Google+

«Giaccherini non doveva entrare in campo. Ora ci serve una goleada con l’Irlanda»

giugno 15, 2012 Daniele Guarneri

Luciano Moggi dà i voti agli Azzuri dopo lo scialbo pareggio con la Croazia: «Giaccherini non doveva neanche giocare, De Rossi doveva stare a centrocampo, Ogbonna in difesa. Ottimi Pirlo e Marchisio».

Uno pari. Le speranze azzurre di portare a case tre punti contro una modesta Croazia si sono spente al 27esimo del secondo tempo. Passati in vantaggio con una magia di Pirlo su punizione e dopo avere sprecato delle ottime occasioni davanti alla porta con Balotelli e Marchisio, i croati di Bilic hanno raggiunto il pareggio. Errore difensivo, l’unico, di Chiellini che non legge bene la traiettoria di un cross, si fa scavalcare e a quel punto per Mandzukic è un gioco da ragazzi infilare Buffon. E ora si fa dura. Luciano Moggi è molto critico a tempi.it, soprattutto con Prandelli: «Ha sbagliato formazione. E ha sbagliato pure i cambi. Se la squadra non mette paura all’avversario questa prende coraggio e prima o poi ti infilza».

Perché la formazione era sbagliata?
Innanzitutto perché De Rossi non è un difensore: è un ottimo centrocampista. Cosa ha portato a fare Ogbonna? Se Barzagli è infortunato deve fare giocare il centrale del Torino e avanzare De Rossi a centrocampo. I ruoli non sono giusti. E poi Balotelli lo farei giocare sempre e oggi non era proprio da sostituire. Era meglio togliere Cassano.

Prandelli ha sostituito Thago Motta con Montolivo. Non era meglio togliere Giaccherini?
Giaccherini non era da togliere: non era proprio da mettere in campo.

Chi avrebbe messo al suo posto?
Chiunque.

Che formazione avrebbe messo in campo?
Avrei giocato con un 3-4-3. Ogbonna in difesa e De Rossi a centrocampo. Fuori Giaccherini. Cassano dietro le due punte Balotelli e Di Natale. Poi durante la partita se serve fare rifiatare qualcuno metterei dentro Nocerino e Giovinco.

Chi le è piaciuto di più?
Pirlo per la qualità, Marchisio per la quantità.

E il peggiore?
Tanti, troppi: non vincere con questa Croazia è un delitto.

E adesso si mette davvero male per il passaggio del turno.
Sì. Sarà dura, ma qualche speranza ci rimane. Intanto dobbiamo vincere per forza contro il Trap. Poi se Spagna e Croazia pareggiano al prossimo turno saremo tutti a 5 punti. A quel punto conterà la differenza reti. Quindi vincere contro l’Irlanda non servirà a nulla se non lo faremo con parecchi gol di scarto. Ad oggi, in quanto a gol realizzati e subiti siamo a zero (due fatti e due subiti), la Croazia è a +2 (4 fatti contro i 2 subiti) mentre la Spagna è a +4 (5 fatti e 1 subito). Questo vuol dire che o si vince con una goleada o siamo fuori.

È uscito ieri in libreria “Calciopoli, la vera storia”, scritto da Giuseppe Narducci, pm al processo napoletano di primo grado, con una prefazione avvelenata di Marco Travaglio.
Non facciamogli pubblicità. Sono convinto che non lo comprerà nessuno. Lo spero. Valgono più le motivazioni della sentenza di quello che scrive Narducci nel suo libro.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download