discute perché Repubblica ha scritto che «il suo blog va male» e il Nostro s’è incazzato postando altri numeri, altri dati, altri hashtag.

Se sia vero il calo, poco importa. Fa più impressione pensare alla sbornia che ci siamo presi quando abbiamo creduto che tweet e post, clic e condivisioni potessero essere il modo più furbo per fare politica e non invece solo tweet e post, clic e condivisioni. E che bastasse cambiare lo sfondo del desktop per cambiare il panorama che stava fuori dalla finestra.

Foto Beppe Grillo da Shutterstock

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. maurizio says:

    Grillo? era meglio da comico..almeno faceva divertire…come imbonitore politico fa solo piangere!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.