Google+

Erdogan getta la maschera. «Sogna l’impero ottomano “contro i crociati”»

aprile 19, 2017 Francesca Parodi

L’esito del referendum ha determinato una «profonda lacerazione all’interno della Nato». Intervista al giornalista Gian Micalessin

Con la vittoria del presidente turco Recep Tayyp Erdogan al referendum costituzionale, «la Nato si trova davanti a un fatto paradossale», commenta a tempi.it l’inviato di guerra Gian Micalessin, riprendendo il suo articolo uscito ieri su Il Giornale. «L’Alleanza Atlantica ha attaccato il serbo Milosevic, bombardato la Libia di Gheddafi e combattuto in Afganistan per sedici anni, il tutto in difesa della democrazia. Ora però si trova ad avere come alleato con un dittatore che, dopo aver arrestato negli ultimi mesi decine di migliaia di presunti oppositori, ha annullato le basi della democrazia, prima fra tutte la divisione dei poteri».
Domenica 16 aprile la Turchia è stata a chiamare alle urne per votare sulla modifica della costituzione ed Erdogan è riuscito a strappare la vittoria del sì con il 51,4 per cento dei voti. La conseguenza è che il paese si trasformerà in una repubblica presidenziale: tra le varie modifiche previste, il presidente della repubblica sarà contemporaneamente capo dello Stato e del governo (con l’abolizione della carica del primo ministro), potrà indire lo stato d’emergenza e sciogliere il parlamento, avrà potere di nomina dei ministri e di parte dei membri dell’organo che disciplina giudici e magistrati.

CONTRO I “CROCIATI”. «Erdogan ha commentato la vittoria del sì sostenendo di aver avuto la meglio sui “crociati”. Si riferiva a Germania, Danimarca e Olanda, da lui accusate di “nazismo” perché gli avevano proibito di organizzare comizi per la campagna referendaria tra le comunità di immigrati turchi. In realtà, il rifiuto di questi tre paesi di accogliere i ministri turchi era dovuto al fatto che, poco tempo prima, i servizi segreti tedeschi avevano scoperto che l’intelligence turca sta utilizzando le moschee per identificare presunti nemici e oppositori del regime di Erdogan». Tutto questo, secondo Micalessin, ha determinato una «profonda lacerazione all’interno della Nato che sarà molto difficile da risanare». Il rischio è che si riaccendano vecchi conflitti, come quello intorno all’isola di Cipro, membro dell’Alleanza e contesa tra Turchia e Grecia.

NATO E RUSSIA. «La Nato finge di non vedere tutte queste incongruenze perché il capofila dell’Alleanza, cioè gli Stati Uniti, ritene che la Turchia abbia un’importanza strategica nello scontro con la Russia e l’Iran. Ma sulla questione siriana Erdogan ha già minacciato di rivedere le proprie alleanze. Bisogna ricordare che nel 2015 la Turchia ha abbattuto un aereo russo, ma nell’estate del 2016 ha stretto un’intesa con i russi, in base alla quale dava il via libera a Putin per la liberazione di Aleppo in cambio del via libera per attaccare i curdi nel nord della Siria».

IMPERO OTTOMANO. Il problema di fondo, sostiene Micalessin, è che «da anni ci rifiutiamo di vedere il vero volto della Turchia: un paese fondamentale musulmano, composto da una parte della popolazione (quella che ha votato, cioè più della metà) che si riconosce perfettamente nella visione islamista-nazionalista di Erdogan. Il presidente ha vinto perché ha offerto ai turchi il sogno di far rinascere l’impero ottomano, quel neo-ottomanesimo a cui ha spesso fatto riferimento parlando dei “nemici crociati” e di un’Europa da sconfiggere a colpi di natalità».
La realtà, secondo Micalessin, è che «la costituzione di Ataturk era solo un tentativo di rivedere la natura della Turchia dandole una veste laica e democratica. Ma di fatto quella era solo una maschera, indossata da Erdogan per tredici anni, prima nel tentativo di entrare in Europa, e ora per realizzare il suo disegno strategico e politico».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Audi accelera sulla strada dell’elettrificazione della gamma. Dopo la presentazione della nuova A8, proposta al lancio nelle configurazioni V6 3.0 TFSI e TDI “mild hybrid”, vale a dire con impianto elettrico a 48 volt, ora anche le famiglie A4 e A5 beneficiano d’inedite motorizzazioni mHEV che portano in dote tutti i vantaggi fiscali e di […]

L'articolo Audi A4 e A5, è tempo di micro ibrido proviene da RED Live.

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download