Google+

Giannino: Tre chiarimenti importanti su Renzi, agenda Monti e Udc

settembre 13, 2012 Oscar Giannino

Io e altri con me non abbiamo messo in pubblico la nostra faccia per diventare indipendenti nel partito di Casini. Se Marcegaglia, Passera e altri ritengono di sì, questo riguarda loro. Non noi

Negli ultimi giorni, tre eventi hanno catalizzato l’attenzione politica dei media.

Cominciamo dal confronto interno al Pd. Matteo Renzi sale nei sondaggi di fiducia e popolarità; molti chiedono a noi di www.fermareildeclino.it come consideriamo la sua ascesa. È presto detto. Apprezziamo l’energia e chiarezza con cui pone nel Pd il tema del profondo rinnovamento della politica e della selezione delle sue classi dirigenti. Non sappiamo come la pensa su alcuni dei punti fondamentali per noi essenziali, indicati nel nostro programma e per noi irrinunciabili. Non possiamo né vogliamo esprimere alcun consenso alla sua azione, se e finché dichiarerà che in ogni caso il suo obiettivo resta all’interno dell’attuale perimetro del Pd. Restare nel recinto delle vecchie forze politiche per noi è segno di non comprendere che il problema è proprio quello di superarle, alla luce del pessimo bilancio del ventennio che abbiamo alle spalle.

Seconda questione è quella della cosiddetta agenda Monti, o meglio la conferma tout court di Monti come premier per il futuro, a prescindere dalle prossime elezioni. A mio giudizio, un’impostazione inaccettabile.

Tre questioni molto rilevanti obbligano però a ragionare diversamente sul futuro politico dell’Italia dopo le prossime elezioni. La prima è che dare l’impressione agli italiani che il loro voto ha un’importanza pressoché nulla – perché si tratta di confermare la stessa premiership tecnica che per altro rifiuta di sottoporsi a giudizio elettorale – non può che rappresentare un ulteriore incoraggiamento al voto di protesta. La seconda è che non comprendo in che cosa la più volte citata agenda Monti si differenzi dall’impostazione di politica economica seguita in precedenza: agli occhi degli italiani, l’esecutivo tecnico ha significato più tasse, nessuna cessione di attivo pubblico per abbattere il debito, nessun taglio di spesa che sia stato retrocesso ai contribuenti per far risalire la crescita potenziale. Solo un nuovo patto con gli italiani, che goda del consenso esplicito degli elettori su proposte precise, può produrre il sostegno necessario a invertire la politica economica imboccando la via di una profonda ridefinizione dello Stato. La terza questione riguarda il dibattito sotteso dal “partito-Monti”. La conferma sarebbe dovuta alla perdita di sovranità implicita dell’Italia, alle clausole per gli aiuti europei sottesi allo stesso programma straordinario di ripresa di acquisti dei titoli eurodeboli varato dalla Bce. In altre parole, il governo italiano si decide a Berlino e a Bruxelles prima e più che nelle urne italiane.

Infine, il terzo evento: il convegno di Chianciano dell’Udc. L’intervento di Emma Marcegaglia ha fatto scrivere che la Lista Italia di Pier Ferdinando Casini sarebbe già la nuova offerta politica per le prossime lezioni.

Non la penso così. A mio giudizio sono dirimenti quattro questioni. 1) Un forte rinnovamento della politica, impegni espliciti nei meccanismi di selezione della classe dirigente, vincoli per i quali non si possa dire una cosa a Roma e una a Palermo; 2) Un energico mutamento nella politica economica, con proposte serie per abbattere il debito statale, con cessioni pubbliche e retrocedere tagli di spesa in meno imposte a lavoro e impresa, vincolanti insieme alle 10 proposte programmatiche che abbiamo presentato; 3) Ridefinire lo Stato, il suo perimetro e le sue mille articolazioni inefficienti rispetto alla centralità della libertà della persona e della sussidiarietà; 4) Cambiare le persone: senza evidenti discontinuità nel ceto politico, non si dà una risposta credibile alla protesta di massa della società italiana.

Su questi punti, l’Udc a Chianciano non ha dato risposte. Continuiamo dunque per la nostra strada. Non c’è molto tempo. Se i partiti credono di affrontare il declino dell’Italia con modesti aggiustamenti, saranno gli elettori a svegliarli. Personalmente, io e altri con me non abbiamo messo in pubblico la nostra faccia per proporre e tanto meno diventare degli indipendenti sotto il simbolo dello scudocrociato. Se Marcegaglia, Passera e altri ritengono di sì, questo riguarda loro. Non noi.

Naturalmente, non è affatto detto che da soli avremo, in poche settimane e con pochi mezzi frutto di raccolta spontanea, la forza di convincere gli italiani che il cambiamento profondo di cui siamo convinti cammina sulle nostre gambe. Anche perché servono le gambe di molti altri. Gambe credibili: come quelle degli amici di Rete Italia del Veneto che come eletti e presenti in un quarto dei Comuni della regione ci stanno raggiungendo in queste settimane, stanchi e delusi di un Pdl che non li rappresenta e in cui non si riconoscono più. Cosa che per me è di grande importanza e incoraggiamento. Con l’unica faccia che mi ritrovo, posso certo sbagliare e in quel caso lo ammetterò pubblicamente, ma non posso certo permettermi di deviare dalla chiarezza dei princìpi e delle proposte avanzate.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Commenti Facebook

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

Tuta in pelle per tutti gli appassionati e praticanti di guida sportiva o di attività legate all’ambito racing

La crossover franco-cinese frutto della joint-venture tra Citroën e Dongfeng Motor Group è caratterizzata dalle 2WD all’avantreno e dal sistema di trazione evoluto Grip Control. Mossa da un 1.6 turbo a iniezione diretta di benzina da 160 cv, arriverà mai in Europa?

Un jeans dal look classico e femminile, ideale per andare in moto, ma adatto anche da indossare una volta scese di sella

Speciale Nuovo San Gerardo