Google+

L’eliminazione dei voucher è «una mossa sbagliatissima»

marzo 17, 2017 Francesca Parodi

«La Cgil si è accanita contro i buoni perché costituiscono un bersaglio facile. E non si occupa di temi più urgenti». Intervista a Massagli, presidente Adapt

voucher

La Commissione lavoro della Camera ha deciso di abrogare gli articoli 48, 49 e 50 del Jobs Act, eliminando i voucher, i buoni lavoro utilizzati per remunerare prestazioni lavorative occasionali. Se il governo tradurrà l’emendamento in decreto, si eviterà il referendum del 28 maggio, voluto dalla Cgil che chiedeva la cancellazione dei ticket e visto con preoccupazione dal Partito democratico. Emmanuele Massagli, presidente di Adapt, definisce questa decisione «puramente politica»: «È una mossa sbagliatissima, che non si pone in alcun modo un problema tecnico. È legata alla paura per il referendum e molto probabilmente si tratta di un tatticismo in vista delle primarie».

LAVORO NERO. I primi a patirne le conseguenze, secondo Massagli, «saranno i lavoratori che utilizzano i voucher perché ora si trovano senza l’unica forma regolare che consentiva loro di essere pagati per lavori saltuari. La legge può abrogare uno strumento, ma non la realtà. E dato che i lavori occasionali esistono, è un dato di fatto, ora la sola alternativa che rimane è il lavoro in nero. Per così poche ore lavorative e uno stipendio così esiguo, nessuno attiverebbe, per esempio, un lavoro part time, che costa di più solo per consulente del lavoro». I penalizzati sono soprattutto di giovani, «anche fino a 30-34 anni, perché i buoni lavoro sono largamente impiegati in settori che, per loro natura, offrono impieghi di breve durata, come il commercio, il turismo e la ristorazione. Tra gli utilizzatori dei voucher ci sono molte donne e anche stranieri impiegati soprattutto nelle attività stagionali dell’agricoltura».

I NUMERI. Bisogna poi ribadire un punto fondamentale della questione, già sottolineato in più sedi: «I buoni rappresentavano solo lo 0,3 per cento dell’ammontare delle ore lavorate in Italia. Se trasliamo il numero di voucher in numero di lavoratori a tempo pieno, ci rendiamo conto che stiamo parlando più o meno di 70 mila persone (su 22 milioni e mezzo di persone che lavorano in Italia). Invece che abrogarli, dovremmo ampliare l’utilizzo dei voucher, perché costituiscono uno strumento preziosissimo per combattere il lavoro in nero». Inizialmente, prima di deciderne l’eliminazione, si era parlato di restringerli limitandoli alle famiglie, ma «questa mossa sarebbe comunque equivalsa all’abrogazione della legge, perché i servizi alle famiglie non sono l’ambito maggiore in cui i buoni vengono utilizzati».

IL PD E LA CGIL. Considerando dunque «l’impiego ristretto dei voucher e il fatto che chi ne usufruisce guadagna all’incirca 400 euro all’anno, è chiaro che la Cgil si è accanita contro i buoni perché costituiscono un bersaglio facile. Invece, non si occupa di temi più urgenti, come i 2 milioni di lavoratori che lavorano in nero assoluto, soprattutto nel centro e sud Italia, i circa 1 milione e mezzo di precari nella pubblica amministrazione o nella scuola, o i 340 mila tirocinanti extra curriculari che continuano a passare da uno stage all’altro (una forma contrattuale molto più precaria dei voucher)». L’eliminazione dei voucher quindi è, in ultima analisi, un «danno d’immagine per il Pd che sancisce la vittoria della Cgil».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi
Sulle tracce di Cristo - Viaggio in Terrasanta con don Luigi Giussani

Tempi Motori – a cura di Red Live

LIVE Una delle 600 Supersport più amate di sempre si rinnova, dimostrando che Yamaha crede ancora in una categoria che altri hanno dato già per spacciata. Troppo severe le norme anti inquinamento per i frullini da 600 cc che a furia di smagrire le carburazioni sono diventati anoressici di coppia e poco godibili su strada, […]

L'articolo Prova Yamaha R6 2017 proviene da RED Live.

La primavera è per definizione la stagione più di altre foriera di novità. E le novità fioriscono anche in KTM. Dopo il lancio del tour internazionale Track ‘N Test, che farà tappa anche a Misano dal 7 al 9 aprile, ecco difatti profilarsi un’altra iniziativa. Partiamo dalla sigla C.O.R.E., ossia Complete Off Road Education e che […]

L'articolo KTM Adventure Hard C.O.R.E. proviene da RED Live.

È un’evoluzione e non una rivoluzione, questo si capisce anche da nome. Quel “Max” aggiunto si traduce in migliorie a un prodotto, Dunlop SportSmart 2, che ottenuto un buon successo sul mercato ma che meritava un upgrade per rimanere al passo con i tempi. Operazione necessaria perché l’andamento del mercato delle moto parla molto chiaro: […]

L'articolo Prova Dunlop SportSmart 2 Max proviene da RED Live.

Quando un’azienda si permette di dire che la sua forza risiede nell’inventare quello che non esiste ancora e riconsiderare e ridefinire quello che esiste già, i casi sono due: o se la tira o fa molto sul serio e, oggi che la specializzazione nel mondo della MTB è massima, quando un brand mette in campo […]

L'articolo Le nuove gomme Michelin per XC e All Mountain proviene da RED Live.

“Quelle foto lì le facevo alla Bellucci”. Così, spuntando dal nulla, si è rivolto a noi uno strano personaggio sulla settantina, capello mosso bianco e lungo, stile Maurizio Vandelli, nell’incantevole borgo di San Leo, mentre lo staff di RED riprendeva le nostre imponenti americane nel bel mezzo della piazza principale. Non siamo nemmeno riusciti a […]

L'articolo Harley-Davidson, in viaggio lungo la Linea Gotica proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana