Google+

Grillo chiede l’incarico di governo a Napolitano (speriamo che non guidi l’Italia come guida la sua auto)

marzo 21, 2013 Redazione

Lasciando il Quirinale, il leader del M5S ha ribadito che non accorderà la fiducia a nessuno. L’auto su cui viaggiava è fuggita dai cronisti passando col rosso, sulla corsia d’emergenza e facendo inversione a U

Beppe Grillo ha lasciato il Quirinale dopo le consultazioni con il presidente Giorgio Napolitano. Assediato dai giornalisti, il leader del M5S non ha rilasciato dichiarazioni. Dicono le agenzie che l’auto su cui viaggiava – per sfuggire a cronisti e fotografi – è passata 3-4 volte col rosso, ha preso la corsia preferenziale di corso Rinascimento e ha effettuato un paio di inversioni a U dove non era consentito.
Grillo, però, si è espresso sul suo blog, ribadendo che «Il M5S non accorderà alcuna fiducia a governi politici o pseudo tecnici con l’ausilio delle ormai familiari “foglie di fico”‘ come Grasso – il neopresidente Pd del Senato, ndr -. Il M5S voterà invece ogni proposta di legge se parte del suo programma».

Intanto, la capogruppo alla Camera del Movimento 5 Stelle, Roberta Lombardi, ha esposto le richieste del partito dopo il colloquio con il presidente della Repubblica al Quirinale: «Il Movimento 5 Stelle è primo per numero di voti per questo chiediamo ufficialmente un incarico di governo». Se la proposta non verrà accolta il partito chiede la presidenza delle commissioni di garanzia: Copasir e Vigilanza Rai.

Il M5S ha ribadito i “20 punti per uscire dal buio”, che Grillo aveva presentato il 7 febbraio scorso in un post sul suo blog. Il capogruppo al Senato, Vito Crimi, nella sua dichiarazione al Quirinale dopo le consultazioni, li ha ricordati: «Reddito di cittadinanza; misure immediate per il rilancio della piccola e media impresa; legge anticorruzione; informatizzazione e semplificazione dello Stato; abolizione dei contributi pubblici ai partiti; istituzione di un ‘politometro’ per verificare arricchimenti illeciti dei politici negli ultimi 20 anni; referendum propositivo e senza quorum; referendum sulla permanenza nell’euro; obbligo di discussione di ogni legge di iniziativa popolare in Parlamento con voto palese; una sola rete televisiva pubblica, senza pubblicita’, indipendente dai partiti; elezione diretta dei parlamentari alla Camera e al Senato; massimo di due mandati elettivi; legge sul conflitto di interessi; ripristino dei fondi tagliati alla sanita’ e alla scuola pubblica; abolizione dei finanziamenti diretti e indiretti ai giornali; accesso gratuito alla Rete per cittadinanza; abolizione dell’IMU sulla prima casa; non pignorabilita’ della prima casa; eliminazione delle province; abolizione di Equitalia».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

5 Commenti

  1. andrea says:

    <>

    ho capito che Grillo vi sta sugli zebedei, ma come chiaramente si vede dalla foto Grillo non stava guidando!

    • giovanna says:

      Scusa, Andrea, un commento più stupido non potevi farlo, anche un duenne avrebbe fatto fatica..
      possibile che gli elettori dei telecomandati di Grillo ,e anche i telecomandati stessi, ogni dove intervengano, mi sembrano una massa di idioti? Io cerco con tutte le mie forze di non avere pregiudizi, spero addirittura di essere smentite da qualche lampo, soprattutto lo spero per il futuro dei figli, ma niente di niente, insignificanza totale, almeno per ora.

      • andrea says:

        Continua a sforzarti a non aver pregiudizi, prima o poi ci riuscirai.

        • giovanna says:

          Però una frase intelligente o almeno originale o almeno non offensiva o almeno democratica, da qualunque grillino, almeno una,nella marea di sciocchezze che sentiamo da settimane ovunque, dico che aiuterebbe a far intravedere un barlume di speranza che ci sia qualcuno con cervello e cuore con Grillo.

  2. paolo says:

    Andrea non centra dove ci sta Grillo, dici che non stava guidando , bene ma era sull’auto?non poteva intervenire sull’autista?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download